Il Cambridge College e il Museo di Parigi restituiscono manufatti africani saccheggiati

LONDRA (Reuters) – Un college dell’Università di Cambridge e un museo a Parigi consegneranno mercoledì i manufatti culturali saccheggiati dall’Africa occidentale dell’era coloniale, un precedente che farà pressione su altre istituzioni per restituire le opere rubate.

Il Jesus College, Cambridge, restituirà una statua di Cockerell presa dalle forze britanniche nel 1897, una delle centinaia di statue di bronzo in Benin saccheggiate dal grande Regno del Benin, situato nell’attuale Nigeria. Sono tra i manufatti culturalmente più significativi in ​​Africa.

“È la cosa giusta da fare per rispetto dell’eredità e della storia uniche di questo manufatto”, ha detto Sunita Allen, un maestro del Jesus College, prima della cerimonia di consegna del gallo per una delegazione nigeriana.

Dopo che il gallo fu saccheggiato, fu consegnato al Jesus College nel 1905 dal padre di uno degli studenti. Il college ha annunciato nel 2019 che l’avrebbero riportata in Nigeria.

La resa segna una pietra miliare nella lunga lotta delle nazioni africane per reclamare le opere saccheggiate dagli esploratori e colonizzatori occidentali, in un momento in cui molte istituzioni europee sono alle prese con l’eredità culturale del colonialismo.

Gli storici dell’arte francesi ritengono che circa il 90% del patrimonio culturale africano si trovi in ​​Europa. Il solo Museo Quai Branly di Parigi ospita circa 70.000 oggetti africani. Il British Museum di Londra ne possiede decine di migliaia di altri.

La Germania ha accettato di iniziare a restituire i bronzi del Benin conservati nei suoi musei il prossimo anno. L’Università britannica di Aberdeen ha dichiarato che giovedì restituirà una moneta di bronzo del Benin raffigurante la testa del re Oba. Ha aggiunto di aver acquistato la statua a un’asta nel 1957.

READ  Le forze del Tigray annunciano il controllo di due città sulla strada per la capitale etiope | Etiopia

Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto agli studenti del Burkina Faso nel 2017 che “il patrimonio africano non può essere solo nelle collezioni private e nei musei europei”.

In una cerimonia presieduta da Macron, il Museo Kwai Branly della Repubblica del Benin consegnerà 26 manufatti trafugati dal Regno di Abomey nel 1892. Sono tra le 5.000 opere richieste dal Paese dell’Africa occidentale.

“Ne abbiamo davvero bisogno, è solo l’inizio”, ha detto Ossebi Dosso, un cittadino del Benin in visita al Museo Kwai Branly. Vogliamo tutto indietro.

Il governo nigeriano ha ringraziato il Jesus College per essere stato un “pioniere” e ha detto che non vede l’ora che vengano restituiti altri manufatti da altre istituzioni.

Il British Museum ha parlato di “opportunità di condividere ed esporre” oggetti della sua collezione in Nigeria, ma non ha mai detto che trasferirà la proprietà.

(Segnalazione di Estelle Charbonne) Montaggio di William MacLean

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *