Il boss mafioso italiano in isolamento ha vinto il diritto di ascoltare musica nella sua cella

Un tribunale italiano ha stabilito che un boss mafioso in carcere da più di 20 anni ha il diritto di ascoltare musica nella sua cella.

Dominico Streiscioglio, 48 anni, aveva richiesto un lettore CD per la sua cella, ma i funzionari della prigione di Sasari, in Sardegna, hanno rifiutato la richiesta.

Ha fatto appello, un tribunale di Sasari si è pronunciato a suo favore, dicendo che ascoltare la musica era un diritto umano fondamentale.

Il tribunale ha osservato che un boss mafioso di nome Streisio Cleo, della parte meridionale di Bagliya, aveva accesso a diversi canali televisivi, ma che “non erano in grado di soddisfare chiunque fosse interessato all’ascolto della musica”.

Striciucleo, una potente mafia del porto di Barry sulla costa adriatica, è in prigione dal 1999 dopo aver scontato 22 anni di carcere per omicidio e altri crimini.

Nonostante il suo passato violento, la corte ha stabilito che “ha il diritto di perseguire attività culturali”.

Il tribunale ha stabilito che questo era più appropriato perché Stricuiglio era stato arrestato sotto il duro regime carcerario italiano.

Mafia Dance non ha attività di regime, culturali, di intrattenimento o sportive volte a ridurre il rischio di un contatto costante con il mondo esterno, vietando l’accesso ai pacchi e nessun contatto con altri detenuti. Le visite ai familiari sono rare e i detenuti sono tenuti in isolamento.

Nel 2019, Streiscio ha vinto un’altra causa, sostenendo con successo che avrebbe dovuto essere autorizzato a guardare la televisione dopo mezzanotte, se lo desiderava.

Un tribunale ha stabilito che i tentativi dei funzionari della prigione di limitare la sua visione erano “un sacrificio irragionevole” per un detenuto che era rinchiuso nella sua cella “per almeno 21 ore al giorno”.

READ  Lotteria delle ricevute: come funziona con un acquisto in farmacia

Striciucleo era il capo di un clan all’interno di un mondo criminale noto come Barry Camora, da non confondere con il più famoso Camora di Napoli. Le bande criminali di Barry sono state coinvolte in estorsioni, rapine e traffico di droga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *