Il boss del Watford Claudio Ranieri insiste che la disputa con la Nigeria su Emmanuel Denis sia finita

Il boss del Watford Claudio Ranieri insiste sul fatto che la faida con la Nigeria su Emmanuel Denis è finita nonostante l’allenatore della nazionale abbia affermato che gli Hornets hanno “minacciato” l’attaccante di impedirgli di recarsi alla Coppa d’Africa.

  • Emmanuel Denis di Watford è stato rimosso dalla squadra della Coppa d’Africa della Nigeria
  • L’allenatore della Nigeria Augustin Iguafuen ha affermato che il club “ha minacciato” l’attaccante
  • Ma Claudio Ranieri ha risposto alle accuse e ha insistito che era finita


Claudio Ranieri ha insistito che la faida su Emmanuel Denis fosse finita dopo che la Nigeria ha accusato il Watford di “minacciare” l’attaccante per impedirgli di recarsi alla Coppa d’Africa.

La Nigeria ha confermato venerdì che il capocannoniere del Watford Denis era “esente” dalla sua squadra originale, sostenendo che il suo club stava “portando le zanne” per costringerlo al ritiro.

Ranieri ha rivelato a metà settimana che la Nigeria ha mancato una scadenza per informare Watford della sua intenzione di scegliere Denis per il torneo e che un errore manageriale ha dato loro spazio per rifiutare la sua convocazione.

Claudio Ranieri ha insistito che la faida con la Nigeria su Emmanuel Denis (sopra) fosse chiusa

“Abbiamo cercato di comunicare con il club, ma il club ha detto: ‘No, non lasceremo andare Dennis'”, ha detto l’allenatore della Nigeria Augustin Iguafuen.

Denis mi ha anche detto che il suo club ha fatto tutto il possibile per non partecipare alla Coppa d’Africa.

READ  La Salernitana è stata promossa in Serie A, il Monza Berlusconi nelle qualificazioni

Non posso forzare, ho segnalato all’autorità e hanno provato anche quello. Questo è il motivo per cui abbiamo dovuto aspettare fino all’ultimo secondo prima di premere il pulsante.

Denis avrebbe detto al Ct della Nigeria Augustin Iguafuin che il Watford

Denis avrebbe detto al Ct della Nigeria Augustin Iguafuin che il Watford “ha fatto tutto il possibile in termini umani per non partecipare alla Coppa d’Africa”.

Dennis ha detto che voleva venire ma il club lo stava minacciando, lasciatemi usare la parola, e lo ha minacciato.

“Cosa facciamo se il giocatore non vuole venire? Cosa farai? Dobbiamo giocare con quello che abbiamo.

Dopo la sconfitta per 1-0 del Watford contro il Tottenham, Ranieri ha risposto alle accuse di Iguavoen, dicendo: “Penso che la Nigeria dovrebbe parlare con [Watford] Il consiglio di amministrazione, non il direttore. Io sono l’allenatore e il giocatore resta qui e sono felice che sia finita per me.

Il capo del Watford Ranieri (sopra) ha risposto alle accuse, sostenendo che era finita

Il capo del Watford Ranieri (sopra) ha risposto alle accuse, sostenendo che era finita

Mentre Dennis resta in Inghilterra, Watford perde il difensore nigeriano William Trost-Ekong, il duo marocchino Adam Massina e Imran Loza e l’ala senegalese Ismail Sarr.

“Ora sto perdendo alcuni giocatori ma dobbiamo fare qualcosa e poi vedremo – ha detto Ranieri -. Parliamo tutti i giorni con la dirigenza e sono sicuro che stanno cercando di fare qualcosa per noi.

Ranieri si aspettava che il Watford battesse la retrocessione anche se la loro sesta sconfitta consecutiva ha messo a rischio il suo lavoro.

Gli Hornets perderanno William Trost-Ekong (a destra), Adam Massena, Imran Loza e Ismaila Sarr per la Coppa d'Africa.

Gli Hornets perderanno William Trost-Ekong (a destra), Adam Massena, Imran Loza e Ismaila Sarr per la Coppa d’Africa.

Ranieri ha perso 10 delle 12 partite da quando è subentrato a ottobre e la sua squadra cadrà al terzo posto se Burnley batterà oggi il Leeds.

READ  MS Dhoni si cimenta nel match italiano mentre allena il CSK

Ma l’italiano, noto soprattutto per aver portato il Leicester al titolo di Premier League, era di buon umore dopo una migliore prestazione difensiva che ha visto la sconfitta per 1-0 della sua squadra contro il Tottenham Hotspur con un colpo di testa al 96 ‘di Davinson Sanchez.

L’italiano ha promesso: “Siamo vivi e vivremo”.

Annunci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *