Il Belgio cerca una cascata e un lato positivo per l’Italia

Euro 2016, in particolare, è l’occasione più triste e migliore per il paese di vincere qualcosa. Quindi, è anche vero che questa partita è in ritardo di un anno. Se Euro 2020 si fosse effettivamente svolto nel 2020, il Belgio sarebbe stato un anno più giovane e un anno più rinfrescante. Forse ha fatto la differenza.

Alcune delle sue posizioni chiave sono, ovviamente, fuori dal tempo. Vermaelen 35, Vertonghen 34 e Alderwild 32. Witzel, Nasser Chadley e Trees Mertens sono tutti all’inizio della loro carriera. Anche il ferito – solo 30 anni, ma che è stato afflitto da lesioni negli ultimi due anni – potrebbe ora essere in rapida discesa dal suo picco miracoloso. Per alcuni, se non tutti, la prossima grande competizione in Qatar il prossimo inverno sarà probabilmente un passo avanti.

La generazione d’oro del Belgio – la squadra che ha apportato i cambiamenti più estetici dal primo torneo nel 2014 – non farà mai quel salto finale, non vincerà mai nulla, non si unirà mai, non si unirà.

Eppure qui c’è un malinteso, perché quando l’orologio batte la mezzanotte, nulla si ferma. Significa che inizia un nuovo giorno. Le generazioni non salgono e scendono in perfetta armonia; Muoiono e si fondono l’uno nell’altro.

Vermaelen, Vertonghen e Witzel non prenderanno parte alla prossima Coppa del Mondo, ma arriveranno Yuri Tylemans e Yannick Karasco e Timothy Costagne. Quindi, principalmente, de Bruyne e Lukaku. Il Belgio non scomparirà. Il binario – vincere qualcosa ora o condannare alla rabbia per sempre – è sempre un’illusione. Martinez, se è al suo posto, potrebbe portare un lato spaventoso in Qatar.

READ  Porsche Italia, Commento alla sessione odierna (21 dicembre 2020)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *