Il belga Stoevin ha scioccato i candidati alla vittoria del primo “Monumento” nella Milano-Sanremo

Il pilota belga Jasper Stoen ha teso un’imboscata ai candidati per aggiudicarsi la vittoria nella classica partita di un giorno Milano-Sanremo di sabato per ottenere il suo primo successo “monumento”.

Il concorrente di Trek ha attaccato in ritardo e ha fermato i corridori, mentre l’australiano Caleb Ewan era secondo, davanti al vincitore dello scorso anno Wout van Aert del Belgio.

Il 28enne Stuyven ha ottenuto la più grande vittoria della sua carriera con un attacco di 2,5 km ben programmato per percorrere 299 chilometri attraverso l’Italia nord-occidentale.

Iwan ha condotto una volata in ritardo oltre Van Art sotto il sole verso il traguardo di Via Roma a San Remo, ma Stuyven aveva già vinto.

“Questa volta, sono molto deluso”, ha detto Ewan, il concorrente Lotto-Soudal, già secondo nel 2018.

“È sempre una lotteria. Alla fine ho rischiato perché era quello che dovevo fare per vincere. Alla fine, abbiamo aspettato così tanto. Spero la prossima volta”.

Amara delusione anche per Van Ayrt, Matthew van der Boyle e Julian Alavelipe.

Il trio si è guardato l’un l’altro tutto il giorno, specialmente sull’ultima salita di Poggio che di solito funge da trampolino di lancio per i battitori verso una fine tesa.

Come previsto, Alaphilippe, il vincitore del 2019, ha continuato l’attacco dopo qualche coercizione da parte di Ineos, in particolare l’italiano Filippo Ganna.

Ma il campione del mondo francese, seguito da Van Aert, non è riuscito ad aumentare il divario, a differenza dei vincitori delle due gare precedenti, scavalcando il 16 ° posto.

In vetta al Poggio, a 5,5 chilometri dalla fine, un gruppo di decine di cavalieri si è ribaltato davanti e ha respinto velocemente lo sbarco alle spalle del britannico Tom Bedcock.

READ  Rafael Nadal e Novak Djokovic nei quarti di finale dell'Open d'Italia, tornano i tifosi

Stuyven ha tentato la fortuna in fondo alla discesa e lo ha raggiunto nell’ultimo miglio dal Suren Crag Andersen del DSM, seduto al volante di Dane prima di lanciarsi da lontano.

L’ex campione del mondo junior ha vinto nove gare da quando è diventato un professionista nel 2014, ma il suo miglior risultato ‘Monument’ è stato il quarto alla Parigi-Roubaix nel 2017.

“All’inizio c’erano tre cavalieri molto forti e non pensavamo di vincere”, ha detto Stoevin.

“Ma stavo passando una giornata meravigliosa.

“Sapevamo che a Boggio tutti aspettavano il big bang (da Peloton).

“Sono riuscito a rimanere nel gruppo di testa. In cima alla collina, ho deciso di attaccare e sparare tutto o niente.

“Non c’erano assistenti in quel gruppo, ma i tre grandi (Van der Boyle, Van Art, Alvelipe) erano lì, sapevo che si sarebbero guardati un po ‘l’un l’altro.

“Quello che ha colmato il gap non avrebbe vinto. Dovevo credere nella mia possibilità fino alla fine. Venivano da dietro”.

“È stato l’ultimo metro più difficile della mia carriera, ma ho vinto altre gare in modo simile.

“È uno dei miei punti di forza, stare davanti se mi danno il divario. Vincere un memoriale in questo modo è davvero bello”.

– “occasione persa” –

Lo slovacco Peter Sagan è arrivato quarto con Van der Boyle, che era tra i favoriti dopo aver battuto la Strade Bianche questo mese al quinto posto.

L’olandese Van der Boyle sognava di vincere dopo 60 anni dal nonno francese Raymond Polidor.

Sagan era “un po ‘arrabbiato per aver perso l’occasione” quando è arrivato quarto per la quinta volta.

READ  Texas-Colorado match result: After Sam Ellinger is injured, Longhorns' team catches attention in defeating Alamo Powell

“È agrodolce per me Milan-Sanremo”, ha detto Sagan, che non ha mai vinto la classica italiana di “Primavera” in 11 partite.

Anche Van Art si è lamentato del suo errore, essendo combattuto tra il voler attaccare e il salvarsi per il nemico finale nel primo “monumento” della stagione.

“Ha attaccato, ma non abbastanza veloce da fare la differenza. Alla fine è stato difficile prendere la decisione giusta”, ha sospirato il vincitore del 2020.

“Una volta arrivati ​​in fondo, Jasper ha continuato l’attacco, ed è stata davvero una buona mossa.

“È stato difficile per me inseguirmi e molti uomini mi guardavano. Alla fine si è accorciato e Caleb Ewan è stato un po ‘più veloce”.

GM-E / GC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *