I talebani tengono i primi colloqui in Europa da quando l’Afghanistan ha preso il potere | Notizie di Taiwan

Oslo, Norvegia (AFP) – I talebani ei diplomatici occidentali hanno iniziato i loro primi colloqui formali in Europa da quando hanno preso il controllo dell’Afghanistan ad agosto.

Gli incontri a porte chiuse si sono tenuti in un hotel sulle montagne innevate sopra la capitale norvegese. I rappresentanti talebani faranno sicuramente pressione sulle loro richieste per il rilascio di quasi 10 miliardi di dollari congelati dagli Stati Uniti e da altri paesi occidentali mentre l’Afghanistan deve affrontare una situazione umanitaria instabile.

“Chiediamo loro di sbloccare i beni afgani e di non punire i comuni afgani per la retorica politica”, ha affermato domenica sera il delegato talebano Shafiullah Azzam. “A causa della carestia e dell’inverno mortale, penso che sia giunto il momento che la comunità internazionale sostenga gli afgani, non li punisca per le loro divergenze politiche”.

Prima dei colloqui, diplomatici occidentali si sono incontrati con attiviste per i diritti delle donne e difensori dei diritti umani afgani per ascoltare le opinioni della società civile in Afghanistan e della diaspora afgana sulle loro richieste e sulla loro valutazione della situazione attuale sul campo. All’incontro hanno partecipato rappresentanti dell’Unione Europea, degli Stati Uniti, della Gran Bretagna, della Francia, dell’Italia e della Norvegia ospitante.

L’attivista per i diritti delle donne Heda Khamoush, che viveva a Kabul, è rimasta in silenzio mentre i partecipanti si riunivano, sollevando le foto di Tamana Zaryabi Pariani e Parwana Ibrahimkhel, due donne arrestate dai talebani la scorsa settimana dopo una protesta anti-talebana contro il velo islamico obbligatorio, o velo per donne. Da allora non si sono più visti.

Azzam ha respinto l’accusa di essere stati rapiti dai talebani, ha detto che “non ne era a conoscenza” e ha suggerito che gli attivisti potrebbero usare l’evento per chiedere asilo.

READ  Il dollaro è sulla buona strada per il suo anno migliore dal 2015

Parlando dopo l’incontro, l’attivista per i diritti delle donne Mahbouba Siraj ha respinto con rabbia questo e ha avvertito che “se continuano così – a dirci una cosa ea farne un’altra – allora la fiducia crollerà completamente”.

I colloqui di tre giorni sono iniziati domenica con incontri faccia a faccia tra i talebani ei rappresentanti della società civile.

Una dichiarazione congiunta su Twitter inviata dal viceministro afgano della Cultura e dell’Informazione, Zabihullah Mujahid, ha affermato che “i partecipanti all’incontro hanno riconosciuto che la comprensione e la cooperazione reciproche sono l’unica soluzione a tutti i problemi dell’Afghanistan” e hanno sottolineato che “tutti gli afgani devono lavorare insieme per ottenere risultati politici ed economici.” e una migliore sicurezza nel Paese”.

Siraj ha riconosciuto i progressi compiuti. “Sì, stavano ascoltando. Devo dirlo”, ha detto lunedì mattina. Abbiamo dato loro un foglio. Abbiamo chiesto loro cosa volevamo. Lo hanno preso. Sono stati molto amichevoli. “

I colloqui arrivano in un momento cruciale per l’Afghanistan, dove le temperature gelide hanno esacerbato la miseria della spirale discendente che è arrivata con la caduta del governo appoggiato dagli Stati Uniti e la presa del potere da parte dei talebani.

Gruppi di aiuto e agenzie internazionali stimano che 23 milioni di persone, più della metà del Paese, stiano affrontando una grave fame e quasi 9 milioni siano sull’orlo della fame. Le persone ricorrevano alla vendita dei loro beni per comprare cibo, bruciare mobili per riscaldarsi e persino vendere i loro figli. Le Nazioni Unite sono state in grado di fornire un po’ di contanti e hanno permesso all’amministrazione talebana di pagare le importazioni, compresa l’elettricità.

Di fronte alla richiesta di finanziamenti da parte dei talebani, è probabile che le potenze occidentali mettano i diritti delle donne e delle ragazze in Afghanistan in cima alla loro agenda, insieme alla reiterata richiesta dell’Occidente affinché l’amministrazione talebana condivida il potere con le minoranze etniche e religiose dell’Afghanistan .

READ  L'amministratore delegato di Snam vede nel Mezzogiorno il nuovo polo energetico nel piano di ripresa dell'Unione Europea

Da quando sono saliti al potere a metà agosto, i talebani hanno imposto restrizioni diffuse, molte delle quali rivolte alle donne. Alle donne è stato impedito di svolgere molti lavori al di fuori della salute e dell’istruzione, il loro accesso all’istruzione dopo la prima media è stato limitato e le è stato ordinato di indossare un velo. Tuttavia, i talebani si sono fermati prima di imporre il burqa, che era obbligatorio quando precedentemente governavano l’Afghanistan negli anni ’90.

I talebani hanno preso di mira sempre più i gruppi per i diritti umani assediati in Afghanistan, così come i giornalisti, e hanno arrestato e talvolta picchiato troupe televisive che coprivano le manifestazioni.

Una delegazione statunitense, guidata dal rappresentante speciale per l’Afghanistan Tom West, intende discutere “la formazione di un sistema politico rappresentativo; la risposta alle crisi economiche e umanitarie urgenti; le preoccupazioni relative alla sicurezza e all’antiterrorismo; e i diritti umani, in particolare l’istruzione delle ragazze e delle donne”. “, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Stato americano.

Il Paese scandinavo, patria del Premio Nobel per la Pace, non è estraneo alla diplomazia. È stato coinvolto in sforzi di pace in numerosi paesi, tra cui Mozambico, Afghanistan, Venezuela, Colombia, Filippine, Israele, Territori Palestinesi, Siria, Myanmar, Somalia, Sri Lanka e Sud Sudan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *