I serpenti a sonagli usano trucchi vocali per ingannare le orecchie umane

I ricercatori hanno riferito il 19 agosto che i serpenti a sonagli aumentano il loro tasso di tintinnio quando si avvicinano potenziali minacce e questo improvviso passaggio alla modalità a frequenza più alta fa sì che gli ascoltatori, compresi gli umani, pensino di essere più vicini di quanto non siano in realtà.NS nella rivista biologia attuale.

“I nostri dati mostrano che la presentazione vocale dei serpenti a sonagli, che per decenni è stata interpretata come un semplice segnale acustico di avvertimento sulla presenza di un serpente, è in realtà un segnale di comunicazione molto più complesso tra le specie”, afferma l’autore senior Boris Chagno di Karl-Franzens- Università Graz. “Il passaggio improvviso alla modalità ad alta frequenza agisce come un segnale intelligente che inganna l’ascoltatore sulla distanza effettiva tra lui e la sorgente sonora. Pertanto, l’errata interpretazione della distanza da parte dell’ascoltatore crea un margine di sicurezza per la distanza. “

I serpenti a sonagli scodinzolano vigorosamente per avvertire gli altri animali della loro presenza. Precedenti studi hanno dimostrato che i crepitii variano in frequenza, ma si sa poco sulla rilevanza comportamentale di questo fenomeno o sul messaggio che invia agli ascoltatori. La prova di questo enigma è arrivata durante una visita a una struttura per animali, dove Shagnot ha notato un aumento della frequenza di crepitii mentre si avvicinava ai serpenti a sonagli, ma diminuiva mentre si allontanava.

Serpente a sonagli occidentale

Questa immagine mostra una vipera occidentale dal dorso di diamante pronta a farsi prendere dal panico. Credito: Tobias Cole

Sulla base di questa semplice osservazione, Shagno e il suo team hanno eseguito esperimenti in cui i corpi sembravano muoversi verso i serpenti a sonagli. Una delle cose che usavano era un torso umano, e l’altra era una tavoletta nera incombente che sembrava avvicinarsi aumentando di dimensioni. All’avvicinarsi di potenziali minacce, la frequenza di vibrazione è aumentata a circa 40 Hz e poi si è spostata improvvisamente a una gamma di frequenza più alta, tra 60 e 100 Hz.

READ  Scoperte "incredibili" dimostrano gli uragani di plasma spaziale | Notizie di scienza e tecnologia

Ulteriori risultati hanno mostrato che i serpenti a sonagli adattavano la loro velocità di vocalizzazione in risposta alla velocità di avvicinamento di un oggetto piuttosto che alle sue dimensioni. “Nella vita reale, i serpenti a sonagli sfruttano vibrazioni aggiuntive e segnali a infrarossi per rilevare l’approccio dei mammiferi, quindi ci aspettiamo che le risposte rumorose siano più robuste”, afferma Chagneau.

Per testare come gli altri percepiscono questo cambiamento nel tasso di tintinnio, i ricercatori hanno progettato un ambiente di realtà virtuale in cui 11 partecipanti sono stati trasportati attraverso una prateria verso un serpente nascosto. Il suo tasso di stridio è aumentato quando gli umani si sono avvicinati e improvvisamente sono balzati a 70 Hz su una distanza ipotetica di 4 metri. Agli ascoltatori è stato chiesto di indicare quando la sorgente sonora è apparsa a un metro di distanza. L’improvviso aumento della frequenza del crepitio ha indotto i partecipanti a sottovalutare la distanza tra loro e l’ipotetico serpente.

“Non solo i serpenti annunciano la loro presenza, ma hanno sviluppato una soluzione innovativa: un allarme acustico della distanza simile a quello che si trova nelle auto durante la guida in retromarcia”, afferma Chagneau. “L’evoluzione è un processo casuale e ciò che potremmo interpretare dal punto di vista di oggi come un design elegante è in realtà il risultato di migliaia di esperimenti su serpenti che affrontano grandi mammiferi. Il serpente che sferraglia con la percezione uditiva dei mammiferi si è evoluto per tentativi ed errori, lasciando dietro di sé quei serpenti che erano meglio in grado di evitare di calpestarla.”

Riferimento: “La modulazione di frequenza dell’ampiezza vocale dei serpenti a sonagli influenza la percezione della distanza vocale negli esseri umani” di Michael Forsthofer, Michael Schott, Harald Luchsch, Tobias Kohl, Lutz Wegreb e Boris B. Chagneau, 19 agosto 2021, disponibile qui. biologia attuale.
DOI: 10.1016 / j.cub.2021.07.018

READ  Gli scienziati stanno cercando di correggere le mappe piatte con nuove proiezioni a doppia faccia

Il finanziamento è stato fornito dal Centro di neuroscienze di Monaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *