I seguaci di QAnon che sono andati a Dallas per cercare JFK Jr si rifiutano di andarsene

Decine di seguaci di QAnon che sono scesi al Dealey Plaza di Dallas per assistere alla cosiddetta “resurrezione” di JFK si sarebbero rifiutati di tornare a casa.

Un certo numero di seguaci di QAnon sono stati visti di nuovo a Dealey Park questo fine settimana formare una “Q” gigante in formazione, come Immagini e screenshot sui social.

secondo Vice NotizieI rimanenti fedeli di QAnon stavano seguendo le parole di Michael Brian Protzman, che a quanto pare ha chiamato Dallas la “Terra Promessa” in una chat audio ottenuta dal notiziario.

Sabato è stato visto guidare il gruppo ed è stato anche fotografato mentre indicava una piramide che secondo lui era una prova degli Illuminati.

I teorici della cospirazione citano spesso il gruppo dell’Illuminismo come responsabile dell’assassinio dell’ex presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy nel 1963.

I filmati di Dallas della scorsa settimana sembrano mostrare dozzine, se non centinaia, di follower di QAnon all’AT&T Discovery Plaza, meglio conosciuto come Dealey Plaza.

È qui che John F. Kennedy fu assassinato nel 1963. Nel frattempo, suo figlio morì in un incidente aereo nel 1999 all’età di 28 anni. I due non si sono più presentati né martedì né durante il fine settimana.

sostenuto che I seguaci della cospirazione credevano Il figlio dell’ex presidente degli Stati Uniti Tornerà dalla morte Annunciare lo spettacolo del 2024 con Donald Trump, altro ex presidente degli Stati Uniti – o almeno riportarlo in carica.

Altri credono che anche John F Kennedy tornerà con suo figlio, che diventerà presidente dopo le dimissioni di Trump, come Lo riporta il Dallas Morning News.

READ  Colpo di stato del Myanmar: l'esercito blocca l'accesso a Facebook mentre cresce la disobbedienza civile | Sviluppo globale

Vice Notizie Ha riferito che Protzman avrebbe detto ai follower che un membro noto come “Minister Pim” sull’app di messaggistica di Telegram stava cercando un quartier generale di QAnon a Dallas.

Molti sui social media e commentatori politici hanno espresso le loro paure e il loro sconcerto alla manifestazione di martedì scorso e al complotto di QAnon nel suo insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *