I rischi di non conformità e potere asimmetrico: spiegare le prospettive degli Stati membri dell’UE sulle riforme della governance economica

La progettazione del sistema di governance economica dell’Unione europea ha causato frequenti disaccordi tra gli Stati membri. Basandosi su un nuovo studio, Fabio Franchino E il Camila Mariotto Illustrare come i rischi per gli Stati membri di non conformità e la distribuzione del potere contrattuale nel consiglio aiuta a spiegare le posizioni che i governi hanno assunto sulle riforme della governance economica.

Il 21 luglio 2010, Wolfgang Schäuble, ministro delle finanze tedesco, e Christine Lagarde, ministro dell’economia francese, hanno inviato una lettera al presidente del Consiglio europeo, Hermann Van Rompuy, come contributo al dibattito sulla riforma in corso dell’economia dell’Unione europea. governo.

Sostenevano che questo sistema necessitava di “un’efficace applicazione del controllo economico attraverso sanzioni appropriate”. I Paesi che ripetutamente non rispettano le regole fissate dal Patto di stabilità e crescita dovrebbero essere soggetti a “sanzioni politiche come la sospensione del diritto di voto”. Altri paesi, come la Slovacchia, hanno chiesto misure più forti, come l’uscita dalla zona euro. Queste posizioni non sono riuscite a ottenere una maggioranza sufficiente. I depositi e le multe sono rimasti stabili allo 0,2% del PIL del paese incriminato.

Questo esempio illustra una delle principali questioni controverse emerse durante i negoziati sulle riforme della governance economica avvenuti tra il 1997 e il 2012. studi recentiSpieghiamo perché i governi dell’UE prendono posizioni diverse.

Rischi di non conformità, potere asimmetrico e progettazione esecutiva

La maggior parte di queste controversie può essere ricondotta a tre questioni generali: a) il livello di discrezionalità nazionale nell’attuazione di questo sistema, il livello di partecipazione b) il consiglio ec) la commissione nella sua attuazione. Abbiamo avanzato una serie di aspettative su come i rischi di non conformità e asimmetria di potere tra i paesi modellano le posizioni dei governi sulla progettazione e l’applicazione discrezionali.

In primo luogo, la profondità della cooperazione e il rischio di non conformità sono intrinsecamente collegati. Se il governo vuole evitare i costi associati alla violazione (come sanzioni pecuniarie, costi pubblici e di reputazione), è probabile che le disposizioni che espandano la discrezionalità nazionale, ovvero consentano una cooperazione debole e riducano il rischio di violazione di tale accordo, sostenere un tale accordo. In altre parole, i governi a maggior rischio di non conformità dovrebbero spingere per un’attuazione più discrezionale del sistema.

READ  FCC Chairman Ajit Bay abandoned his legal attempt to "clarify" Internet law

In secondo luogo, dopo il sistema intergovernativo liberale, dovremmo aspettarci che i governi che si aspettano maggiori difficoltà di conformità siano più riluttanti a delegare poteri esecutivi a un’agenzia sovranazionale come la Commissione. Tuttavia, questa aspettativa può essere problematica se vista come Cetriolo tra il Consiglio e la Commissione. Da questo punto di vista, dovremmo aspettarci che i governi, specialmente quelli a maggior rischio di non conformità, favoriscano azioni esecutive su cui possono esercitare una maggiore influenza.

Gli stati più piccoli possono preferire la centralizzazione (delega) perché la parità di trattamento all’interno della commissione (ogni stato ha il proprio commissario) aumenta la sua influenza, mentre il consiglio dà agli stati più grandi una maggiore influenza quando deciso con voto a maggioranza qualificata. I piccoli stati che prevedono problemi di conformità favoriscono ancora il conferimento di poteri alla commissione piuttosto che al consiglio? I grandi Stati che si aspettano di conformarsi preferirebbero mantenere il controllo dell’applicazione in seno al Consiglio piuttosto che diminuire la loro influenza nel Comitato? In che modo le dimensioni (asimmetria della forza) e il rischio di non conformità modellano simultaneamente gli atteggiamenti verso la progettazione dell’applicazione?

Gli Stati più grandi a rischio di non conformità possono spingere affinché l’azione del Consiglio abbia un impatto maggiore su di essa, mentre gli Stati più piccoli in una situazione simile possono trovarsi di fronte a un dilemma. D’altro canto, un’applicazione centralizzata può essere più attraente perché conferisce loro maggiore influenza rispetto a una procedura approvata dal consiglio. D’altra parte, possono essere riluttanti a consentire a un comitato troppo zelante di far rispettare le regole.

Test pilota

READ  Orange Layer per aiutare gli affari a rimbalzare - NBC 7 San Diego

Abbiamo raccolto informazioni sulle posizioni assunte dai governi sulle controverse questioni relative all’attuazione che hanno caratterizzato i negoziati sulle riforme della governance economica. I nostri risultati illustrano alcune dinamiche interessanti.

Come previsto, abbiamo scoperto che i governi che affrontano maggiori rischi di non conformità preferiscono non solo una maggiore discrezione (minore cooperazione) ma anche un maggiore coinvolgimento del consiglio nell’attuazione. Se Hanno un potere di voto più alto (più potere) all’interno di questa istituzione. Come mostrato nella Figura 1, è probabile che i governi al di sopra dell’indice di potere di voto del tre percento (cioè l’indice del governo svedese nel 2011) favoriscano una maggiore partecipazione al consiglio con un aumento del rischio di non conformità. Al di sopra di questo limite, i governi che sostengono una maggiore partecipazione hanno un rapporto medio debito/PIL (la nostra misura del rischio di non conformità) che è di circa ventinove punti percentuali superiore rispetto ai governi che supportano una minore partecipazione.

Figura 1: Effetto marginale del rischio di non conformità sul favorire una maggiore partecipazione al consiglio rispetto al potere di voto

NB: Per ulteriori informazioni, vedere il documento complementare agli autori in EU Policy.

Mantenendo tutte le altre covariate entro i propri limiti, se un paese grande come l’Italia sperimenta un aumento del rischio di non conformità (in particolare, una deviazione standard del suo rapporto debito/PIL sulla media complessiva), la probabilità che il suo governo sosterrà più La partecipazione al Discretion Board aumenta di ben 45 punti percentuali. Se il governo maltese fosse nella stessa posizione, questa probabilità diminuirebbe effettivamente di poco più di un punto percentuale, che è leggermente diverso da zero. In sintesi, il rischio di non conformità e le risorse energetiche (volume) sono potenti predittori di situazioni legate all’attuazione discrezionale e al coinvolgimento del consiglio di amministrazione nell’applicazione.

READ  Il settore alimentare italiano continua a riprendersi ad aprile

Tuttavia, le cose sono più complicate per quanto riguarda i poteri della commissione. Questi fattori spiegano in parte gli atteggiamenti nei confronti del ruolo della Commissione. In alcuni casi, diverse fonti di energia spingono i sussidi a potenziare questa istituzione, con gli stati più piccoli che mostrano maggiore entusiasmo e riluttanza per gli stati più grandi. Tuttavia, in altre circostanze, le aspettative di problemi di conformità rendono i governi dei paesi più piccoli più riluttanti, in particolare quando la Commissione è vista come un severo garante.

Non è facile per questi governi uscire da questo enigma, e forse a causa di questa indifferenza, troviamo il sostegno pubblico nazionale dell’UE per orientare le posizioni dei governi. Una diminuzione della deviazione standard del sostegno pubblico pervasivo di quattordici punti percentuali riduce la probabilità che il governo favorisca una maggiore partecipazione dell’esecutivo sovranazionale.

Data la crescente politicizzazione di massa della politica dell’UE, questo ruolo crescente dell’opinione pubblica merita maggiore attenzione accademica, in particolare in relazione alla riforma del Patto di stabilità e crescita che potrebbe verificarsi dopo la pandemia.

Per ulteriori informazioni, vedere il documento di accompagnamento per gli autori in formato Politica dell’UE


Nota: questo articolo presenta le opinioni degli autori, non la posizione di EUROPP – European Politics and Politics o della London School of Economics. Credito immagine in primo piano: Consiglio europeo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *