I ricercatori rivelano il potere distruttivo della menzogna di Trump nelle elezioni rubate Diritti di voto negli Stati Uniti

felice giovedì,

I repubblicani in tutto il paese hanno abbracciato una crisi simile mentre spingono per nuove restrizioni al voto. Una gran parte degli elettori americani non si fida dei risultati delle elezioni del 2020, dicono, quindi sono necessarie nuove leggi per ripristinare “l’integrità” delle elezioni.

Iscriviti alla newsletter di Guardian’s Fight to Vote

Non ci sono prove di frode diffusa o altri illeciti nelle elezioni di novembre 2020, che secondo i funzionari erano “il più sicuro” nella storia americana. Tuttavia, i sondaggi di opinione sull’integrità delle elezioni del 2020 sono preoccupanti. Quasi un terzo degli americani crede che Joe Biden abbia vinto la presidenza a causa di brogli elettorali, in un sondaggio di giugno dalla Monmouth University ho trovato. Più della metà dei repubblicani pensa che Trump sia il “vero presidente”, a Il sondaggio di maggio Reuters / Ipsos ha mostrato, una quota che è rimasta relativamente stabile da novembre.

Ma anche se i repubblicani esprimono preoccupazione per la fiducia degli elettori, non hanno riconosciuto il potere che lo guida: Donald Trump. Prima e dopo le elezioni, Trump e i suoi alleati hanno attaccato l’integrità del voto, sostenendo che non ci si poteva fidare dei risultati.

un Nuovo studio Evidenzia l’entità del danno che queste affermazioni causano.

Dopo le elezioni del 2018, un team di ricercatori ha intervistato più di 4.200 persone e le ha esposte a tweet che denunciavano frodi elettorali. Le persone nello studio hanno visto tweet non politici o una serie di tweet di politici che denunciavano frodi elettorali. Alcuni partecipanti hanno guardato una serie di tweet di verifica dei fatti dopo aver visto i tweet falsi.

Lo studio ha rilevato che le persone che hanno visualizzato tweet fraudolenti degli elettori hanno riportato meno fiducia nelle elezioni rispetto a coloro che hanno visualizzato tweet non politici. Le revisioni dei fatti non hanno avuto un impatto misurabile sulla fiducia degli elettori.

“I nostri risultati mostrano che l’esposizione a accuse infondate di frode elettorale da parte di eminenti repubblicani riduce la fiducia nelle elezioni, in particolare tra i repubblicani e gli individui che approvano le prestazioni di Donald Trump in carica”, hanno scritto i ricercatori nello studio, pubblicato questa settimana sul Journal of Experimental Policy . Scienza. È preoccupante che l’esposizione a verifiche di fatto che mostrano che queste accuse sono infondate non riduca in modo significativo il danno causato da queste accuse.

“I risultati indicano che le accuse infondate di frode elettorale minano la fiducia del pubblico nelle elezioni, in particolare quando le accuse sono politicamente appropriate, e che questi effetti non possono essere facilmente mitigati da verifiche dei fatti o contro-messaggi”.

Lo studio lascia senza risposta esattamente come i funzionari eletti e altri esperti possono intraprendere per ripristinare la fiducia degli elettori dopo che un politico ha affermato di frode. I ricercatori suggeriscono di studiare se i fact-check dei dati del Partito Repubblicano e dei media conservatori potrebbero aiutare a ripristinare la fiducia degli elettori.

“I licenziamenti degli stessi alti funzionari repubblicani possono avere un impatto maggiore perché indicano una discordia all’interno del partito”, hanno scritto. Tuttavia, questi messaggeri possono invece subire una valutazione negativa per mezzo dell'”effetto pecora nera”.

Da vedere anche…

  • Gli attivisti per il voto sono interrogatorio pubblico Se Joe Biden e Democratici si incontrano per il momento sui diritti di voto. “È al telefono”, mi ha detto un attivista.

  • Ministero della Giustizia la scorsa settimana Piede La più grande causa sui diritti di voto dal 2013, sfida una nuova legge in Georgia che pone diverse nuove restrizioni al voto per corrispondenza, tra le altre disposizioni. Il Dipartimento di Giustizia sta contestando la legge ai sensi della Sezione 2 del Voting Rights Act, sostenendo che la legge della Georgia è stata “promulgata con lo scopo di negare o compromettere il diritto dei georgiani neri di votare sulla base della loro razza o colore”.

  • Quasi 44.000 persone le cui registrazioni elettorali sono state cancellate in Georgia come parte di un’epurazione di massa nel 2017 hanno finito per registrarsi nuovamente e votare nel 2020, Secondo l’Atlanta Journal-Constitution. Alcuni elettori sono stati espulsi in parte perché non hanno votato alle ultime elezioni. Il fatto che alla fine abbiano votato nel 2020 solleva ulteriori domande sul fatto che l’inattività sia il proxy appropriato per misurare se qualcuno dovrebbe o meno cadere dalle liste elettorali.

  • Lo hanno annunciato i funzionari della contea di Maricopa, in Arizona loro non Utilizzo di apparecchiature elettorali esaminate nell’ambito di una revisione ampiamente criticata dei risultati delle elezioni del 2020.

READ  Countries reconcile New Year's celebrations with persistent concerns about the pandemic: NPR

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *