I rendimenti obbligazionari italiani salgono in mezzo all’incertezza politica; Ein Powell

Martedì i titoli di Stato italiani hanno sottoperformato le loro controparti dell’Eurozona a causa della maggiore incertezza politica poiché i mercati sono rimasti concentrati sul percorso di normalizzazione della politica monetaria statunitense e sull’aumento dell’inflazione.

Il parlamento italiano si riunisce questo mese per scegliere un nuovo presidente con il primo ministro Mario Draghi, che è considerato il candidato principale. Gli investitori sono preoccupati per la stabilità politica del Paese se l’ex capo della Banca centrale europea lascerà il suo incarico di primo ministro e assumerà la presidenza.

Alle 08:30 GMT, il rendimento del titolo decennale italiano era aumentato di 4 punti base all’1,39%, il livello più alto da giugno 2020. Carlo Capuano, Vice President Global Sovereign Ratings di DBRS Morningstar ha scritto: implicazioni Il programma di stabilità e riforma del governo è in aumento”.

Nel complesso, gli investitori scommettono che la Federal Reserve potrebbe aumentare i tassi di interesse già a marzo ha innescato una forte ondata di vendite nei mercati obbligazionari nelle ultime settimane prima di una lettura chiave dell’inflazione statunitense a dicembre che uscirà mercoledì. Un sondaggio Reuters prevedeva un aumento dei prezzi al consumo del 7% su base annua.

Nei commenti che saranno presentati a un’udienza del Congresso più tardi lo stesso giorno, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell si è impegnato a “impedire che l’aumento dell’inflazione si rafforzi”. Alcune delle maggiori banche di Wall Street si aspettano ora quattro rialzi dei tassi statunitensi quest’anno a partire da marzo, un richiamo ancora più forte rispetto alla scorsa settimana.

“I tassi di interesse statunitensi dovrebbero ancora una volta dare il tono ai mercati globali del reddito fisso”, hanno scritto gli strateghi di ING in una nota. “L’audizione di Powell sarà un’opportunità per valutare la forza del ciclo di inasprimento della Fed e potrebbe vedere una curva di carico a termine più alta .” ai clienti. Il rendimento delle obbligazioni tedesche a 10 anni è salito a -0,032% dopo essere salito fino a -0,025% lunedì, il livello più alto da maggio 2019, non lontano dal territorio positivo.

READ  Rapporto 2022 sull'ipertensione pandemica: focus su Stati Uniti, Germania, Spagna, Italia, Francia, Regno Unito e Giappone, 2019-2032 - ResearchAndMarkets.com

Altrove, il rendimento dell’obbligazione decennale svizzera si è stabilizzato in territorio positivo dopo essere salito sopra lo 0% la scorsa settimana per la prima volta da fine ottobre. Anche dall’altra parte dell’Atlantico, gli investitori si sono concentrati sulle aspettative di inflazione dell’eurozona dopo che la lettura di dicembre è salita inaspettatamente a un record del 5% prima del discorso della presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde.

In un’intervista al quotidiano italiano Il Sole 24 Ore, l’economista capo della Banca centrale europea Philip Lane ha affermato martedì che la BCE non vede un’inflazione nell’eurozona al di sopra del suo obiettivo del 2% a medio termine. Inoltre, martedì la Spagna ha iniziato a vendere nuove obbligazioni a 10 anni tramite un’offerta congiunta con una dimensione compresa tra 8 e 10 miliardi di euro ($ 90,69 miliardi), secondo gli strateghi di Mizuho. (1 dollaro = 0,8821 euro)

(Questa storia non è stata modificata dallo staff di Devdiscourse ed è generata automaticamente da un feed condiviso.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *