I profughi ucraini sono detenuti in lussuose proprietà di proprietà della mafia confiscate dal governo italiano.

“A essere sincero, ho paura di vivere in una casa di proprietà della mafia”, dice Alla Komenko. Il 38enne fa parte di una nuova ondata di profughi in Italia sopravvissuti alla guerra in Ucraina.

Lei e la figlia di sette anni hanno trovato rifugio grazie al gesto di ospitalità italiana. Ma per gli altri profughi ucraini che giungono in Italia senza alcun contatto preventivo, la possibilità di un rifugio fornito, seppur indirettamente, da teppisti è ormai una seria considerazione.

Centinaia di ville di lusso, ville e appartamenti costruiti dai boss della mafia in tutto il paese vengono forniti come case per coloro che fuggono dall’invasione di Putin, fortunatamente i rifugiati non devono più fare i conti con la criminalità organizzata secondo un piano annunciato dal ministero dell’Interno italiano a marzo. Case, al contrario, proprietà confiscate – 622 proprietà sono state confiscate a organizzazioni criminali.

Le proprietà sono state generalmente costruite da membri delle più potenti organizzazioni criminali italiane – Cosa Nostra in Sicilia, Camora in Calabria e Camora a Napoli – per ripulire denaro, ospitare membri del clan e creare flussi di entrate.

Secondo Carlo Cipilia, sottosegretario al ministero dell’Interno, l’Italia ha elencato un gran numero di beni e ne ha registrato i dettagli in una banca dati “massiccia”. Nel solo 2020, il paese ha sequestrato beni per un valore di 1,5 miliardi di euro (1,26 miliardi di sterline), equivalenti al PIL dell’isola caraibica di Santa Lucia lo scorso anno.

Ulteriore Il mondo

Sorbolo Messani, città dormiente di 13.000 abitanti, era, fino a tempi recenti, un’inespugnabile fortezza della ‘ndrangheta. Durante l’ultimo “maxitest” mafioso che ha coinvolto l’Emilia-Romagna, sono state suddivise 144 proprietà in città, in nessun altro luogo della regione.

READ  Nikola Mektic e Mate Pavic finiscono i sogni di Coppa Davis in Italia a Torino | Tour ATP

Sorbolo, che ora è a capo del consiglio per 10 proprietà confiscate alla Ndrangheta nel 2015, ha finora accolto 60 ucraini. Le tre proprietà hanno ospitato 15 rifugiati dall’inizio del mese scorso e saranno pronte in sette settimane, portando la popolazione totale a 50, ha detto il sindaco Nicola Cesari.

Il comune prevede di costruire entro il prossimo mese una casa di 100 metri quadrati per quattro ucraini a Santarcanzalo, vicino a Rimini, a duecento chilometri di distanza. Ha fatto domanda al Fondo Regionale per pagare l’assistenza ai nuovi arrivati.

La villa era originariamente di proprietà del camorrista Pio Rosario De Sisto, conosciuto localmente come “Zio Pio”, l’ex proprietario di alberghi e bar sulla spiaggia di Rimini. Il mafioso è indagato per estorsione, bancarotta, furto, appropriazione indebita e detenzione illegale di armi da fuoco.

Una villa a Santerganjalo, un tempo di proprietà di un boss di Kamora, è stata data a quattro ucraini

“I beni sequestrati alla mafia causeranno uno stigma e un disonore sulla nostra comunità”, ha affermato Alger Pharma, sindaco di Santaarconcelo. “Dando loro un valore sociale, aiutiamo anche a risolvere gli aspetti più oscuri del passato della nostra città”.

All’inizio del mese scorso, più di 100.000 ucraini sono entrati in Italia dall’inizio del conflitto, più del doppio del numero di visti britannici rilasciati. Poiché lo spazio si riempie nelle famiglie ospitanti e nei centri di accoglienza esistenti, le proprietà unifamiliari possono rivelarsi inestimabili.

“Le famiglie ci hanno detto che 10 persone vivono nell’appartamento di 20 metri quadrati”, dice Cesari. “Le persone stanno lottando per farcela”.

La gente del posto si è unita per aiutare i rifugiati, mentre i residenti di Sorbolo stanno fornendo mobili e attrezzature da cucina per le nuove case, ha aggiunto il sindaco. Le imprese locali hanno già fornito fondi per preparare appartamenti per i loro futuri occupanti.

La signora Khomenko – responsabile di produzione e ricercatrice presso uno studio cinematografico in Ucraina – vive con la figlia a Paderno Dugnano, vicino a Milano, grazie alla sua precedente generosità italiana.

È rimasta con una famiglia da bambina di 11 anni nell’ambito di un programma per consentire a più di mezzo milione di bambini ucraini provenienti dalle aree inquinate del disastro di Chernobyl del 1986 di prendere aria fresca in Italia durante le vacanze.

La signora Khomenko – responsabile di produzione e ricercatrice presso uno studio cinematografico in Ucraina – vive con la figlia (insieme, input sopra) a Paterno Ducnano, vicino a Milano, grazie alla sua precedente generosità italiana.

La signora Khomenko è fuggita da Kiev a casa di suo fratello vicino a Irbine il primo giorno di guerra, quando il suo paese è stato invaso lo scorso febbraio. Mentre i russi assediavano la città, i Komenko rimasero senza riscaldamento ed elettricità per sette giorni.

Sono fuggiti quando le forze ucraine hanno aperto la via di fuga. All’arrivo in Italia, si sono trasferiti a Paterno Ducano per unirsi alla stessa famiglia dove la signora Komenko aveva soggiornato da bambina.

Attualmente sta iscrivendo sua figlia a scuola e sta cercando un lavoro. “Voglio tornare dalla mia famiglia in Ucraina – mio marito, mia madre, mio ​​fratello e mia nonna – ma so che non sarà possibile per qualche tempo”, dice. “Ora stiamo cercando di fare progressi in Italia”.

Alcuni rifugiati si sono uniti a parenti fuori dall’Ucraina che fanno parte della popolazione ucraina di 236.000 persone in Italia, la più grande del mondo. Ma per altri, progetti come Mafia Home Initiative possono essere importanti.

“La sfida è apportare modifiche durature al sistema, quindi siamo pronti per la prossima emergenza”, ha affermato Sybilia. “L’Italia è un crocevia per gli immigrati che arrivano via terra o via mare. Dopo l’Ucraina, la crisi dei rifugiati sarà maggiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *