I paesi dell’Unione europea hanno informato la Gran Bretagna che non possono garantire l’estradizione sulla scia della Brexit

Venti paesi dell’UE rifiutano di garantire che i sospetti criminali possano essere estradati nel Regno Unito.

Dieci paesi nell’Unione europea hanno rifiutato di consentire tali estradizioni, due lo avrebbero fatto solo se il sospetto criminale fosse stato d’accordo e otto paesi avessero imposto altre restrizioni.

Lo sviluppo è descritto in documenti recentemente rilasciati da Bruxelles e riflette il fatto che Brexit significa che il Regno Unito non fa più parte del mandato d’arresto europeo.

È probabile che l’attuale configurazione indebolisca la capacità dei sospettati di reato europei nel Regno Unito di tornare ad affrontare la giustizia dopo essere fuggiti nel continente.

Gli avvocati hanno avvertito che potrebbe anche mantenere la popolazione carceraria artificialmente alta, poiché i giudici potrebbero essere riluttanti a concedere la cauzione a causa della preoccupazione che i sospetti europei lasceranno il paese e non torneranno.

La posizione di ciascuno dei 27 Stati membri dell’UE sull’estradizione e del Regno Unito è stata contaminata in una nota di notifica dell’UE emessa il 6 aprile.

In base al mandato d’arresto europeo, i sospetti criminali possono essere facilmente estradati all’interno del consorzio.

Ma con la Gran Bretagna che ora lascia l’Unione Europea, gli stati membri possono decidere le proprie posizioni. Dieci paesi dell’Unione europea hanno dichiarato che non avrebbero estradato i loro cittadini sospettati di aver commesso crimini nel Regno Unito: Germania, Grecia, Francia, Croazia, Lettonia, Polonia, Slovenia, Slovacchia, Finlandia e Svezia.

Altri due, la Repubblica Ceca e l’Austria, lo farebbero solo se il sospettato fosse d’accordo. Otto altri paesi hanno restrizioni, come le pene detentive, che vengono eseguite nei paesi di origine.

Solo i sette paesi dell’UE rimanenti concordano ampiamente sulla reciprocità con il Regno Unito: Belgio, Irlanda, Spagna, Italia, Bulgaria, Cipro e Malta.

READ  Ivanka Trump e Jared Kushner hanno guadagnato almeno 24 milioni di dollari nell'ultimo anno alla Casa Bianca

Ciò significa che c’è uno squilibrio dato il desiderio del Regno Unito di estradare i britannici sospettati di aver commesso crimini nei paesi dell’Unione europea.

Edward Grange, partner di Corker Binning Attorneys, ha dichiarato: “Il Regno Unito continuerà a estradare i suoi cittadini poiché non ha fornito alcun avviso di applicazione del nastro di cittadinanza.

“In effetti, questa posizione continua l’approccio di lunga data del Regno Unito secondo cui la sola nazionalità di un individuo non dovrebbe impedire l’estradizione”.

Un portavoce del Ministero dell’Interno ha dichiarato: “Il Regno Unito ha concordato un accordo globale di sicurezza con l’Unione europea, che include accordi di estradizione semplificati.

Alcuni stati membri dell’UE hanno restrizioni costituzionali di vecchia data Contro l’estradizione dei suoi cittadini in paesi al di fuori dell’Unione EuropeaÈ per questo motivo che abbiamo negoziato un accordo specifico che consente ai trasgressori di affrontare la giustizia in un altro modo, anche se un paese non estrada i suoi cittadini.

“È una politica britannica di vecchia data quella di non discriminare tra cittadini britannici e altri nelle procedure di estradizione al fine di garantire che le persone siano assicurate alla giustizia”.

In uno sviluppo separato, la Commissione europea ha informato gli Stati membri dell’UE che si oppongono alla richiesta del Regno Unito di aderire all’Accordo di Lugano.

Una convenzione è un trattato che decide quale tribunale ha giurisdizione nelle controversie civili e commerciali transfrontaliere e garantisce che le sentenze siano applicate oltre i confini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *