I media italiani hanno evidenziato come l’Inter sia diventata più forte nonostante la vendita di giocatori per 183 milioni di euro e l’acquisto di giocatori per 44 milioni di euro


L’Inter ha iniziato la stagione 2021-22 con grande forza e ha iniziato a trovare i suoi migliori livelli, anche se in estate ha speso molto meno di quanto incassato dalla vendita dei giocatori.

Lo sottolinea l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport milanese, secondo la quale i nerazzurri sono diventati una squadra più forte nonostante la vendita di giocatori per 183 milioni di euro e la spesa di soli 44 milioni di euro.

La difesa dello Scudetto dell’Inter è partita bene e ha ripreso le forze, ritrovandosi a soli quattro punti dalla vetta della classifica con tutte le qualità per andare avanti e rivincere.

Nel frattempo, in Champions League, i nerazzurri hanno ottenuto qualcosa che non hanno fatto in un decennio o nelle ultime tre volte qualificandosi per i playoff.

Con 30 milioni di euro spesi per Joaquin Correa, 12,5 milioni per Denzel Dumfries, 1,8 milioni per Edin Dzeko e il trasferimento di Hakan Calhanoglu dal Milan fuori contratto, non c’è dubbio che i nerazzurri abbiano ampliato la sua rosa.

Tuttavia, le vendite estive di Romelu Lukaku e Achraf Hakimi hanno portato al club 183 milioni di euro, riflettendo la qualità dei giocatori e l’importanza della loro perdita.

I nerazzurri hanno dovuto sopportare un’estate in cui le entrate importanti delle rimesse più una riduzione del 15-20% della busta paga erano un obiettivo necessario, e sono riusciti a uscirne illesi e a riaffermarsi in buona forma.


READ  Il telegiornale di trasferimento dei Rangers mentre la saga di Andreas Skov Olsen si sviluppa in mezzo alla situazione di stallo del Bologna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *