I lavoratori di Amazon scioperano in Italia per richieste di consegne guidate dall’epidemia | Reuters | Attività commerciale

Scritto da Elvira Polina

MILANO (Reuters) – I lavoratori di Amazon hanno organizzato uno sciopero in Italia lunedì per la prima protesta a cui hanno partecipato tutte le operazioni logistiche del gruppo statunitense, compresi i fornitori di servizi di consegna di terze parti.

I sindacati stimano che i sistemi di consegna di Amazon contino su 40.000 lavoratori, inclusi i dipendenti del suo braccio logistico, che impiega la maggior parte dei 9.500 dipendenti italiani a lungo termine di Amazon.

Altrove, Amazon deve anche affrontare una sfida presso il suo centro fedeltà a Bismere, in Alabama, poiché i lavoratori votano se diventare i primi dipendenti a entrare a far parte di un sindacato in uno dei più grandi datori di lavoro degli Stati Uniti.

La protesta italiana arriva dopo il boom dell’e-commerce, in cui le merci vendute online sono aumentate nel 2020 del 31% a 23,4 miliardi di euro, secondo i dati del Politecnico di Milano.

Ciò ha spinto i sindacati a cercare regole più rigide sui carichi di lavoro e sui cambiamenti per i conducenti che affermano di consegnare fino a 180-200 pacchi al giorno.

Mariangela Marseiglia, Country Manager di Amazon in Italia, ha dichiarato in una lettera ai clienti che mette i lavoratori al primo posto, siano essi appaltatori o appaltatori, e fornisce un ambiente di lavoro sicuro e inclusivo, salari competitivi e vantaggi.

I sindacati italiani FILT-CGIL, FIT-CISL e Uiltrasporti hanno chiesto uno sciopero dopo il fallimento delle trattative con l’associazione dei datori di lavoro Assoespressi che rappresenta le aziende di consegna.

Marco Odoni di Uiltrasporti ha detto che le proteste si stanno diffondendo sui siti web di Amazon e le stime iniziali erano tra il 70% e il 75% dello sciopero.

READ  Mubadala Abu Dhabi firma un accordo sull'idrogeno con la società italiana di infrastrutture energetiche Sanam

“Al momento non chiediamo aumenti salariali, ma un programma di lavoro più umano”, ha detto a Reuters il segretario di FIT-CISL, il Generale Salvatore Pellecchia.

“Queste persone fanno almeno 100 fermate al giorno ciascuna, non una ma spesso due o tre carichi. Problemi come la congestione del traffico o gli incidenti stradali non contano”.

I sindacati hanno invitato Amazon ad avviare trattative, affermando che è in ultima analisi responsabile delle condizioni di lavoro dei conducenti, anche quando sono assunti da terzi.

Da quando ha iniziato ad operare in Italia un decennio fa, la società con sede a Seattle ha aperto più di 40 sedi logistiche con la crescita della domanda in un paese in ritardo rispetto agli altri paesi dell’Unione Europea per il commercio elettronico.

Amazon ha detto la scorsa settimana che investirà 120 milioni di euro (143 milioni di dollari) in un nuovo centro di distribuzione vicino alla città settentrionale di Bergamo e impiegherà 900 dipendenti a tempo indeterminato entro tre anni.

Amazon, che ha fatturato 4,5 miliardi di euro in Italia nel 2019, ha investito nel Paese 5,8 miliardi di euro dal 2010.

($ 1 = € 0,8384)

(Preparato da Elvira Polina; scritto da Valentina Za; a cura di Alexander Smith)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *