I giocatori italiani credono che Jorginho sia un contendente per Pauline D’Or dopo la campagna delle star

Dopo una stagione stellare con il Chelsea e i suoi connazionali, i giocatori italiani credono che il “professore” Jorgenho sia un rivale del Pallone d’Oro … Roberto Mancini ha formato la sua impressionante squadra attorno al maestro di passaggio del centrocampo

  • Jorkinho ha impressionato l’Italia in vista delle semifinali di Euro 2020
  • Il centrocampista è dietro a una campagna vincente in Champions League
  • I compagni di Jorkinho credono che sia uno dei migliori centrocampisti al mondo


Alcuni giocatori in Premier League sono più divisi di Jorginho, ma il tecnico italiano Roberto Mancini non ha dubbi sull’uomo che chiamano ‘professore’.

Nelle tre stagioni al Chelsea, Jorgenho ha vinto Europa League e Champions League, ma non tutti sono ancora ottimisti.

Sebbene nessuno metterà in dubbio l’intelligenza o la capacità di passare il 29enne, i sospetti sottolineano che considerano la sua lentezza e il suo approccio incentrato sulla sicurezza.

Jorkinho emerge come candidato al Pallone d’Oro dopo la scioccante ascesa nel 2020-21

È stato chiamato un 'professore' nella sua squadra italiana, e la sua conoscenza si rivela importante.

È stato chiamato un ‘professore’ nella sua squadra italiana, e la sua conoscenza si rivela importante.

Ha firmato sotto Maricio Sari, che non si è mai fidato completamente di Frank Lampart prima che Thomas Toussaint riacquistasse importanza. Ma per l’Italia, che si avvicina alla prima semifinale importante in nove anni, Jorginho è fondamentale.

Nessun giocatore è apparso molto durante i tre anni di Mancini, ed è la chiave del sistema 4-3-3 italiano basato sul possesso palla. Può sollevare le sopracciglia in Inghilterra, ma in Italia Jorkinho è considerato il più alto, con compagni di squadra e media che credono che sia un rivale del Pallone d’Oro.

READ  La Serie A completa la vendita dei diritti televisivi in ​​Italia con un accordo Sky

“Non devo dire chi dovrebbe vincerlo, ma Jorkinho se lo merita”, ha detto l’attaccante italiano Lorenzo Einstein, che ha giocato con Jorgenho al Napoli dal 2014-18.

Jorkinho (a sinistra) nella battaglia di centrocampo con Kevin de Bruyne (a destra) contro il Belgio

Jorgenho (a sinistra) pareggiato contro il Belgio nella battaglia a centrocampo (a destra) con Kevin de Bruyne

Il centrocampista del Chelsea (a destra) necessario per la formula di Roberto Mancini con la squadra italiana

Il centrocampista del Chelsea (a destra) necessario per la formula di Roberto Mancini con la squadra italiana

‘E’ giusto che la gente parli di lui. Ha trascorso degli anni meravigliosi al Chelsea e siamo orgogliosi di avere un giocatore come lui nella nostra squadra. Lo chiamiamo Professore, è un grande giocatore. ‘

La prestazione di Jorkinho nella vittoria per 2-1 dei quarti di finale sul Belgio sottolinea la sua importanza.

Ogni volta che un giocatore italiano aveva bisogno dell’opzione per passare, Jorginho era lì. Quando Jorkinho aveva la palla, non la appendeva a lungo. A volte, sembrava che le auto telecomandate manovrassero i suoi compagni di squadra intorno al campo.

“Onestamente, non penso al Pallone d’Oro”, ha detto Jorkinho. “La mia priorità è pensare alla squadra, perché festeggiare con gli amici è meglio che festeggiare tutti insieme, da soli”.

Se avesse salito le scale fino in cima al palco, l’avrebbe fatto nel modo più duro.

Nato in Brasile, Jorgenho – nome completo Jorge Luis Frello Filho – ha lasciato la sua città natale di Imbibu all’età di 14 anni e ha frequentato una scuola di calcio a più di 100 miglia di distanza.

A 17 anni giocava per l’accademia del club italiano Hellas Verona, dove rimase con altri giovani giocatori in un antico monastero.

“Ho chiamato mia madre e ho pianto e le ho detto che dovevo tornare e lasciare il calcio, ma lei ha rifiutato. Quindi grazie mamma, grazie papà per questo, perché giocano un ruolo importante. ‘

Sfuggito a quelle esperienze, un semifinalista di Wembley non si preoccuperà di Jorgenho, anche se sarà desideroso di migliorare il suo record di due vittorie in otto partite negli ultimi tre anni.

Qualunque cosa realizzi nel resto di Euro 2020, Giorgino non si fiderà mai di tutti al Chelsea.

Anche se martedì l’Italia cade in Spagna, nulla scuoterà la fiducia di Mancini nel professore.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *