I giocatori di calcio neri hanno giocato meglio senza tifosi

Nel novembre 2019, il calciatore italiano Mario Balotelli stava giocando una partita di Serie A per il Brescia contro il Verona – in lizza per il possesso vicino ad Alam Al Zawiya – quando ha sentito i rumori delle scimmie provenire dalla folla. Balotelli, che è di origini ghanesi, ha calciato la palla in tribuna e ha minacciato di uscire dal campo in uno dei casi più importanti di un giocatore che ha preso provvedimenti immediati contro gli abusi razzisti sul campo.

Alla fine, è stato convinto a seguire, segnando un gol superbo all’85 ‘, ma l’abuso è stato l’ultimo di una serie di incidenti inaccettabili negli stadi di calcio di tutta Europa. 2019. A marzo, il Chelsea si è lamentato con la UEFA dopo che l’attaccante Callum Hudson-Odoi è stato maltrattato durante una partita di Europa League a Kiev. Ad ottobre, la partita di qualificazione a Euro 2020 dell’Inghilterra in Bulgaria è stata sospesa due volte a causa del razzismo dei tifosi locali. Ad aprile, una partita di Ligue 1 è stata sospesa per diversi minuti a causa di cori odiosi diretti al difensore dell’Amiens Prince Juano. Poi, nel marzo 2020, l’assalto si fermò bruscamente.

Una pandemia ha svuotato gli stadi. Quando il calcio è tornato, gli spettatori hanno dovuto adattarsi al suono spaventoso dei finti rumori della folla e alle grida dei dirigenti che echeggiavano intorno alle tribune vuote. Mentre guardava queste partite in TV, Paulo Falco – professore di economia all’Università di Copenhagen – ha iniziato a chiedersi come l’assenza di tifosi avrebbe influenzato i giocatori, e nello specifico come avrebbe potuto influenzare le persone più maltrattate dagli spalti.

READ  Programmatori, designer e imprenditori prosperano grazie alla Apple Developer Academy

Lavorando con i compagni di squadra Mauro Caselli e Gianpiero Matera, ha confrontato le prestazioni dei giocatori di origine africana che giocavano in Serie A prima e dopo l’esclusione dei tifosi dagli stadi. I dati grezzi provengono da un algoritmo pubblicamente disponibile utilizzato tipicamente nel fantacalcio, che combina dati su goal, passaggi, assist, distanze percorse e altre metriche.

quando essi schiacciare i numeri, i ricercatori hanno scoperto che i giocatori di colore hanno mostrato un miglioramento del 3% delle prestazioni tra la prima metà della stagione 2019-20 giocata in piena presenza e gli ultimi mesi finali, che sono stati completati senza folla. Non c’era differenza tra giocatori di altri gruppi etnici. “La validità di questo deriva dal fatto che abbiamo osservato esattamente gli stessi giocatori prima e dopo”, afferma Falco.

Naturalmente, ci sono altri fattori probabilmente in gioco qui: il miglioramento del 3% non è inaspettato per un singolo giocatore durante una stagione, ma solo i giocatori di colore lo hanno dimostrato; Un’altra stagione all’estero ha fatto sì che i giocatori diventassero più stabili, ma l’effetto è scomparso per chi arrivava in Serie A da altri Paesi europei. L’effetto persiste anche quando le condizioni meteorologiche sono controllate, con giochi aggiuntivi giocati nei caldi mesi estivi.

Falco e i suoi collaboratori hanno anche scoperto che le prestazioni sono migliorate maggiormente tra i giocatori le cui squadre avevano documentato casi di abusi razziali prima del blocco. La dimensione del campione è piccola, ma i risultati sono importanti. Falco dice che farai fatica a trovare una spiegazione più semplice per l’aumento dell’improvvisa assenza di abusi razziali.

Questo potrebbe essere un problema particolare in Italia: ci sono stati più di 600 incidenti in un periodo di sei anni, secondo i dati dell’Associazione Italiana Calciatori. Nel Regno Unito, i casi di abusi razziali che si verificano effettivamente all’interno dello stadio sono relativamente rari, quindi è probabile che l’impatto sia meno pronunciato in altri campionati.

READ  Italian Barley Arts lancia un nuovo festival musicale

Non c’è dubbio che il razzismo stia colpendo i giocatori in questo momento, si può capire dalla reazione di Balotelli contro il Verona quanto fosse arrabbiato per l’abuso. L’ex manager del Crystal Palace Roy Hodgson Parlare Su come l’uso improprio dei social media prima della partita ha colpito il giocatore di punta Wilfried Zaha. L’ex giocatore del Brighton Liam Rosenior Ha parlato anche lui Di essere stato abusato razzialmente da un altro giocatore durante una partita di riserva e di essere stato espulso quando ha avuto la sua vendetta. Ma non era l’abuso che lo infastidiva di più, era la mancanza di azione da parte dell’arbitro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *