I detriti sono quasi entrati in collisione con SpaceX CrewDragon durante il trasporto degli astronauti alla Stazione Spaziale Internazionale

SpaceX Crew Dragon è visto avvicinarsi al porto di attracco della Stazione Spaziale Internazionale, con il modulo Kibo Lab in primo piano.

Lo SpaceX Crew Dragon è stato visto durante Aprrocciarsi a Porto di attracco ISS, Con l’unità di laboratorio Kibo in primo piano.
immagine: TV della NASA

Gli astronauti della missione SpaceX Crew-2 sono ora al sicuro a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, ma un momento di tensione si è verificato in precedenza quando un pezzo sconosciuto di detriti spaziali ha minacciato la capsula CrewDragon.

Quasi otto ore dopo pubblicazione Dal Kennedy Space Center venerdì 23 aprile, Sarah Giles, ingegnere capo delle operazioni spaziali di SpaceX, interrompe l’equipaggio mentre si preparano per andare a letto.

“Per consapevolezza, abbiamo identificato –Il potenziale accoppiamento si è rotto a una distanza relativamente ravvicinata dal Drago, quindi abbiamo bisogno che tu vada dritto con la tuta che indossi e ti assicuri ai sedili ”. Egli ha detto. “Erreremo sul lato della cautela per farti ottenere composizioni migliori, ragazzi”, aggiungendo che il tempo di avvicinamento per l’oggetto misterioso sarà di circa 20 minuti, o 1:43 PM EST (10:43 AM PDT) alle. Sabato, 24 aprile.

Quindi, invece di andare a dormire, gli astronauti della NASA Shane Kimbro e Megan MacArthur, insieme agli astronauti dell’ESA Thomas Pesquet e Jaxa Akihiko Hoshid, hanno dovuto indossare le loro eleganti tute spaziali SpaceX e legarsi ai loro posti. All’equipaggio è stato detto di accendere le eliche delle tute, molto probabilmente se la pressione della cabina fosse stata ridotta.

L’esercizio è stato condotto con estrema cautela, ma sfortunatamente è un simbolo di un problema fiorente: ora abbiamo molte sciocchezze in orbita terrestre bassa. Non riesco a ricordare una situazione in cui gli astronauti diretti alla stazione spaziale hanno dovuto arrampicarsi per tornare ai loro posti e prepararsi per l’effetto, ma quel genere di cose accade davvero sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Lo scorso settembre, ad esempio, l’equipaggio della Expedition 63 è stato costretto a trasferirsi temporaneamente nella parte russa quando è apparso un pezzo di detriti spaziali. Minacciati Avamposto orbitale. L’oggetto incriminato – un pezzo dello stadio missilistico giapponese H-2A F40 – ha raggiunto una distanza di 0,86 miglia (1,39 km) dalla Stazione Spaziale Internazionale, richiedendo alla NASA e ai controllori di volo russi di eseguire una manovra di evitamento. Questo incidente è stato la terza volta nel 2020 che la Stazione Spaziale Internazionale ha dovuto essere spostata a causa di detriti spaziali. Lo stesso Anno, Un paio di satelliti sono fuori servizio Quasi distrutto A vicenda, quindi sì, questo ha iniziato a diventare normale.

La Stazione Spaziale Internazionale, più o meno delle dimensioni di un campo da calcio, è un grande bersaglio elettrizzante lì, a differenza del CrewDragon alto 27 piedi. Tuttavia, con tutte le cose nello spazio in questo momento – funzionali e non funzionali – ha senso che anche veicoli relativamente piccoli come il CrewDragon possano essere minacciati.

Quasi a confermare questo triste fatto, l’ESA ha appena completato il suo Una conferenza virtuale di quattro giorni Sul tema dei detriti spaziali. Come ha spiegato l’agenzia spaziale nel contesto della sua conferenza, quasi 900.000 oggetti sono più grandi di una batteria AAA E 128 milioni di corpi sono più grandi di un centesimo Attualmente parcheggiato nelle orbite terrestri. unLe velocità T si avvicinano a 35.000 mph (56.000 km / h), quindi anche piccoli frammenti di detriti “possono seriamente danneggiare o disabilitare un veicolo spaziale funzionante”, secondo l’Agenzia spaziale europea.

Il che ci riporta a CrewDragon.

Fortunatamente, la spazzatura spaziale era abbastanza lontana dalla capsula da non richiedere manovre evasive. Mentre i secondi passavano prima dell’approccio più vicino, i controllori della missione presso il quartier generale di SpaceX a Hawthorne, in California, lavoravano per aumentare la velocità dell’equipaggio.

“Riteniamo che l’oggetto sia più lontano del previsto, il che riduce il rischio di potenziale accoppiamento, ma assicurati di chiudere le maschere e chiudere gli elementi di fissaggio prima [closest approach] “In circa 20 secondi,” disse Giles.

I detriti non identificati sono volati via senza incidenti e alle 13:44 EST (22:44 PDT), Il controllo della missione ha dato tutto chiaro. L’equipaggio ha ripreso i preparativi prima del sonno, ma sono pronto a scommettere che il loro battito cardiaco è leggermente superiore al normale.

Di più: Cosa succederebbe se tutti i nostri satelliti venissero improvvisamente distrutti?

READ  I Neanderthal ascoltavano il mondo proprio come noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *