I combattenti britannici si godono la vittoria nella “Battaglia di Irpin”, mentre i cani divorano i cadaveri dei russi sconfitti

Alcuni di loro non sono sopravvissuti al viaggio compreso Una famiglia di quattro persone è stata colpita dai mortai russi. Le riprese video dell’incidente hanno mostrato un terribile lampo, poi i corpi della madre, i suoi due figli e la sua amica sdraiati a terra, morti.

Coloro che sono riusciti a fuggire ora stanno piangendo la perdita di un sobborgo “cool” che, dopo settimane di bombardamenti russi, sembrava un’immagine uscita da un libro di storia della seconda guerra mondiale.

“Ci sono stati scontri vicino a casa mia. Olya Yevsenko, residente a Irbin, ha detto al Telegraph: “Abbiamo vissuto senza elettricità, acqua e gas per cinque giorni. “Cerco di contattare gli amici dall’11 marzo”.

Prima della guerra era una città meravigliosa. Mi sono trasferito da Donetsk a Irbin due anni fa, sperando di iniziare una nuova vita tranquilla senza guerre. Irvine è una città perfetta. Strade sempre pulite, piazze calde e case nuove. “Ci sono foreste ovunque dove puoi camminare”, ha detto.

Anastasia Ruvinskaya, 25 anni, ha detto di aver perso “tutto ciò che aveva” a Irbin, inclusa la sua casa.

“È terrificante sentire dai vicini che la tua casa è rotta e tutto viene trascinato fuori, è terrificante rendersi conto che non ci tornerai. È terrificante sentire che qualcuno che conosci è stato colpito o fatto esplodere da un missile “, ha detto. Ogni giorno aspetto che la guerra finisca”.

Spera di tornare alla fine a Irvine, ma si rende conto che anche quel momento sarà molto doloroso. “So che quando tornerò, non riconoscerò la mia città natale di Erbin e Bucha, ma una volta che saranno le cittadine più belle dell’Ucraina”, ha detto.

READ  Guerra in Ucraina: Mosca afferma di aver trovato armi biologiche in Ucraina - ma gli Stati Uniti respingono le accuse definendole una "propaganda ridicola" | notizie dal mondo

Vengono distrutti e bombardati ogni giorno. Le battaglie continuano ogni giorno. Le nostre città sono diventate uno scudo per la capitale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *