I cervi vengono trovati con bulbi oculari pelosi nella periferia del Tennessee

Un maschio di un anno dalla coda bianca è stato recentemente trovato in giro per un sobborgo del Tennessee con i capelli che gli coprivano i bulbi oculari, secondo Associazione nazionale dei cervi. Un caso strano è un raro esempio di dermoidi cornealiChe si verifica quando il tessuto di un certo tipo cresce nel posto sbagliato del corpo.

I residenti hanno notato per la prima volta i cervi che circolano a Farragut, un sobborgo di Knoxville, nell’agosto 2020, e hanno immediatamente segnalato le autorità locali per la fauna selvatica. Poiché l’antilope sanguinava, era disorientata e apparentemente priva di paura degli umani, gli agenti di controllo degli animali sospettavano che potesse avere una malattia da deperimento cronico (CWD), e così decisero di uccidere il cervo per prevenire la diffusione di questa mortale malattia da prioni.

Quindi Stirling Daniels del Tennessee Wildlife Resources (TWRA) ha inviato la testa dell’animale per i test presso la Southeastern Cooperative Wildlife Disease Study Unit (SCWDS) presso l’Università della Georgia, indicando che entrambi gli occhi erano coperti di peli.

Come si è scoperto, Spinner Non aveva la CWD ma aveva una malattia emorragica epidemica (EHD), che può causare febbre e confusione. Questo spiegherebbe lo strano comportamento dell’animale, ma non i bulbi oculari pelosi.

Foto: Southeastern Cooperative Wildlife Disease Study Unit (SCWDS)

In un rapporto ufficiale, i rappresentanti di SCWDS, il dottor Nicole Nemeth e Michael Willis, scrivono che i cervi hanno dischi di pelle invece della cornea, che è la parte trasparente dell’occhio che copre l’iride e la pupilla.

La cornea la pelleCome nel caso di questo cervo, spesso contiene elementi della pelle normale, inclusi follicoli piliferi, ghiandole sudoripare, collagene e lipidi. Scrivono che le masse sono generalmente benigne (non invasive) e congenite e probabilmente derivano da un difetto dello sviluppo embrionale.

READ  Se riesci a farlo con il pollice, dice lo studio, il tuo cuore potrebbe essere a rischio

parlare A Quality Whitetails, la rivista ufficiale della National Deer Association, Nemeth ha commentato: “Presumiamo che queste cose siano congenite (presenti alla nascita), quindi abbiamo pensato che sopravvissero a lungo con queste”.

“Abbiamo anche ipotizzato che la pelle umana si sia evoluta gradualmente e che i cervi fossero in grado di adattarsi a un campo visivo in diminuzione nel tempo”.

Ciò significa che il cervo potrebbe aver sviluppato una strana condizione nell’utero, in cui il tessuto corneale non si è formato correttamente e si è invece differenziato in tessuto cutaneo. A parte essere ricoperti di pelle pelosa, gli occhi di Buck erano anatomicamente normali.

Questa è solo la seconda volta che un cervo è stato visto affetto da pelle corneale, poiché il primo è stato ucciso da un bracconiere in Louisiana nel 2007.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *