I capi degli sviluppatori di Codemasters lasciano dopo l’acquisto di EA • Eurogamer.net

Il CEO di Codemasters Frank Sagner e il Chief Financial Officer Rashid Faraccia hanno lasciato lo sviluppatore dopo la sua acquisizione da parte di EA.

EA ha detto GamesIndustry.biz La partenza della coppia è stata “sempre parte del piano”, ma è stata anticipata a causa della velocità dell’integrazione di Codies in EA.

Lo sviluppatore di F1 Codemasters e lo sviluppatore di Slight Mad Project Cars, che Codies ha acquistato a novembre 2019, sono diventati parte di EA Sports, che pubblicherà F1 2021 la prossima settimana.

Il vicepresidente senior dello sviluppo del prodotto Cliff Moody e il vicepresidente senior dell’editoria Jonathan Bunny ora guidano Codies. Ian Bell, il capo un po’ pazzo, è ancora responsabile dello studio londinese.

Sagnier è entrato a far parte di Codemasters nel 2014 dopo due anni come presidente della società francese di sviluppo di giochi social e mobile IsCool Entertainment. Farrachia, che ha svolto un ruolo chiave nella quotazione in borsa di Codemasters nel 2018 e nella sua integrazione con EA, esce dopo nove anni in azienda.

L’anno scorso, EA si è lanciata sullo sviluppatore britannico Codemasters per $ 1,2 miliardi (£ 851 milioni). Più tardi ha spiegato Andrew Wilson, presidente di EA Vuole dare a Codemasters il trattamento RespawnIn altre parole, lascia che lo studio mantenga la sua identità senza troppe interferenze esterne.

Codemasters, ovviamente, è noto per i suoi franchise di corse come Grid, F1 e Dirt, e EA sembra aver intenzione di tenere occupato lo sviluppatore. EA ha detto Punta a pubblicare un gioco di corse ogni anno, tratto sia dal portfolio di Codemasters che dai rispettivi franchise come Need for Speed, Burnout e Real Racing.

READ  Random: Nintendo should have "politely turned down" the opportunity to work with Kanye West, says Reggie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *