I cani di Joe Biden rimandati a casa nel Delaware dopo un “incidente con un morso” Amministrazione di Biden

Secondo quanto riferito, i cani di Joe Biden sono stati riportati nella casa di famiglia nel Delaware dopo aver mostrato un comportamento aggressivo nei confronti del personale della Casa Bianca.

Champ e Major, entrambi pastori tedeschi, sono stati rimandati a casa la scorsa settimana dopo che Major ha avuto un “incidente con un morso” con un membro della squadra di sicurezza della Casa Bianca. Lo ha riferito la CNN.

Il maggiore di tre anni è stato adottato dalla famiglia Biden nel 2018 ed è il primo cane della Casa Bianca ad essere adottato da un canile. Da quando si è trasferito entro una settimana dall’inaugurazione del presidente a gennaio, è “noto per esibire comportamenti dirompenti in più occasioni, tra cui saltare, abbaiare e” caricare personale e sicurezza “, ha riferito la CNN, citando gli esportatori alla Casa Bianca.

La CNN ha riferito che il dodicenne Champ è stato “rallentato fisicamente a causa del suo invecchiamento”. È stato adottato come cucciolo nel 2008, poco dopo che Biden è stato eletto vicepresidente. I cani sono i primi ad occupare la Casa Bianca dai tempi di Bo, il cane di Obama. Donald Trump, che credeva che possedere un cane sarebbe stato un “falso”, è stato il primo presidente degli Stati Uniti in un secolo senza un compagno canino.

Citando “una persona che ha familiarità con il programma dei cani”, la CNN ha riferito che i cani erano noti per rimanere in Delaware quando la First Lady Jill Biden era lì.

Il Guardian ha contattato la Casa Bianca per un commento.

Jill Biden ha detto alla cantante e conduttrice di talk show Kelly Clarkson in un’intervista a febbraio che è “ossessionata dall’ottenere [the] I cani si sono sistemati. “

READ  Russian authorities investigate Alexei Navalny over alleged fraud | world News

L’account statunitense di First Dogs era su Twitter di recente lunedì I tweet fotografici di Champion alla Casa Bianca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *