Hubert Horcaks afferma di aver vinto il primo Masters Championship al torneo di tennis Miami Open

Il polacco Hubert Hurkacz ha vinto il primo Master della sua carriera sconfiggendo Jannik Sinner nella finale del Miami Open.

Hurkacz, il primo giocatore polacco a vincere uno dei livelli più alti del torneo ATP, ha continuato la sua settimana impressionante sconfiggendo il 19enne italiano Sinner 7-6 (4) 6-4.

Il ventiquattrenne, che ha sconvolto Stefanos Tsitsipas e Andrei Rublev sulla strada per la finale, è diventato il torneo Masters con il punteggio più basso dai tempi di Thomas Berdych a Parigi nel 2005.

Con Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer che saltano il campionato, la scena è pronta per un eroe inaspettato, ed è stato dimostrato.

Horkach ha iniziato meglio, vincendo le sue prime tre partite, ma Sener ha risposto con una serie di tre partite per pareggiare il livello.

L’adolescente sorprendentemente dotato è stato il giocatore più giovane a raggiungere le finali Masters dai tempi di Nadal e, dopo aver sopportato più pressione da Horkach, ha rotto i polacchi 5-5.

Non è stato in grado di inviare il set, ed è stato Horkach a prenderlo al tiebreak.

La pole è stata impeccabile all’inizio del secondo set, giocando quattro partite di fila, ma essendo un po ‘stretto in vista del traguardo, Sener è tornato sul 3-4.

L’adolescente sembrava esausto, però, e Hurkacz è riuscito a tenere a bada i suoi nervi per aver tagliato il traguardo.

Lunedì passerà da 37 nella classifica mondiale a un massimo di 16 in carriera.

Hurkacz ha dichiarato: “Ero così felice di essere in grado di sollevare il più grande trofeo della mia vita finora, il che è qualcosa di speciale per me.

READ  "Owen Farrell sfugge all'ultimo omicidio!" L'ultima sfida al capitano dell'Inghilterra fa arrabbiare i tifosi

“Ho avuto la possibilità di andare 5-0 nel secondo set e ritorno. Ha iniziato a giocare meglio. Mi sono innervosito un po ‘. Ha colto l’occasione ed è stato molto vicino”.

Era solo la terza volta che Sinner giocava nel tabellone principale per il Masters, mentre doveva ancora gareggiare a Wimbledon, ma l’italiano era un uomo di fretta.

Ha detto: “Penso che sia stata comunque una buona settimana, ma ovviamente non sono qui per arrivare alle finali. Sono qui per vincere trofei. Oggi non era il mio giorno prima. Ma lei tornerà a lavorare e poi vedremo cosa posso fare sul fango “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *