Hubble potrebbe aver individuato la stella più lontana finora

Gli astronomi sono riusciti a trovare alcuni dei galassie lontane nell’universo, ma ora potrebbero aver localizzato con precisione la stella più lontana. come Filo SyFy AppuntiI ricercatori che utilizzano il telescopio spaziale Hubble hanno osservatore Earndel (“Stella del mattino” in inglese antico), è attualmente stimato a 12,9 miliardi di anni luce di distanza: la luce che vediamo proviene da essa quando l’universo aveva circa 900 milioni di anni. Finora, gli oggetti più piccoli visti a quella distanza sono stati ammassi stellari.

Se confermato, la star avrebbe facilmente battuto il record precedente. La stella più lontana prima era MACS J1149 + 2223 Lensed Star 1, che brillava quando l’universo aveva circa 4 miliardi di anni. Gli scienziati hanno trovato la stella usando Hubble nel 2018.

L’antica stella Earndale è esplosa in un insieme di esposizioni dal telescopio spaziale Hubble.

NASA / Agenzia spaziale europea / Brian Welch (JHU) / Dan Koe (STScI) / Alyssa Pagan (STScI)

Questa impresa è stata realizzata utilizzando lente a gravità, o fare affidamento sulla gravità degli ammassi di galassie per distorcere la luce e amplificare oggetti che altrimenti sarebbero difficili o impossibili da rilevare. La luce della galassia ospite della stella si è spostata in un lungo arco grazie al massiccio ammasso di galassie WHL0137-08. Quando Earendel sedeva ai margini della “materia caustica” dello spazio, o increspatura nel tessuto dello spazio, la sua luminosità è stata amplificata mille volte e lo ha aiutato a distinguersi.

Anche Earndel è una grande bestia. Gli scienziati stimano che sia “almeno” 50 volte la massa del Sole e milioni di volte più luminoso. Si prevede inoltre che contenga relativamente poco metallo, perché si sarebbe formato quando non avrebbe potuto raggiungere gli elementi più pesanti che sono venuti con le generazioni successive di stelle. Se fosse fatto solo di idrogeno ed elio, sarebbe la prima prova delle primissime stelle del “terzo ammasso”.

READ  Gli scienziati catturano il triste grido del buco nero

L’oggetto non è stato ancora confermato come una star, ma potrebbe arrivare relativamente presto. I monitor pianificano l’utilizzo Telescopio spaziale James Webb Elevata sensibilità all’infrarosso per controllare e studiare lo stato della stella Earendel in modo più dettagliato. Tuttavia, Webb può anche aiutare a identificare le stelle lontane. In altre parole, la tecnologia doveva riconoscere che la presenza della star poteva relegarlo ai margini.

Tutti i prodotti consigliati da Engadget sono selezionati con cura dalla nostra redazione, indipendentemente dalla casa madre. Alcune delle nostre storie includono link di affiliazione. Se acquisti qualcosa tramite uno di questi link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *