Hong Kong: i seggi eletti direttamente saranno ridotti poiché la Cina introduce cambiamenti nel sistema di voto | Hong Kong

Pechino ha accettato di riformare in modo completo il sistema elettorale di Hong Kong come parte dei suoi sforzi per consolidare la sua presa sempre più autoritaria sul centro finanziario globale.

Le nuove misure includono la riduzione del numero di seggi eletti direttamente e la garanzia che la maggioranza dei legislatori cittadini sia scelta da un credibile comitato pro-Pechino.

Le nuove misure, che hanno scavalcato la legislatura di Hong Kong e sono state imposte direttamente da Pechino, sono l’ultima mossa volta a sopprimere il movimento democratico nella città dopo Enormi proteste.

Tam Yiu Chung, unico delegato di Hong Kong al parlamento cinese, ha detto all’AFP che le modifiche sono state approvate all’unanimità da 167 membri del Comitato permanente del Congresso nazionale del popolo.

E la New China News Agency (Xinhua) ha detto in un breve rapporto: “Il presidente Xi Jinping ha firmato ordini presidenziali per emettere gli allegati rivisti”.

Tuttavia, i 7,5 milioni di residenti di Hong Kong non sono ancora sicuri di cosa conterrà la nuova legge, senza dettagli ancora rilasciati.

Maria Tam, un politico di spicco che lavora con il parlamento cinese sugli affari di Hong Kong, ha detto a Reuters che la Commissione elettorale di Hong Kong, che è responsabile della selezione dell’amministratore delegato della città, selezionerà 40 rappresentanti della legislatura della città come parte delle modifiche approvate. dall’Assemblea nazionale. Il Comitato Permanente dell’Assemblea Popolare.

Tam ha aggiunto che il numero di rappresentanti eletti direttamente nella legislatura cittadina sarebbe stato ridotto a 20 da 35 come parte dei cambiamenti. La dimensione della legislatura aumenterà da 70 a 90.

Pechino aumenterà anche la dimensione della commissione elettorale da 1.200 a 1.500 come parte della ristrutturazione. Le autorità cinesi hanno affermato che l’emendamento mirava ad eliminare “scappatoie e carenze” che minacciavano la sicurezza nazionale durante i disordini antigovernativi nel 2019 e ad assicurare che solo “patrioti” governassero la città.

Chiunque si candidi alle elezioni dovrebbe anche essere controllato per le sue opinioni politiche.

Tam Yiu Chung ha detto che il comitato di audit sarà istituito dalle autorità di Hong Kong e della nuova città Agenzia di sicurezza nazionale Avrà voce in capitolo su chi è approvato.

Ha detto: “Il Comitato per la sicurezza nazionale e la Polizia per la sicurezza nazionale presenteranno rapporti su ciascun candidato per assistere l’esame da parte del Comitato di revisione delle qualifiche”.

Queste misure sono la riforma più importante della struttura politica di Hong Kong da quando è tornata sotto il dominio cinese nel 1997.

Con Reuters e Agence France-Presse

READ  La donna muore dopo che l'auto si tuffa nel torrente di New York nonostante gli "sforzi eroici" del poliziotto locale local

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *