Hamas dichiara la vittoria mentre Gaza celebra il cessate il fuoco | Notizie di Gaza

La Striscia di Gaza è stata testimone di un’altra notte di irrequietezza venerdì sera, ma questa volta non è stato dovuto agli intensi bombardamenti israeliani a cui è stata sottoposta la zona costiera assediata negli ultimi undici giorni.

Invece, decine di migliaia di persone sono scese in piazza per celebrare il cessate il fuoco concordato da Israele e dai gruppi armati palestinesi, cantando slogan a sostegno della resistenza.

Le moschee hanno suonato la preghiera di Eid al-Fitr una settimana dopo l’Eid, e i dolci sono stati scambiati in una celebrazione che è stata posticipata con morte e distruzione. Le persone hanno anche colto l’occasione per visitare coloro i cui parenti erano stati uccisi.

Le celebrazioni del cessate il fuoco si sono estese a diverse città all’interno della Cisgiordania occupata e ai quartieri palestinesi nella Gerusalemme est occupata, dove molti hanno elogiato le fazioni armate e la fermezza dei palestinesi a Gaza.

Secondo il Ministero della Salute di Gaza, 248 palestinesi sono stati uccisi nell’ultima offensiva israeliana, inclusi 66 bambini e 39 donne. Almeno altri 1.910 sono rimasti feriti. Più di 90.000 palestinesi sono stati sfollati dalle loro case e gran parte delle infrastrutture di Gaza e molti edifici civili sono stati gravemente danneggiati o distrutti.

Da parte israeliana, 12 persone sono state uccise, compresi tre lavoratori stranieri.

Il cessate il fuoco, mediato dall’Egitto, ha visto una cessazione “reciproca e incondizionata” delle ostilità tra l’esercito israeliano e gruppi armati palestinesi, iniziata alle 2 del mattino di venerdì (23:00 GMT di giovedì).

Nessuna condizione è stata annunciata ufficialmente e il gabinetto di sicurezza israeliano ha dichiarato di aver votato all’unanimità a favore di una tregua “reciproca e incondizionata” a Gaza.

Ma il portavoce di Hamas Abd al-Latif al-Qanu ha detto ad Al-Jazeera che i gruppi armati avevano imposto le proprie condizioni.

READ  Amazing new video captures the moment of the recent eruption of Mount Etna

Ha detto che includeva la fine dell’espulsione forzata delle famiglie palestinesi nel quartiere di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est e le incursioni delle forze di sicurezza israeliane nella moschea di Al-Aqsa.

Al-Qanu ha detto: “Israele si è ritirato di fronte alla resistenza armata, e non ha ottenuto nessuno dei suoi obiettivi che aveva detto che avrebbe fatto quando ha lanciato il suo attacco”.

Per ora, il cessate il fuoco è in vigore, anche se venerdì le forze israeliane hanno nuovamente fatto irruzione sul Monte del Tempio, sparando proiettili di metallo rivestiti di gomma e granate assordanti.

“Israele è ora in fase di prova e le fazioni della resistenza a Gaza stanno osservando come risponderanno”, ha detto Al-Qanu.

Questo cessate il fuoco non è altro che una pausa, un’opportunità per acquisire più forza per contrastare ogni ulteriore aggressione israeliana.

Cessate il fuoco imbarazzante

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che l’attacco ha inferto ad Hamas “un colpo inimmaginabile” e si è spinto fino a dire che è stato “ineguale” e ha portato Hamas a una battuta d’arresto per anni.

Netanyahu ha detto che l’IDF aveva distrutto la rete di tunnel di Hamas a Gaza, così come molte fabbriche e depositi di missili, e ha affermato che più di 200 militanti palestinesi sono stati uccisi, tra cui 25 persone di spicco.

Tuttavia, diversi politici israeliani hanno criticato il cessate il fuoco, descrivendolo come un’umiliante resa ad Hamas.

Il leader del New Hope Party Gideon Sa’ar ha descritto il cessate il fuoco come “imbarazzante” ed ha espresso il suo rammarico per il fatto che “anche con le migliori forze aeree e di intelligence del mondo, Netanyahu è stato in grado di ottenere da Hamas” un “cessate il fuoco incondizionato”.

READ  George Floyd Live News: ultimo aggiornamento del processo di Derek Chauvin

“L’imbarazzante cessate il fuoco è una resa pericolosa al terrore e alle imposizioni di Hamas”, ha detto Itamar Ben Ghafir, membro della Knesset di estrema destra.

Avigdor Lieberman, che si è dimesso da ministro della Difesa nel 2018 dopo che Israele ha accettato un accordo mediato dall’Egitto dopo due giorni di pesanti combattimenti a Gaza, ha descritto il cessate il fuoco come “un altro fallimento di Netanyahu”.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu fa segnali durante un briefing degli ambasciatori in Israele presso la base militare di Al Hokayriyah a Tel Aviv, Israele, mercoledì 19 maggio 2021 [Sebastian Scheiner/AP Photo]

‘Supporto palestinese senza precedenti’

Adnan Abu Amer, un analista politico palestinese con sede a Gaza, ha affermato che il consenso generale tra i palestinesi è che Hamas abbia vinto questo round di combattimenti, sia militarmente che politicamente.

“Sebbene l’attacco sia continuato per 11 giorni e abbia causato relativamente pochi danni materiali alla parte israeliana, Hamas ha inferto un duro colpo all’immagine di Israele nel mondo – questa volta, più dell’ultima guerra del 2014”, ha detto ad Al-Jazeera.

“Questo perché l’escalation non è scaturita dalla Striscia di Gaza e dal blocco, ma piuttosto dalla causa collettiva – sostenuta dalla comunità islamica e araba e dalla maggioranza della comunità internazionale – che è inevitabile per la causa palestinese, quella di Gerusalemme. “

Hamas e altri gruppi palestinesi a Gaza hanno lanciato migliaia di razzi contro Israele entro 11 giorni. I razzi a lungo raggio lanciati da gruppi armati a Gaza hanno chiuso due grandi aeroporti.

I fedeli palestinesi si radunano venerdì prima che le forze israeliane assaltino il complesso della moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme [Ahmad Gharabli/AFP]

Nel frattempo, Abu Amer ha affermato che la retorica usata dall’Autorità Palestinese – come il sostegno alla soluzione dei due Stati – è stata ampiamente accolta come lontana da ciò che sta accadendo nelle strade palestinesi.

“[This rhetoric] Mina qualsiasi aumento del sostegno palestinese ad Hamas dopo ogni attacco.

Questa volta abbiamo visto un sostegno palestinese senza precedenti [for the resistance] In tutto il paese, ha affermato che le politiche israeliane a Gaza sono anche un’estensione delle politiche a Gerusalemme e in Cisgiordania e contro i palestinesi che vivono nei territori del 1948.

READ  La crisi di Angela Merkel: due parlamentari si dimettono dopo "guadagni personali da accordi con maschere" | Politica notizia

Abu Amer ha detto: “Prima che i palestinesi di queste aree si manifestassero a lume di candela, in solidarietà con Gaza, ma questa volta erano una parte evidente della resistenza contro Israele”.

Centinaia di migliaia di palestinesi hanno organizzato lunedì uno sciopero generale in tutti i territori. Nella Cisgiordania occupata, il ministero della Salute ha affermato che almeno 28 palestinesi sono stati uccisi in proteste durate diversi giorni contro l’esercito israeliano e altre migliaia sono rimaste ferite.

Abu Amer ha concluso che al momento è chiaro che Hamas e Israele vogliono un cessate il fuoco, indipendentemente dalle vibrazioni. La Striscia di Gaza ha bisogno di una pausa dopo i pesanti attacchi israeliani.

Per i palestinesi di Gaza, il cessate il fuoco non è altro che una tregua, e rappresenta la speranza che la lotta in corso nella vita quotidiana che hanno subito a causa del soffocante blocco della fascia costiera finisca prima o poi.

Come nel caso di qualsiasi movimento che espone i crimini del sionismo e sfida la narrativa europea ed è sostenuto dagli Stati Uniti, la solidarietà globale è dolce, ma la vittoria più importante, a mio parere, ha ridotto la probabilità che Israele si sieda sul nostro cassapanche per molto tempo fa. Mahmoud Qudaih, un utente palestinese dei social media di Khan Younes Egli ha detto.

“Seppelliamo i nostri martiri e prendiamo fiato per continuare, perché la guerra di liberazione continua e non si ferma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *