Haley Bennett sulla bellezza: non credo nella perfezione

Haley Bennett nel ruolo di Roxanne – Per gentile concessione di World Images International

Non puoi essere nel mondo dello spettacolo e togliere la bellezza fisica dall’equazione. Ma Haley Bennett, che ha interpretato Roxanne sia nella versione teatrale che cinematografica del musical “Cyrano”, diretto da Joe Wright per il grande schermo e con Peter Dinklage nel ruolo del protagonista, ha detto a Inquirer Entertainment che stava cercando di prendere il parola “perfetto” dal suo vocabolario. .

“Cyrano” racconta la storia di un elfo toccante e brillante (Peter) che non riesce a esprimere i suoi sentimenti per la donna (Haley) che ama a causa delle sue insicurezze sui suoi “difetti” fisici.

Anche come artista, Hayley ha affermato che imparare dal viaggio durante il “processo creativo” è più soddisfacente che concentrarsi semplicemente su come “fare le cose per bene”.

“Non credo nella perfezione”, ha dichiarato l’attrice. “Ma credo nel lavorare sodo e nel fare del proprio meglio. Ogni scena del film è stata importante per me, ma è stato il processo di creazione che ho amato di più. Mi è piaciuto il processo di esplorazione e non intendo solo recitare, ho significa la gioia di provare a raccontare storie onestamente”.

Domande e risposte con Haley:

Hai dovuto imparare nel corso della tua vita che l’aspetto o l’aspetto di una persona non ha importanza?

Non importa come sembriamo, penso che questa sia una lotta per tutti noi. C’è sempre qualcosa in ogni persona che sentiamo che è percepito come brutto sia per l’oggetto del nostro affetto che per il resto del mondo esterno.

Questo film musicale è iniziato come una produzione teatrale che Joe è venuto a vedere perché c’eri tu. Puoi parlare di come hai finito per farlo?

All’inizio ho appena letto una semplice lettura della commedia. Vivevo a New York in quel momento, ho cercato il mio agente e gli ho detto che volevo davvero entrare a teatro, perché era qualcosa che non avevo mai fatto prima. Ho detto: “Se c’è una possibilità, puoi pensare a me?”

READ  Secondo quanto riferito, un operatore ospedaliero italiano ha pagato per lo skip di 15 anni

Mi chiamò il giorno successivo e mi disse: “Ho questa opportunità per farti leggere questa lettura. Ma è ancora in fase di sviluppo”. A questo punto, Erica Schmidt (drammaturga, regista teatrale e moglie di Peter) aveva già scritto la sceneggiatura e The National stava già scrivendo le canzoni. Ha detto: “Peter Dinklage sarà lì per interpretare Cyrano” e ho pensato: “Oh, wow! Sembra un progetto davvero interessante”. Così sono andato e ho fatto ciò che è durato sette giorni.

Fortunatamente, Erica mi ha chiamato circa un mese dopo e mi ha detto: “Ti piacerebbe far parte di una produzione teatrale e fare questo spettacolo con noi al Goodspeed Theatre nel Connecticut?” Ho detto: “Certo! Mi piacerebbe”.

Poi il mio partner Joe è venuto alla premiere dello spettacolo e se ne è innamorato come tutti noi. Mi ha chiesto il permesso di condividere con Erica e discutere la possibilità di adattare un’opera teatrale per lo schermo.

Passando da una fase all’altra, hai dovuto annullare l’apprendimento di alcune cose sul film? Come hai affrontato tutta la libertà delle possibilità illimitate?

Non era quasi illimitato (ride)… perché abbiamo girato nel pieno dell’epidemia… in Italia! Quindi, è stata un’esperienza divertente. L’aspetto meraviglioso di tradurre il lavoro teatrale in cinema è il livello di intimità che non si cattura necessariamente sul palco.

Nel film, la telecamera può avvicinarsi molto. E il pubblico è in grado di vivere l’esibizione in un modo completamente diverso, soprattutto considerando il tipo di musica scritta da The National, che ha una qualità molto intima e intima. Inoltre, per modificare il film, non abbiamo dovuto scendere molto.

READ  Ora di rilascio della Stagione 5 di Netflix Elite (dipende dal fuso orario)

Ho realizzato produzioni teatrali e adattamenti cinematografici. Qual è il processo che ti è piaciuto di più fare?

Mi sono piaciuti entrambi i processi. Non abbiamo trattato i film in modo molto diverso rispetto alle produzioni teatrali. Joe è un regista molto teatrale. Per lui l’allenamento è molto importante. Mentre lo facevo durante la produzione con Erica, dove abbiamo praticato la coreografia, la geografia scenica, i nostri corpi… che hanno davvero risuonato con me come interprete.

Quindi, quando ho girato il film con Joe, abbiamo fatto anche tre settimane di prove. In questo modo ti sentirai davvero a tuo agio con la storia. Quando eravamo sul posto o sul set in Italia, mi sembrava tutto una seconda natura. Quindi mi è piaciuto molto questo aspetto delle produzioni teatrali e cinematografiche.

Come pensi che le generazioni più giovani si collegheranno al tuo personaggio, che è un’iterazione aggiornata di Roxanne?

Per me era davvero importante creare una Roxanne speciale. È un punto di forza in sé. Non è attaccato a un uomo. Sono sbalordito da questa idea [of women being just an appendage to a man]E penso che la maggior parte delle donne la pensi allo stesso modo. Quindi, per me, era importante continuare a spingere le aspettative su chi sarebbe stato questo personaggio.

Roxanne non è debole. È romantico, ma non perfetto. Non è una vittima. E lei mi piace davvero. È un personaggio che non vuole essere solo l’autore della sua scrittura; Vuole anche essere l’autrice della propria vita. Vuole essere vista come un individuo. Queste sono le cose a cui io, come donna moderna, trovo molto legata.

leggi quanto segue

Non perdere le ultime notizie e informazioni.

partecipazione a INQUIRORE PIÙ Per accedere a The Philippine Daily Inquirer e a oltre 70 titoli, condividi fino a 5 widget, ascolta le notizie, scaricalo già alle 4 del mattino e condividi articoli sui social media. Chiama l’896 6000.

Per feedback, reclami e richieste, chiamaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *