Ha giocato per la squadra del Northwest e ora vive a Buffalo Grove, ma giocherà per l’Italia alle Olimpiadi

Una star del softball nel nord-ovest, residente a Buffalo Grove, Andrea Filler ha avuto l’opportunità di giocare a livello professionale in Italia dopo la laurea circa cinque anni fa.

Si è sentita subito a casa.

O, comunque, il suo stomaco lo faceva.

Mangiava lo stesso capelin (una minestra di pasta) e la stessa pasta (pasta piccola fatta con pangrattato e parmigiano) e lo stesso tamburello che mangia a casa con la sua famiglia per le feste e le occasioni speciali.

Le ricette in realtà sono le stesse.

Sono le ricette della sua bisnonna cresciuta in Italia.

Mentre era in Italia, Filler lasciò la parte di madre con una famiglia numerosa. La bisnonna di Filler emigrò negli Stati Uniti da Forno, in Italia, negli anni ’30. Ma ci sono ancora molti suoi parenti e zie e zii che vivono in quella zona situata nel nord-est d’Italia.

“Tutte le nostre tradizioni familiari sono incentrate sul cibo”, ha detto Filler con una risata. “Crescendo, ogni grande evento familiare era a casa dei miei nonni e hanno ancorato la nostra famiglia a quelle tradizioni italiane”.

In questi giorni, il legame di Filler con la sua eredità italiana va oltre il cibo. Ora, il paese ha un legame sportivo per rappresentare l’Italia alle prossime Olimpiadi di Tokyo.

Filler, 28 anni, che ha sposato l’ex star del baseball di Stevenson e Northwest Kyle Ruchim (ora avvocato a Panacburn) nel febbraio 2020, ha ottenuto il passaporto italiano due anni fa e si pensa che abbia la doppia cittadinanza sia con gli Stati Uniti che con l’Italia. Quella cittadinanza italiana gli ha permesso di essere nella squadra olimpica italiana di softball.

READ  Il corona virus inverte la curva: i nuovi casi cadono per la prima volta in 20 settimane

Paradossalmente, ha scoperto di aver formato la squadra il 4 luglio, il compleanno dell’America.

Filler, che ricopre il ruolo di direttore operativo per le squadre di Northwest Softball e Field Hockey e ha giocato a softball professionista per i Chicago Pirates dal 2019, partirà per Tokyo con la sua nuova squadra il 9 luglio e si preparerà per la piscina con una pendenza contro lo United Uniti mercoledì (NBC) .

Gli italiani entrano in gioco come campioni europei difensivi e gli americani sono una delle migliori squadre al mondo.

“Sarebbe un gioco divertente perché ho giocato con molti giocatori della squadra americana al college o con i banditi”, ha detto Filler. “Penso che saremo la squadra più competitiva di Tokyo. Abbiamo fatto bene agli Europei. Siamo i migliori in Europa”.

Filler, cresciuto a Fort Wayne, Ind, afferma che la lista del softball italiano include molti giocatori con doppia cittadinanza. Ha un posto di partenza al secondo piano. A volte andava all’interbase, la sua posizione principale nel nord-ovest, dove era un giocatore di Big Ten.

“Il nostro capitano della squadra è un doppio cittadino della California, e ne abbiamo altri, e questo aiuta davvero”, ha detto Filler. “Aiuta perché il nostro capitano capisce cosa vuol dire essere un americano in una squadra di un altro paese.

“C’è una piccola differenza con questo. Non conosci nessuno, in pratica, prendi un posto da qualcuno (dall’Italia). È difficile da affrontare socialmente, ma ora stiamo tutti bene.

Filler dice che quando è arrivato lì per giocare a pallone da professionista, non ha mai voluto essere nella squadra olimpica italiana.

READ  L'Italia afferma che l'Italia potrebbe presto rendere obbligatori i vaccini Covit-19

In realtà, non ha mai pensato alle Olimpiadi, compresa la squadra che gioca alle Olimpiadi.

“Non sono mai stato coinvolto nella crescita del Team USA”, ha detto Filler. “Certo, voglio rappresentare gli Stati Uniti se posso. Ma non è come mi sono detto, ‘Oh, non sto costruendo il Team USA, quindi ora proverò a giocare da qualche altra parte’. Non ho mai pensato riguardo a questo.

“Sono venuto in Italia e alcune persone mi hanno parlato di provare a creare una squadra nazionale lì. Riguarda la mia eredità per me. La mia famiglia lo apprezza così tanto. So che saranno orgogliosi di rappresentare la mia famiglia. L’Italia al Olimpiadi.”

Anche Filler è orgoglioso.

Amava il lato italiano della sua educazione. Questo è stato un punto focale per tutta la sua vita.

“È stato molto divertente quando ho incontrato la mia famiglia lì”, ha detto Filler. “Le tradizioni che osservavo a casa, il modo di vivere, le lunghe cene, e poi sedermi e parlare per un’ora o due dopo che il pasto era finito. Questo è ciò che fa la mia famiglia. Questo è ciò che sono cresciuto imparando, ed è mi ha fatto sentire come se fossi nel posto giusto. Sono orgoglioso di essere italiano. Tutta la mia famiglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *