Guerra in Ucraina: l’editore russo Dmitriy Muratov ha attaccato il premio Nobel con vernice rossa ‘sulla posizione dell’Ucraina’ | notizie dal mondo

Un editore russo ha detto di essere stato aggredito da un uomo su un treno che gli ha lanciato della vernice rossa a causa della posizione del suo giornale sull’Ucraina.

Il premio Nobel Dmitriy Muratov “I miei occhi bruciano terribilmente” dopo l’attacco, che, secondo lui, è avvenuto su un treno da Mosca a Samara, ha detto Novaya Gazeta all’Europa.

Il suo aggressore, ha detto, ha gridato: “Muratov, questo è per i nostri ragazzi”, ha riferito il canale Telegram di Novaya Gazeta Europe.

foto:
Muratov ha detto che l’attacco gli ha lasciato gli occhi “profondamente bruciati”.

Confessione scioccante del portavoce di Putin: segui gli aggiornamenti in diretta

Il canale ha pubblicato le foto del signor Muratov e di uno scompartimento del treno immerso in un liquido rosso.

Novaya Gazeta Europe è un progetto lanciato dai dipendenti del quotidiano dopo Novaya Gazeta, Russia Un importante quotidiano indipendente ha chiuso la sua attività la scorsa settimana sotto la pressione del governo.

È stata l’ultimo grande media russo indipendente a criticare Il presidente Vladimir Putin Il governo ha sempre avuto un rapporto difficile con il Cremlino.

Altri hanno chiuso o bloccato i loro siti Web dall’invasione russa Ucraina È iniziato il 24 febbraio.

Novaya Gazeta ha ricevuto un secondo avviso ufficiale dal regolatore dei media Roskomnadzor, che di recente ha agito come un censore.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

La Russia ammette di aver subito “grosse perdite”

Il motivo dell’avvertimento del giornale non è chiaro.

Roskomnadzor ha detto all’agenzia di stampa statale TASS che il giornale non aveva identificato una ONG senza nome come “agente straniero” nei suoi rapporti, come richiesto dalla legge russa.

READ  La Chiesa ortodossa russa ad Amsterdam annuncia la sua separazione da Mosca | cristianesimo

Non ha specificato la relazione pertinente.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

Veicoli cacciatorpediniere russi

Le pressioni sui media liberali russi sono aumentate da quando Mosca ha inviato truppe in Ucraina a febbraio, con la maggior parte dei principali media e organizzazioni controllate dallo stato che si attengono strettamente al linguaggio usato dal Cremlino per descrivere il conflitto.

Diversi attivisti dell’opposizione hanno riferito di messaggi minacciosi dipinti sulle porte dei loro appartamenti.

Mr. Muratov, editore di lunga data di Novaya Gazeta, ha condiviso il 2021 premio Nobel per la pace Con Maria Ressa, giornalista filippina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *