Guerra in Ucraina: fosse comuni, prove di torture e corpi nelle cantine – Buchas lasciato dalle forze russe | notizie dal mondo

Indossando guanti di plastica e una maschera per il viso, Serhage Matwijk ha vissuto un orrore indescrivibile nell’ultimo mese.

La sua missione è recuperare i corpi e seppellirli nella città ucraina di Bucha, dove sono emerse prove di possibili crimini di guerra per mano delle forze russe.

“Sono carini”, disse, in piedi accanto a un grande camion bianco, in attesa che i corpi di altri cinque uomini venissero caricati sul retro di esso.

I cadaveri insanguinati – quattro di loro con le mani legate dietro la schiena, tutti violentemente assassinati – furono trovati nel seminterrato di quello che era stato un campo di villeggiatura per bambini fino a quando le forze russe non lo trasformarono in una base improvvisata.

L’ultima guerra dell’Ucraina – “orrori indicibili” nelle città liberate mentre le immagini satellitari mostrano fosse comuni

foto:
Una fossa comune a Motyzhyn, a circa 16 miglia a nord-ovest di Kiev

Matwik ha detto che i soldati russi “e il loro presidente sono tiranni”.

“Chiunque ha accettato questa guerra e l’ha portata a termine, è disumano”.

Matwik ha detto che i corpi di circa 300 civili sono stati trovati a Bucha da quando le forze russe hanno preso il controllo della città, a circa 16 miglia a nord-ovest di Kiev, nei primi giorni dell’invasione. Aspettati di scoprire di più.

La maggior parte delle vittime erano uomini, ma si ritiene che circa il 30% fossero donne e bambini.

“Durante il peggiore dei bombardamenti c’erano molti corpi e li abbiamo seppelliti in fosse comuni”, ha detto Matwick.

Lavorare in una zona di guerra era spaventoso, ma l’uomo schietto, che poteva ancora sorridere, ha detto: “Prima raccoglievamo i corpi sotto i bombardamenti”.

I corpi di circa 300 civili sono stati trovati a Bucha da quando le forze russe hanno preso il controllo di Bucha
foto:
I corpi di circa 300 civili sono stati trovati a Motigin dal ritiro delle forze russe

Le forze russe si sono finalmente ritirate da Bucha circa quattro giorni fa come parte di un più ampio ritiro dalla regione di Kiev.

READ  Eruzione del vulcano Alaska: una nube di cenere "esplosiva" ha inviato 15.000 piedi all'allerta cielo ROSSO | Il mondo | notizia

Ma quando le truppe ucraine si trasferirono in città, trovarono corpi lasciati nelle strade e negli scantinati.

Sirhij Matwik
foto:
La missione di Serhij Matuyk è recuperare i corpi e seppellirli nella città ucraina di Bucha

Per saperne di più: fosse comuni, torture e corpi spezzati: gli orrori di Bucha vengono rivelati

Alla domanda se qualcuno dei corpi rivelasse prove di tortura, Matwick ha detto: “Sì, assolutamente. Ad esempio, domenica, 20 persone su 30 si sono legate le mani.

“Sono morti in ginocchio, colpiti alla nuca. Raccogliamo anche i cadaveri dalle strade delle persone uccise in bicicletta. Chiunque fosse fuori a cavallo oa piedi è stato sistematicamente ucciso. È orribile”.

“Ci sono abituato ora, ma all’inizio l’ho trovato molto scioccante. Voglio solo ringraziare i miei amici per averlo fatto. È un duro lavoro”.

sacchi per cadaveri
foto:
Sacchi per cadaveri foderati sul pavimento

Funzionari ucraini hanno detto che tre corpi sono stati colpiti alla testa nel seminterrato del campo di villeggiatura.

Un quarto uomo è stato ucciso da un colpo alla testa con il calcio di un fucile, mentre il quinto è stato colpito da diversi proiettili al petto.

La Russia ha negato la responsabilità per eventuali morti di civili a Bucha e ha accusato il governo ucraino di creare una “provocatoria”.

Tuttavia, in un’altra parte della città, una residente ha raccontato a Sky News di aver assistito a un soldato russo che uccideva uno dei suoi vicini di casa.

Irina, 47 anni, ha detto che il soldato ha sfidato l’uomo per essere uscito dal suo condominio.

“Hanno chiesto i suoi documenti”, ricorda, “e lui ha detto: ‘Non ho i miei documenti con me. Abito al pianterreno e ora la porterò».

Sirhij Matwik afferma che alcuni dei corpi hanno prove di torture
foto:
Serhij Matwijk afferma che alcuni dei corpi mostrano prove di tortura

Irina ha detto che lei e suo marito guardano dal loro appartamento nello stesso edificio mentre lui si gira per tornare dentro e prendere i suoi documenti.

READ  L'investitore tecnologico statunitense Joe Lonsdale si rifiuta di scusarsi per aver "perso" il tweet di paternità | Diritti di maternità e paternità

Ma l’uomo, che non aveva 50 anni, è riuscito a malapena a scappare quando il soldato gli ha sparato alla nuca, ha detto.

Non se lo aspettava, disse Irina, e non ebbe nemmeno il tempo di dire niente. “Mio marito ed io abbiamo sentito uno schiocco ed è caduto”.

Non osarono uscire per recuperare il cadavere, rimasero a terra per ore.

Alla fine, ha detto Irina, suo marito e alcuni altri vicini hanno scavato una fossa nel fango fuori dal retro del condominio.

Lì sono stati seppelliti anche i corpi di altri due residenti.

Secondo Irina, anche loro furono uccisi indiscriminatamente dai soldati russi.

“E’ semplicemente terrificante,” disse, la voce che si incrinava e le lacrime che le sgorgavano dagli occhi.

“È impossibile che ciò accada nel 21° secolo. È inimmaginabile… che succeda qualcosa del genere. Non puoi augurarlo a nessuno. Quello che hanno fatto… Così tante persone sono state uccise… solo per niente.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *