Gruppo d’attacco statunitense schierato dopo i progetti di trivellazione russi vicino alle Hawaii | mondo | notizia

Le immagini satellitari non confermate del 19 giugno mostrano circa 20 navi da guerra, sottomarini e navi di supporto russe e circa lo stesso numero di aerei da combattimento che hanno preso parte alle esercitazioni nelle immediate vicinanze dello stato americano. Il ministero della Difesa russo ha affermato che le esercitazioni militari si sono svolte a circa 300 miglia dalla catena dell’isola.

Finora, nessuna nave o aereo russo è entrato nella zona di identificazione della difesa aerea degli Stati Uniti.

Il capitano Mike Kafka, portavoce del comando statunitense Indo-Pacifico, ha rassicurato il pubblico che le navi russe stavano osservando.

“Il comando indo-pacifico degli Stati Uniti monitora le navi russe che operano nelle acque internazionali del Pacifico occidentale”, ha detto alla CBS.

“Lavoriamo in conformità con il diritto internazionale del mare e dell’aria per garantire che tutte le nazioni possano fare lo stesso senza paura o conflitti e per garantire un Indo-Pacifico libero e aperto.

Poiché la Russia opera all’interno della regione, dovrebbe farlo in conformità con il diritto internazionale.

Il 17 giugno, la Marina degli Stati Uniti ha confermato lo spiegamento della portaerei USS Carl Vinson e USS Dewey.

Le recenti esercitazioni militari sono le più grandi del loro genere dalla fine della Guerra Fredda.

L’ammiraglio Viktor Kravchenko, l’ex capo di stato maggiore della marina russa, ha affermato che non ci sono stati “giochi di guerra simili” dal 1991.

Per saperne di più: Nexit indignato dopo che il nuovo rapporto mostra la realtà della dannata economia olandese

La coppia, che si è incontrata a Ginevra il 16 giugno, ha discusso una serie di questioni come i recenti attacchi informatici alle infrastrutture statunitensi e le recenti tensioni con l’Ucraina.

READ  Vladimir Putin afferma che Biden è "fondamentalmente diverso" dall'impulsivo Trump | Notizie dagli Stati Uniti

Putin ha descritto i colloqui come “costruttivi” e ha affermato che le due parti si erano impegnate a restituire gli ambasciatori dopo essersi ritirati in una battaglia politica all’inizio di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *