• Grafico: vincitori e vinti economici dalla pandemia

Mentre la pandemia di coronavirus continua, le economie della maggior parte dei paesi dell’OCSE stanno iniziando a riprendersi dagli effetti del 2020. Dati raccolti da The EconomistL’Irlanda è il paese con il più alto aumento del PIL tra il quarto trimestre del 2019 e il terzo trimestre del 2021, con un aumento del 22,3% del PIL. Sebbene impressionante, questo risultato è l’eccezione piuttosto che la regola come indica il nostro grafico.

Il Cile viene dopo l’Irlanda con un aumento del PIL del 10,4 per cento, mentre i paesi che occupano le posizioni da 3 a 6 mostrano una crescita più modesta tra il 2,1 e il 3,5 per cento. I paesi europei colpiti duramente dal virus, inclusi Regno Unito, Portogallo, Spagna e Italia, devono ancora riprendersi dall’inizio della pandemia, con il loro prodotto interno lordo che si è ridotto tra l’1,3 e il 6,6%. Mentre il Regno Unito, ad esempio, sembra essere sulla buona strada per acquisire l’immunità di gregge dopo il suo incontro con Delta, attualmente è al secondo posto a livello mondiale per quanto riguarda i nuovi casi con 157.758 infezioni registrate il 3 gennaio a causa della diffusione in corso di omicron grave. infezione. alternativa. La Spagna, il paese con il calo più alto del PIL nell’elenco dei 23 paesi OCSE analizzati da The Economist, è attualmente al terzo posto con 93.190 nuovi casi pur soffrendo ancora di una mancanza di entrate turistiche negli ultimi due anni.

Sebbene il PIL da solo fornisca solo uno sguardo alla salute economica di un paese, è comunque un indicatore valido di per sé. Per creare una classifica più dettagliata, gli analisti economici hanno anche raccolto dati sulle variazioni del reddito familiare pro capite, sugli investimenti di capitale statale, sui prezzi delle azioni e sul rapporto debito pubblico/PIL. Osservando questa analisi estesa, Danimarca, Slovenia e Svezia sono state le economie che finora hanno resistito meglio alla pandemia, con Giappone, Regno Unito e Spagna ultime.

READ  I rendimenti dei titoli di Stato scendono nell'area dell'euro, l'Italia attende nuovi titoli a 50 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *