Gli studenti MCC prendono parte alle riprese del film sulla seconda guerra mondiale | Notizie, sport, lavoro

Immagini di contributo – Un gruppo di attori che interpretano i soldati americani, tra cui la studentessa del MCC Lynne Schnatwurst di Conrad, in basso a sinistra, attende le istruzioni sul set di “Reveille”.

Quando Dillon Jacobson e Lane Schnathorst sono stati coinvolti per la prima volta in “Reveille”, gli studenti del Marshall Town Community College (MCC), che erano anche compagni di scuola superiore al BCLUW, non avrebbero potuto immaginare quanto sarebbe andato lontano il progetto.

Il loro professore dell’MCC Steve Muntz ha inizialmente invitato Jacobson, un cameraman che sogna di fare i propri film un giorno, e Schnathurst, l’attore, a girare un ritaglio a Iowa Falls a settembre per quello che in seguito è stato immaginato come un cortometraggio su un battaglia sconosciuta nella seconda guerra mondiale Tra soldati americani e tedeschi lungo la Winter Line in Italia nel 1943.

L’intento del film, come lo sceneggiatore/regista Michael Ackerman e altri hanno ripetutamente sottolineato, era quello di essere onesto e incrollabile e di rimuovere il glamour, il glamour e la teatralità che così spesso hanno caratterizzato i film di guerra di successo degli Stati Uniti in particolare. Ciò che resta è un’umanità comune tra i nemici e un semplice desiderio di sopravvivere.

Per il trailer, Jacobson ha utilizzato una delle telecamere di backup e Schnathorst ha interpretato un soldato tedesco. Poiché Akkerman e i produttori cercavano l’autenticità, gli è stato chiesto di imparare la lingua per interpretare lo stesso personaggio nel film vero e proprio, e alla fine è finito in un ruolo minore come soldato americano.

Dopo le riprese del trailer, sono stati assicurati ulteriori finanziamenti per il progetto, compresi i soldi di un eurodeputato, ed è stata presa la decisione di fare di “Reveille” un lungometraggio. Sebbene il piano iniziale fosse quello di girare nella zona di Los Angeles come alternativa all’Italia, i realizzatori alla fine si sono stabiliti in una zona dei Monti Ozark vicino a Sparta, Mo Jacobson ha trascorso 10 giorni sul set e Schnathorst è stato lì per 11.

Gli studenti del Marshalltown Community College e gli aborigeni Conrad Lynn Schnatwurst, a sinistra, e Dillon Jacobson, a destra, hanno recentemente partecipato alle riprese del film indipendente sulla seconda guerra mondiale “Revell”, che racconta la storia di una battaglia sconosciuta tra soldati americani e tedeschi lungo la Winter Line in Italia nel 1943.

READ  Timothy Chalamet di Cincinnati per le riprese del nuovo film "Bones and All"

“Ho finito per aiutare il doppiatore principale per circa una settimana, e poi sono stato messo nella posizione di attore. Dopo di che è stato semplicemente seduto e guardare tutto andare avanti”, ha detto Schnatwurst.

È interessante notare che l’altro lavoro di Schnathorst per la Anderson Funeral Homes è stato utile grazie alla sua capacità di far sembrare i cadaveri “come dovrebbero apparire” sul set. Gli è stato detto che era abbastanza realistico da potersi assicurare una posizione di consulente per la morte sui prodotti futuri.

Il compito principale di Jacobson come assistente dell’operatore della macchina da presa era determinare quali sezioni dell’inquadratura dovrebbero essere a fuoco, e ha detto che la differenza tra le riprese del trailer e le riprese del film era giorno e notte. La dimensione del cast è triplicata e lo staff di produzione è stato significativamente più grande: in totale, c’erano 50-60 persone coinvolte nel film.

Schnathorst e Jacobson hanno entrambi affermato di aver appreso i fatti di base sulla seconda guerra mondiale nelle loro classi delle scuole superiori, che Jacobson ha notato essere più incentrati sul teatro del Pacifico e sulle battaglie anti-giapponesi, ma che “Reveille” ha fornito un insegnamento completamente nuovo sul conflitto.

“Stavamo lavorando con persone che hanno dedicato centinaia di ore (e) anni di studio alla seconda guerra mondiale e alla guerra giusta in generale e al lato umano di essa”, ha detto Schnathorst. “Non sono entrato in questo film guardando le cose in bianco e nero. Ho guardato entrambe le parti. Sai, solo il conflitto tra loro è grigio… Devi entrare nella mentalità della guerra come diavolo, e nessuno ne beneficia davvero”.

READ  Un diplomatico ha aiutato Mumbai a riaccendere il suo amore per la cultura russa

Insieme a Jacobson e Schnatwurst, alcuni altri Iowani della zona hanno finito per interpretare ruoli importanti in “Reveille” – in particolare, gli immigrati tedeschi Bernd Witttenbein e George Rochlitzer, entrambi vivono a Wellsburg. Wittneben, lui stesso un veterano della pattuglia di frontiera della Germania occidentale, ha interpretato il comandante della divisione tedesca Walter Brander, e Rochlitzer, che ha prestato servizio nell’esercito tedesco dopo la riunificazione ed è attualmente professore all’Ellsworth Community College, è stato consulente tecnico e produttore esecutivo.

“Poiché avevamo visto altri film di guerra, abbiamo deciso di fare questo perché si sbagliavano tutti”, ha detto Wittneben. “E ciò di cui avevamo così tanto potere in questa configurazione era che in realtà avevamo consulenti americani. In realtà avevamo consulenti tedeschi. In realtà avevamo qualcuno dalla Germania che fosse con noi sul posto e ci aiutasse… Volevamo creare un film che fosse completamente storicamente corretto”.

Wittneben ha aggiunto che a causa dell’autenticità, i momenti in cui attori o membri della troupe hanno lasciato il set perché erano troppo emotivi erano comuni e spera che il pubblico sperimenterà una reazione simile. Molti degli attori stessi sono venuti a “Reveille” con veri combattimenti e background militari.

“È così che va questo film. Ci parla della vera sofferenza. Non importa se sono tedeschi o americani, non c’è nessun vincitore in questo”, ha detto Whittenbein. “Tutti quelli che escono là fuori rimangono feriti a vita, se sono ancora vivi… Questo film cambierà il modo in cui vengono guardati i film di guerra”.

Ora che le riprese sono terminate, il montaggio è in corso e Wittneben spera di vederlo proiettato ai festival all’inizio del 2023. Wittneben e Rochlitzer stanno già sviluppando altri progetti cinematografici e hanno ispirato Jacobson a trasformare uno dei suoi vecchi cortometraggi in un vero e proprio lunghezza uno. Caratteristica di lunghezza.

READ  Kabir Bedi partecipa alla versione italiana del Grande Fratello: 'Lo considererei un digital detox'

L’esperienza di girare “Reveille” e la successiva ispirazione che ha fornito sono stati a dir poco che hanno cambiato la vita e tutte le persone coinvolte sono diventate familiari nel processo.

“Tutti si sostenevano molto l’un l’altro. Quando erano giù, quando dovevano voltare le spalle, c’era sempre qualcuno a braccia aperte. C’era sempre qualcuno che fosse lì per loro”, ha detto Jacobson.

——

Contattare Robert Maharry al 641-753-6611 int. 255 o

rmahary@timesrepublican.com.

Le ultime notizie di oggi e altro ancora nella tua casella di posta



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *