Gli Stati Uniti usano le tariffe per contrastare le tasse sulle grandi tecnologie

Poiché il disegno di legge del governo per aggiornare il Broadcasting Act e il Big Tech Regulation, C-10, sembra improbabile che venga approvato prima che la Camera si alzi alla fine di questo mese, il Cancelliere dello Scacchiere Chrystia Freeland incontrerà i suoi omologhi del G7 nel Regno Unito la prossima settimana. negoziare un accordo per tassare giganti della tecnologia come Amazon, Google e Facebook.

Nel budget di aprile, Freeland ha confermato che il suo governo avrebbe applicato una tassa del 3% sulle principali società tecnologiche tra cui Amazon, Google, Facebook e Apple a partire da gennaio. Secondo l’Ufficio parlamentare di bilancio (PBO), questa tassa potrebbe raccogliere più di 4 miliardi di dollari nei suoi primi cinque anni.

Leggi di più: La tassa sui servizi digitali potrebbe aumentare di $ 4 miliardi in 5 anni: PBO

Il Il governo ha detto nel bilancio che sta andando avanti con la tassa Convincere le grandi aziende tecnologiche “a pagare la loro giusta quota di tasse sui soldi che guadagnano facendo affari in Canada”.

Ma mercoledì, dopo un’indagine durata un anno da parte degli Stati Uniti sulle tasse sui servizi digitali già adottate da alcuni paesi, la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Catherine Tay ha affermato Gli Stati Uniti hanno annunciato Saranno imposte tariffe aggiuntive su alcuni beni provenienti da quei paesi che riscuotono l’imposta sui servizi digitali. Questi paesi includono Austria, India, Italia, Spagna, Turchia e Regno Unito

Gli Stati Uniti hanno anche annunciato che ritarderanno tali tariffe fino a 180 giorni mentre continuano i negoziati sulla tassazione delle big tech, tra i paesi dell’OCSE e del G20.

READ  I designer milanesi premono il pulsante di reset durante la Digital Fashion Week | Divertimento

“Le azioni di oggi forniscono tempo affinché questi negoziati continuino a fare progressi, preservando l’opzione di imporre tariffe ai sensi dell’articolo 301, se giustificato in futuro”, ha affermato Tay in una nota. (La sezione 301 dell’US Trade Act consente al governo di imporre tariffe se determina che un governo straniero sta violando un accordo commerciale internazionale o considera le sue azioni ingiustificate o irragionevoli.)

Se non ci sarà un accordo globale sulla tassazione di questi giganti della tecnologia entro gennaio, il Canada potrebbe subire tariffe simili dagli Stati Uniti se procederà con una tassa sui servizi digitali.

Mercoledì, in una conferenza stampa, Freeland ha affermato di aver discusso della questione con Janet Yellen, la segretaria del Tesoro degli Stati Uniti, e con i suoi omologhi del G7, e Freeland è ottimista sul fatto che raggiungeranno un accordo.

“Abbiamo avuto buone conversazioni tra i nostri partner”, ha detto Freeland. “Voglio sottolineare ancora una volta che la nuova amministrazione statunitense e il segretario Yellen hanno personalmente adottato un approccio di compromesso, e penso che ciò significhi davvero che un accordo è a portata di mano”.

Freeland ha aggiunto che il governo sta andando avanti con le sue tasse digitali a gennaio, se l’Ocse o i paesi del G20 non riescono a raggiungere un accordo perché “non possiamo aspettare indefinitamente, quindi in assenza di un accordo multilaterale, agirà unilateralmente”.

Nel frattempo, Netflix Canada ha iniziato a informare i suoi clienti che, a causa della recente modifica della legge fiscale canadese, alle loro fatture mensili verrà applicata la GST/Federal GST/GST. Il governo ha annunciato il mese scorso che avrebbe applicato GST/HST agli abbonamenti stranieri come Netflix, Amazon Prime, Spotify e Disney+.

READ  Cinque redattori su come stanno cambiando le loro priorità di viaggio quest'anno

Più politica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *