Gli Stati Uniti si preparano a imporre nuove sanzioni alla Russia ed espellere i funzionari per il massiccio attacco hacker di Solarwinds | Notizie dagli Stati Uniti

Gli Stati Uniti dovrebbero annunciare all’inizio di oggi nuove sanzioni contro la Russia a causa dell’hacking di agenzie governative e di presunte interferenze nelle elezioni.

Trenta entità dovrebbero essere inserite nella lista nera e circa 10 funzionari russi saranno licenziati come parte del procedimento, secondo funzionari che hanno parlato in forma anonima con Associated Press e Reuters.

Parte della vendetta è finita Solarwinds attacco hacker lo scorso anno, Che ha infettato popolari programmi statunitensi con codici ingannevoli e ha ottenuto l’accesso ad almeno nove agenzie governative e migliaia di aziende.

immagine:
I presidenti Biden e Putin si sono incontrati nel marzo 2011, ma un simile incontro ora sarebbe impensabile

I funzionari statunitensi credono Russia Era lui dietro la violazione, che è stata identificata a dicembre, e i funzionari stanno ancora valutando le informazioni che potrebbero essere state compromesse.

Il capo di Microsoft Brad Smith lo ha descritto come “l’attacco più grande e sofisticato che il mondo abbia mai visto”.

Si dice che il presunto attacco russo alle elezioni presidenziali statunitensi dello scorso anno sia un altro fattore trainante delle sanzioni.

Un rapporto dell’intelligence statunitense del mese scorso ha affermato che il presidente russo Vladimir Putin potrebbe aver istigato un tentativo fallito di mantenere Donald Trump al potere.

La Casa Bianca e il Dipartimento di Stato non hanno ancora ufficialmente parlato delle sanzioni previste, ma il presidente Joe Biden non ha nascosto i suoi sentimenti per il presidente Putin.

Un'udienza del leader dell'opposizione russa Alexei Navalny per considerare un ricorso contro una precedente decisione del tribunale che modifica la sua sospensione della pena in una vera pena detentiva
immagine:
Entro un mese sono state imposte anche sanzioni alla Russia per il trattamento di Alexei Navalny

Il mese scorso, ha accettato in un’intervista televisiva Putin era un “assassino” Le tensioni sono aumentate ulteriormente con la mobilitazione delle forze russe vicino all’Ucraina e in Crimea, che è stata tagliata fuori dall’Ucraina nel 2014.

READ  A third body was found in a Norwegian landslide; 7 is still missing

Il Cremlino ha risposto la scorsa settimana a quella che ha definito “ostilità e imprevedibilità delle azioni americane”, con il portavoce Dmitry Peskov che ha detto che deve “prepararsi per lo scenario peggiore”.

Non è chiaro cosa possano ottenere le nuove misure, poiché le mosse precedenti sembrano non essere state un deterrente.

Il mese scorso, sette funzionari russi e una dozzina di entità governative sono stati puniti per l’attacco con gas nervino ad Alexei Navalny, un importante leader dell’opposizione russa, e successivamente imprigionati.

Il presidente Barack Obama ha espulso i diplomatici nel 2016 in risposta a ulteriori accuse di pirateria nelle elezioni di quell’anno, mentre Trump ha adottato misure simili nel 2018 per quanto riguarda l’avvelenamento di un’ex spia russa a Salisbury.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *