Gli Stati Uniti ritirano le batterie antimissile dal Medio Oriente: rapporto | Joe Biden Notizieden

Mentre le tensioni con l’Iran si attenuano, l’amministrazione Biden si sta muovendo per mettere le forze statunitensi su una base più normale, riporta il Wall Street Journal.

Un’agenzia di stampa americana ha riferito, venerdì, che l’amministrazione Biden sta ritirando le batterie antimissile Patriot da quattro paesi del Medio Oriente, poiché gli Stati Uniti riducono la loro presenza militare nella regione a causa del calo delle tensioni con l’Iran.

Il Wall Street Journal riporta che il Pentagono sta ritirando circa otto batterie antimissili Patriot dall’Arabia Saudita, Iran, Kuwait e Giordania, nonché un sistema di High Altitude Terminal Defense (THAAD) dall’Arabia Saudita che è stato schierato dalla precedente amministrazione Trump . Citando funzionari statunitensi senza nome.

Il ridispiegamento include centinaia di truppe statunitensi che gestiscono i sistemi ed è iniziato all’inizio di questo mese dopo una telefonata del 2 giugno in cui il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha informato del cambiamento il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, secondo il giornale.

Il quotidiano ha riferito che il ritiro delle batterie antimissile rappresenta un ritorno a un livello di difesa più normale nella regione poiché gli Stati Uniti continuano a mantenere decine di migliaia di truppe anche se riducono le forze schierate in Afghanistan e Iraq.

Un alto funzionario della difesa ha dichiarato al giornale: “Abbiamo ancora le nostre basi nei nostri paesi partner del Golfo, e non sono state chiuse, e c’è ancora una grande presenza, un’ottima posizione nella regione”.

Gli Stati Uniti hanno schierato batterie e forze antimissile Patriot in Arabia Saudita dopo gli attacchi di droni iraniani che hanno colpito le strutture petrolifere saudite e l’Iraq nel 2020 a seguito di una serie di attacchi missilistici e missilistici contro le forze statunitensi da parte dell’Iran e delle milizie sostenute dall’Iran.

READ  Negli ultimi due anni Israele ha bombardato dozzine di navi che trasportavano petrolio o armi iraniane Israele

Le forze armate statunitensi hanno riconosciuto che più di 109 soldati statunitensi hanno subito commozioni cerebrali e altre lesioni cerebrali in un attacco missilistico balistico iraniano alla base militare di Ain Al-Asad in Iraq a seguito dell’attacco aereo statunitense che ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani.

Il presidente Joe Biden, che ha preso il posto dell’ex presidente Donald Trump a gennaio, ha cercato di calmare le tensioni in Medio Oriente e i diplomatici statunitensi sono stati impegnati in colloqui indiretti con l’Iran per rilanciare l’accordo nucleare iraniano.

I diplomatici statunitensi e iraniani hanno preso parte a un sesto round di colloqui a Vienna all’inizio di questo mese, poiché l’Iran considera di aderire all’accordo del 2015 che vieta l’acquisizione di armi nucleari in cambio di sollievo dalle sanzioni economiche statunitensi.

Trump si è ritirato unilateralmente dall’accordo nucleare iraniano e ha lanciato una campagna di “massima pressione” su Teheran che secondo i funzionari di Biden non è riuscita a raggiungere gli obiettivi e ha avuto l’effetto di accelerare lo sviluppo nucleare iraniano.

Venerdì gli iraniani hanno votato per scegliere un nuovo presidente in sostituzione del presidente uscente Hassan Rouhani, che ha sostenuto l’accordo nucleare con gli Stati Uniti nel 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *