Gli sforzi di ripresa economica dell’Europa dovrebbero essere più intelligenti, non più grandi

Lo scrittore fa visita a un professore della London School of Economics ed ex Direttore Generale del Tesoro Italianoخزان

L’Europa sta facendo troppo poco, troppo tardi per sostenere la ripresa economica post-pandemia? La domanda è rimasta sospesa nell’aria questa settimana anche dopo che l’Unione europea ha svolto il suo lavoro L’accordo più ambizioso nei mercati finanziari globali. Per il futuro, il punto chiave è che il sostegno finanziario, economico e monetario dell’Europa non dovrebbe essere più grande, ma più intelligente.

Alcuni rispettati politici, come Wolfgang Schäuble, l’ex ministro delle finanze tedesco, sono a favore di programmi di stimolo alimentati dal debito nell’Unione Europea, ma ciononostante chiedono un rapido ritorno alla disciplina fiscale e monetaria. Altri avvertono dei pericoli di ritirare il sostegno troppo presto e tornare a un mix inappropriato di politiche. A mio avviso, il punto di partenza è inquadrare la discussione in modo appropriato.

L’Unione Europea a 27 nazioni e l’Eurozona a 19 nazioni che sono in sostanza due esempi di affari incompiuti. Tra i pezzi mancanti ci sono gli strumenti giusti per la stabilità macroeconomica. Le debolezze del sistema attuale includono il rischio che le difficoltà finanziarie e bancarie possano rafforzarsi a vicenda, come abbiamo visto 10 anni fa. La mancanza di capacità finanziaria al centro porta a una dipendenza eccessiva e politicamente controversa dalle politiche monetarie non convenzionali della BCE.

Durante la pandemia, tutti i paesi dell’UE, in particolare quelli economicamente più fragili, hanno beneficiato della sospensione delle regole finanziarie dell’UE e dell’ombrello protettivo della BCE. Le politiche nazionali includevano garanzie governative per prestiti bancari, compensazione per mancato reddito per lavoratori e imprese, programmi di mantenimento del posto di lavoro e differimento di alcune tasse. Nonostante alcune difficoltà e ritardi, queste misure sono state ampiamente efficaci per stabilizzare le economie dell’UE e aprire la strada alla ripresa. Anche il piano generoso e multiforme dell’UE ha fatto la sua parte di fronte alla deflazione.

READ  Mega Millions prize of roughly $ 1 billion due to long odds and slow sales

È vero, la risposta politica è stata tutt’altro che perfetta. Raggruppati insieme in modo personalizzato di emergenza. Era orientato verso le rimesse tra gli Stati membri, quando ciò di cui l’eurozona ha veramente bisogno sono asset europei sicuri e capacità finanziaria centralizzata.

Tuttavia, anche se la risposta dei governi avrebbe potuto essere più efficiente e tempestiva, è difficile sostenere che avrebbe dovuto essere una risposta maggiore. Il Consiglio europeo delle finanze, organo consultivo indipendente della Commissione europea, è finita Questa settimana, “le politiche adottate o annunciate in modo credibile dai governi finora sembrano raggiungere un livello adeguato di sostegno finanziario”. Sono d’accordo con questa valutazione.

In qualsiasi crisi futura non si tratterà di fare di più ma di fare meglio, per questo la dimensione europea deve intervenire. Con al centro le risorse dell’UE sicure e la capacità finanziaria permanente, le risposte politiche del blocco saranno almeno altrettanto solide di quelle nazionali attuali, ma più sostenibili, automatiche e tempestive.

l’altra parte di Piano di rilancio dell’UE sulla flessibilità. L’obiettivo è stimolare la crescita potenziale attraverso investimenti pubblici sostenuti da riforme strutturali. Sebbene la maggior parte degli sforzi di stabilizzazione macroeconomica sia stata lasciata alle iniziative nazionali, il piano di resilienza farà affidamento su fondi europei finanziati congiuntamente, come 20 miliardi di euro per 10 anni. Emissione di obbligazioni È stato lanciato dalla Commissione europea questa settimana.

Il piano tende ai paesi più bisognosi. Includono gli Stati membri meno abbienti per i quali il denaro degli aiuti regionali dell’UE ha rappresentato a lungo una quota importante del loro PIL. Ma l’Italia sarà uno dei maggiori beneficiari, che finora è stata un contributore netto net per il bilancio dell’Unione europea. Un quarto di secolo di scarsi risultati economici ha fatto scivolare l’Italia nella metà inferiore dell’Unione Europea in termini di PIL pro capite.

READ  La storia di Alora Ambiance

L’Italia e la Spagna, l’altro più grande benefattore, si assumeranno un’enorme responsabilità quando inizierà l’attuazione del piano di rilancio dell’UE. I fondi devono essere utilizzati in modo efficace. Le riforme concrete devono diventare visibili ai governi europei e agli elettori di altri paesi affinché l’UE prenda in considerazione i futuri passi verso l’integrazione.

Non ci sono, ovviamente, scuse per il fallimento di alcuni paesi nell’attuare le riforme strutturali e nel fare buon uso degli investimenti pubblici in passato. Tuttavia, i rigidi vincoli finanziari hanno talvolta reso difficile per alcuni governi finanziare progetti che beneficiano dei fondi strutturali dell’UE e mantenere un livello dignitoso della spesa per investimenti pubblici. Questo ha esacerbato i loro problemi di crescita.

Inoltre, le risposte sbagliate alle crisi precedenti e la combinazione sfavorevole di politiche fiscali e monetarie non hanno contribuito a raggiungere il consenso politico e sociale necessario per riforme strutturali profondamente radicate dal lato dell’offerta. mentre quello, Movimenti populisti anti-establishment dimensioni, annullando alcuni dei progressi di riforma compiuti in passato.

Non ci sono dubbi disciplina finanziaria In tutta l’Unione europea deve essere ripristinato a un certo punto. Ma nel quadro più ampio, l’obiettivo generale è riformare le economie europee e prepararle alle sfide del futuro. Ciò richiederà un migliore quadro di bilancio e il giusto equilibrio tra le politiche di bilancio, le strategie economiche e le misure monetarie della BCE. Il compito dell’Europa non è fornire una risposta più ampia, ma una risposta migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *