Gli italocanadesi ottengono scuse ufficiali per il trattamento durante la seconda guerra mondiale

Ottawa – Il mese prossimo il primo ministro Justin Trudeau rilascerà le scuse ufficiali per il trattamento riservato agli italocanadesi durante la seconda guerra mondiale.

Il governo ha dichiarato in un comunicato stampa che 600 uomini italo-canadesi furono arrestati nei campi in Canada dopo che l’Italia si era alleata con la Germania e si era unita alla guerra nel 1940.

Circa 31.000 altri italocanadesi furono dichiarati stranieri nemici.

Mercoledì Trudeau ha detto alla Camera dei Comuni che il suo governo “correggerà questi errori” emettendo scuse formali a maggio.

Nel 1988, il Canada si scusò formalmente e offrì 300 milioni di dollari in risarcimento ai canadesi giapponesi, 22.000 dei quali furono internati nei campi durante la seconda guerra mondiale.

Trudeau non ha detto se sarebbe stato pagato un risarcimento agli italocanadesi.

Ha annunciato l’intenzione di scusarsi in risposta a una domanda del rappresentante liberale Angelo Iacono mercoledì.

“Durante la seconda guerra mondiale, centinaia di italocanadesi sono stati arrestati per il semplice motivo che sono di origine italiana”, ha detto Iacono alla Camera dei Comuni.

“I padri sono stati allontanati dalle loro case, lasciando i bambini senza i loro padri in molti casi e le famiglie senza paga per mettere il cibo sulle loro tavole. La vita, le professioni, gli affari e la reputazione sono state recise e distrutte, ma nessuno è stato ritenuto responsabile”.

Gli italocanadesi convivono con questi ricordi da molti anni e meritano di essere rinchiusi.

Trudeau ha risposto che i canadesi di origine italiana “affrontano la persistente discriminazione legata agli errori che i nostri governi hanno commesso in passato che continuano a influenzarli oggi”.

READ  California Supreme Court: ABC's cumbersome job workers test retrospectively, in a blow to Uber Lyft

“Sono orgoglioso di alzarmi in piedi e dire che il nostro governo correggerà questi errori con le scuse ufficiali a maggio”.

Il comunicato stampa del governo affermava che nel 1939 i regolamenti della Difesa del Canada concedevano al ministro della Giustizia il diritto di addestrare, confiscare proprietà e limitare le attività dei residenti canadesi nati in paesi che erano in guerra con il Canada.

La dichiarazione affermava che i regolamenti miravano chiaramente alle preoccupazioni dei canadesi riguardo l ‘”elemento straniero”, e nessuna persona è stata accusata di alcun crimine.

Nel 2018, la Royal Canadian Mounted Police ha rilasciato una dichiarazione di rammarico per il loro coinvolgimento nell’arresto.

La dichiarazione afferma che le scuse ufficiali del governo loderanno e onoreranno le famiglie di ciascuno dei 600 detenuti come atto di rispetto e riconoscimento del verificarsi di ingiustizie.

La dichiarazione aggiunge che il Canada ospita oltre 1,6 milioni di canadesi di origine italiana, una delle più grandi comunità italiane nel mondo, e hanno dato innumerevoli contributi al tessuto sociale, culturale ed economico del paese.

Una dichiarazione congiunta di dieci deputati italo-canadesi in Parlamento, tra cui il ministro della Giustizia David Lamty e il ministro dell’immigrazione Marco Mendesino, ha affermato che molti residenti hanno subito danni irreversibili.

“Potevano essere italiani per eredità, ma prima erano canadesi. Noi, come membri del Parlamento italiano, ringraziamo i membri che ci hanno preceduto che hanno attirato l’attenzione su questa ingiustizia e hanno contribuito a portare queste scuse a queste famiglie nel nostro italocanadese comunità. “

Questo rapporto è stato pubblicato per la prima volta da The Canadian Press il 14 aprile 2021.

READ  Bashar al-Assad, rieletto presidente della Siria dopo due decenni di governo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *