Gli investimenti rafforzano la già comprovata capacità dei produttori di yacht turchi

La zona franca nella provincia meridionale turca di Antalya, che gioca un ruolo importante in Turchia al terzo posto dopo Italia e Paesi Bassi nella produzione di yacht, è diventata uno dei cantieri navali preferiti nel bacino del Mediterraneo per la produzione, la manutenzione e la riparazione di yacht di lusso, grazie alla messa in servizio del sollevamento di 560 tonnellate dalla leva (leva) dopo i recenti investimenti.

La regione, che ha abilitato 479 yacht per un valore di quasi 1,3 miliardi di dollari, è diventata l’accesso all’acqua negli ultimi due decenni ed è diventata uno dei centri più importanti al mondo per la produzione di yacht.

Un totale di 45 società, 22 delle quali con capitale straniero, operano nel settore della nautica da diporto della Antalya Free Zone, che riceve ordini di yacht di lusso da molte parti del mondo, tra cui Italia, Regno Unito, Stati Uniti, Russia e gli Emirati Arabi Uniti. Emirates (Emirati Arabi Uniti).

Yacht di lunghezza compresa tra 30 metri (98 piedi) e 70 metri vengono prodotti nella zona franca, che sta diventando sempre più attiva con la gru in funzione con una capacità di carico di 560 tonnellate.

La gru, che è stata assemblata a febbraio, ha varato o scatenato barche fino a 60 metri di lunghezza dai primi giorni di aprile dopo il funzionamento di prova a marzo. Di conseguenza, la struttura ha visto un aumento degli ordini di produzione, manutenzione e riparazione di yacht.

Il fondatore della Antalya Free Zone Company (ASBAŞ), il direttore generale Zeki Gurses, ha dichiarato all’Agenzia Anadolu (AA) di aver fatto importanti investimenti nel cantiere navale per contribuire maggiormente all’economia del paese. Uno di questi grandi investimenti è stato la leva, che è uno dei sistemi più moderni al mondo.

READ  Bashar al-Assad, rieletto presidente della Siria dopo due decenni di governo

Gurses ha sottolineato che il lavoro nella zona franca è in aumento nonostante l’epidemia, affermando: “La gru, che offre un grande comfort in termini di sicurezza sul lavoro per i grandi yacht, ha varato cinque barche il primo giorno di funzionamento”.

Nei primi sei mesi dello scorso anno, quando l’epidemia era più diffusa, il volume totale degli scambi della zona franca della città è aumentato del 12% su base annua da 351 milioni di dollari a 392 milioni di dollari.

Goursis ha detto che un altro importante progetto del molo sarebbe un sistema di ascensori in grado di lanciare yacht fino a 2.000 tonnellate di peso e 90 metri di lunghezza in mare.

Questo sarà un sistema molto affidabile e sarà il primo del suo genere in Turchia. Viene utilizzato nei centri di manutenzione e riparazione di yacht in tutto il mondo. “Abbiamo in programma di iniziare a utilizzarlo dalla fine di giugno”, ha aggiunto.

Quando inizieranno i lavori, Gurses ha dichiarato: “Diventeremo un importante cantiere navale con 45 aziende per yacht, montacarichi e ascensori”. Ha anche indicato che stanno lavorando per facilitare il flusso di valuta estera non solo ad Antalya ma nel paese.

Ha aggiunto: “Siamo una regione preferita nel bacino del Mediterraneo per la produzione, la manutenzione e la riparazione di yacht dall’estero, soprattutto in Medio Oriente”.

Gurses ha affermato che gli yacht costruiti negli ultimi due decenni hanno anche rafforzato il riconoscimento della regione e che con questi nuovi investimenti, l’area ospiterà più yacht e riceverà più ordini.

La costruzione navale è iniziata nella regione nel 2000 e da allora ha portato la Turchia al terzo posto nel mondo nella produzione di yacht, dopo l’Italia e i Paesi Bassi. Fin dai primi anni sono stati prodotti yacht fino a 30 metri di lunghezza e la lunghezza totale di tutti i 460 yacht è di 8.640 metri.

READ  Grecia e Spagna registrano un incredibile boom di prenotazioni alberghiere

Più lungo è lo yacht, maggiore è il suo valore aggiunto e il contributo all’economia nazionale.

“I nuovi investimenti porteranno anche un significativo valore aggiunto, slancio e occupazione al paese”, ha affermato Gurses.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *