Gli eredi Gucci sono preoccupati per il ritratto della famiglia nel film Ridley Scott

Milano (Associated Press) – I discendenti di Guccio Gucci, che ha fondato la casa di moda di lusso che porta il suo nome quasi un secolo fa a Firenze, implorano il regista Ridley Scott di rispettare l’eredità della sua famiglia in un nuovo film incentrato sul thriller. uccidere.

The House of Gucci, con Lady Gaga e Adam Driver, è basato su un libro sull’omicidio di Maurizio, un nipote pagato di Gucci, e sul successivo processo e condanna della sua ex moglie. Patricia Reggiani, interpretata da Lady Gaga, ha trascorso 16 anni in prigione per omicidio.

Patricia Gucci, una delle cugine di secondo grado di Maurizio, è preoccupata che il film vada oltre la vera storia del crimine che ha fatto notizia ed entra nella vita privata degli eredi di Guccio Gucci.

“Siamo davvero delusi.” “Parlo a nome della famiglia”, ha detto Gucci mercoledì all’Associated Press. “Stanno rubando l’identità di una famiglia per realizzare un profitto, per aumentare il reddito del sistema di Hollywood … La nostra famiglia ha un’identità, privacy. Possiamo parlare di tutto. Ma c’è un limite che non può essere superato “.

Patricia Gucci ha detto di aver contattato la moglie di Ridley Scott, Giannina Fasio, per chiarire la portata del film, ma non ha ricevuto risposta. Facio ha incontrato i membri della famiglia Gucci nei primi anni 2000 per discutere un altro progetto che avrebbe dovuto concentrarsi sul ruolo del padre di Patrizia Gucci, Paolo, e di suo nonno Aldo nell’espansione del marchio in un attore globale del lusso. Il fatto che la società di produzione non avesse ancora comunicato con il nuovo film, ha detto, ha aggiunto alle paure della famiglia.

READ  ItsArt, il sito di cultura italiana Netflix, inizia il 31 maggio con 700 contenuti

La società di produzione di Ridley Scott non ha risposto alle richieste di commento, fornite anche tramite la sua controparte italiana.

La famiglia Guccis non è la prima famiglia di moda italiana a cimentarsi con le foto sullo schermo dei tragici eventi. La famiglia Versace ha rilasciato nel 2018 una dichiarazione sulla stagione “American Crime Story” di Ryan Murphy che trattava dell’omicidio del fondatore della casa di moda Gianni Versace, affermando che la serie televisiva non era autorizzata e dovrebbe essere considerata un “lavoro di finzione”.

Patricia Gucci ha detto che la sua famiglia deciderà quali misure aggiuntive possono adottare dopo aver visto il film. Le loro preoccupazioni derivano dal fatto che gli attori senior sono stati scelti per interpretare membri della famiglia le cui storie si intersecano solo leggermente con l’omicidio di Maurizio Gucci, la mancanza di contatti attuali con Scott Productions e le inesattezze che vedono nel libro su cui si basa il film. sopra.

Al Pacino interpreta Aldo Gucci, ricordato dalla nipote come un esperto venditore che ha aperto negozi Gucci a Roma via Condotti ea New York, attirando clienti VIP ed espandendo la portata globale del marchio. Jared Leto interpreta Paolo Gucci, i cui contributi creativi includono l’idea di creare il famoso logo Doppia G per Gucci così come le sue borse di plastica e mocassini.

Questa è la storia che racconta nel suo libro “Gucci, The True Story of a Successful Dynasty”, pubblicato in italiano nel 2015.

Patricia Gucci ha detto che i fotografi della collezione “House of Gucci” non sono stati per niente rassicuranti.

READ  Pronostici Oscar: qualcosa può sconfiggere "Nomadland"?

“Mio nonno era un uomo molto bello, come tutta la famiglia Guccis, con occhi molto alti, bluastri e molto eleganti. Il suo ruolo è interpretato da Al Pacino, e non è molto alto, e questa foto lo mostra paffuto, basso, con le basette, davvero brutto. Patricia Gucci ha detto: “Vergognoso, perché non gli somiglia per niente.

Nel frattempo, Leto Paolo Gucci appare con i capelli arruffati e una tuta di cotone viola che non corrisponde affatto ai ricordi di sua figlia. Terribile, terribile. Ha detto: “Mi sento ancora offesa”.

La famiglia Gucci non è stata coinvolta nella casa di moda Gucci dal 1993, quando Maurizio ha venduto la sua quota rimanente a Investcorp, con sede in Bahrein. Successivamente è stato acquistato dal gruppo francese PPR, che ora è Kering.

La casa di moda collabora con “The House of Gucci”, aprendo il suo archivio cinematografico per guardaroba e oggetti di scena. Nel film appare Salma Hayek, la moglie dell’amministratore delegato di Kering Francois-Henri Pinault. Leto è un caro amico del Direttore Creativo Alessandro Michele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *