Gli astronomi scoprono un pianeta sopravvissuto all’esplosione della sua stella

Il rendering di un artista mostra come sarebbe stato quando la stella è morta e il suo pianeta simile a Giove è sopravvissuto.

Osservatorio WM Keck / Adam Makarenko

Il nostro sole ha un limite di tempo. Raggiungerà la fine della sua vita tra circa 5 miliardi di anni. Come sarà il nostro sistema solare dopo la nascita del sole? Gli astronomi hanno trovato un lontano sistema solare Questo suggerisce il destino dei pianeti sul nostro pianeta. La Terra sarebbe probabilmente danneggiata, ma Giove potrebbe sopravvivere.

un Uno studio pubblicato mercoledì sulla rivista Nature Dettaglio di un pianeta simile a Giove in un’orbita simile a Giove attorno a una nana bianca morta. Il sistema si trova vicino al centro della Via Lattea e la sua scoperta tramite l’Osservatorio WM Keck alle Hawaii mostra che alcuni pianeti nel nostro sistema possono continuare ad esistere anche dopo che la nostra stella ha attraversato un inevitabile capriccio di fine vita. il lontano futuro.

“Questa prova conferma che i pianeti che orbitano a una distanza sufficientemente grande possono continuare ad esistere dopo la morte della loro stella”, L’autore principale Joshua Blackman ha dichiarato:Ricercatore post-dottorato presso l’Università della Tasmania in Australia. “Dato che questo sistema è un analogo del nostro sistema solare, suggerisce che Giove e Saturno potrebbero sopravvivere alla fase di gigante rossa del Sole, quando esauriranno il combustibile nucleare e porteranno all’autodistruzione”.

Ci si aspetta che il nostro sole passi attraverso alcune fasi quando muore. Si espanderà in una gigante rossa, Una fase che la NASA descrive come “Di solito è il momento più violento nella vita di una star.” Questo è il momento in cui la Terra sarà martoriata, diventerà inabitabile e probabilmente sarà distrutta.

Dopodiché, il sole si sistemerà nella sua forma di nana bianca come una stella morta che si raffredderà e scomparirà. Questo è il tipo di stella che gli astronomi hanno individuato come un pianeta in orbita simile a Giove. Condividi Kik Guarda il video di animazione Su ciò che questo lontano sistema solare e il pianeta sopravvissuto potrebbero aver sperimentato.

Il coautore David Bennett dell’Università del Maryland e del Goddard Space Flight Center della NASA ha suggerito che il trasferimento sulle lune di Giove e Saturno potrebbe essere qualcosa che vale la pena considerare. Questo presuppone che l’umanità esista ancora. Ciò significa che le nostre ambizioni a lungo termine per la vita interplanetaria dovrebbero includere uno sguardo ad alcune delle lune allettanti di Giove, come Europa, l’obiettivo della prossima missione della NASA.

Trasferirsi nel quartiere dell’acquirente non risolverà tutti i nostri problemi. Come ha osservato Bennett, “… non potremo fare affidamento sul calore del sole come una nana bianca per molto tempo”.

Alcune ricerche precedenti, tra cui a Il documento del 2020 descrive un pianeta gigante che ha evitato la distruzione Attraverso la sua stessa stella, ha dimostrato che la sopravvivenza è una possibilità nonostante le tendenze di queste stelle a uscire allo scoperto nel bagliore della gloria. Gli scienziati stanno ancora cercando di capire quanto sia comune o raro.

La scomparsa del nostro sole non è un problema urgente per l’umanità, ma non è una cattiva idea per il futuro. Una visione estremamente ottimistica e ispirata alla fantascienza potrebbe vedere una civiltà umana nel lontano futuro estendersi non solo per vivere oltre la Terra, Marte e persino Giove, ma fino ad altri sistemi solari molto prima che il nostro pianeta diventi un brindisi.

READ  Il pianeta "Farfarout" è l'oggetto conosciuto più distante nel sistema solare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *