Gli astronomi ritengono di aver trovato un residuo di stella di neutroni lasciato dalla supernova 1987A

Era la supernova più brillante per quasi 400 anni quando ha illuminato il cielo dell’emisfero meridionale nel febbraio 1987. Supernova 1987A – l’esplosione di una stella gigante blu in una piccola galassia vicina conosciuta come la Grande Nube di Magellano – ha sbalordito la comunità astronomica. Ha dato loro un’opportunità senza precedenti di osservare un’esplosione di stelle in tempo reale utilizzando strumenti e telescopi moderni. Ma mancava qualcosa. Dopo che la supernova è svanita, gli astronomi si aspettavano di trovare una stella di neutroni (un nucleo stellare estremamente denso che collassa composto in gran parte da neutroni) che rimaneva nel nucleo dell’esplosione. Non hanno visto niente.

Per 34 anni, gli astronomi hanno cercato, senza successo, la stella di neutroni mancante. Sorsero varie teorie. Potrebbe non aver ancora avuto il tempo di formarlo. O forse la massa del gigante blu era maggiore del previsto e la supernova ha creato un buco nero al posto di una stella di neutroni. Forse la stella di neutroni era nascosta, oscurata dalla polvere dell’esplosione. Se la stella scomparsa esiste mai, è davvero difficile da vedere.

Ma la perseveranza sta dando i suoi frutti. Gli astronomi potrebbero averlo finalmente trovato.

Il primo suggerimento arriva dall’Atacama Large Millimeter / Sub-Millimeter Array (ALMA) in Cile. la scorsa estate. Il radiotelescopio ha osservato un “punto caldo” all’interno del nucleo della supernova. Il “punto” in sé e per sé non è una stella di neutroni, ma piuttosto una massa calda di polvere e gas che può nascondere una stella di neutroni: dopotutto, qualcosa sta fornendo calore. Ma per confermare l’esistenza di una stella di neutroni, saranno necessarie ulteriori osservazioni.

READ  A 100-million-year-old beetle fossil sheds light on the ancient insect family

Con i risultati dei promettenti segnali radio ALMA in mano, un team di ricercatori ha proseguito osservando la supernova alle lunghezze d’onda dei raggi X, utilizzando i dati di due diversi veicoli spaziali della NASA: il Chandra X-ray Observatory e il gruppo Nuclear Spectroscopic Telescope (Nostar) . I loro risultati sono stati pubblicati questo mese su The Astrophysical Journal. Quello che hanno trovato è un’emissione di raggi X vicino al nucleo dell’esplosione della supernova, con due possibili spiegazioni.

Supernova 1987A con una nebulosa del vento stellare al centro. Credito: Chandra (raggi x): NASA / CXC / Univ. De Palermo / E. Greco. Illustrazione: INAF-Osservatorio
Astronomo Palermo / Salvatore Orlando

In primo luogo, l’emissione potrebbe essere il risultato dell’accelerazione dell’onda d’urto dell’esplosione. Questa teoria delle onde d’urto non può essere completamente esclusa, ma le prove sembrano indicare una seconda spiegazione più probabile: la Nebulosa del vento stellare.

Le pulsar sono un tipo di stella di neutroni energetica in rapida rotazione e la radiazione lampeggia verso l’esterno come un faro mentre ruota. Le pulsar a volte possono creare venti ad alta velocità che soffiano verso l’esterno e creano nebulose, sotto forma di particelle cariche e campi magnetici. Questo è ciò che i ricercatori pensano di vedere.

I dati di Chandra e NuSTAR supportano la scoperta di ALMA dell’anno scorso. Da qualche parte all’interno della Supernova 1987A c’è una giovane pulsar. Potrebbe volerci un decennio o più prima che il nucleo della supernova scompaia abbastanza da poter osservare direttamente una pulsar, ma per la prima volta in 30 anni gli astronomi possono essere abbastanza sicuri della sua esistenza.

Supernova 1987A, vista da NuSTAR e Chandra. Credito: Chandra (raggi x): NASA / CXC / Univ. Palermo / E. Greco; Illustrazione: INAF-Osservatorio Astronomico di Palermo / Salvatore Orlando; Nostar (raggi X): NASA / JPL-CalTech

La scoperta è emozionante. “Essere in grado di guardare fondamentalmente una pulsar dalla nascita sarebbe senza precedenti”, Ha detto Salvatore OrlandoUno dei ricercatori coinvolti nella scoperta. “Potrebbe essere un’opportunità irripetibile per studiare l’evoluzione di una piccola pulsar”.

READ  Il CDC afferma che l'infezione da salmonella in 8 stati potrebbe essere correlata agli uccelli canori selvatici

Quindi, con un puzzle di 30 anni risolto e molte nuove scoperte scientifiche da fare nei prossimi anni e decenni, Supernova 1987A promette di mantenere la nostra attenzione. Dopotutto, è la supernova più vicina e luminosa che vedremo mai.

A meno che il Betelgeuse non esploda …

(È improbabile che il Betelgeuse esploda presto)

Per saperne di più:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *