Gli astronomi hanno scoperto un nuovo tipo di nebulosa, che è molto interessante

La maggior parte dei lettori di Universe Today ha familiarità con le nebulose. Sono strutture gassose illuminate dalle radiazioni delle stelle vicine e sono tra le più belle della natura.

Con l’aiuto di astronomi dilettanti che gettano le basi, un team internazionale di astronomi ha scoperto un nuovo tipo di nebulosa attorno alle stelle binarie che chiamano nebulose a emissione galattica.

La stella binaria YY Hya è il centro di questa scoperta. YY Hya è una stella variabile periodica composta da una stella nana K e una nana bianca calda (WD) partner.

Le stelle si trovano in un involucro comune di gas emesso dalla stella che alla fine è diventata una nana bianca.

Prima di allora, ha attraversato una fase di gigante rossa quando i suoi strati esterni di gas si sono sparpagliati nello spazio. All’interno di questo involucro comune, entrambe le stelle continuano ad evolversi come da sole, poiché la radiazione stellare illumina il gas disperso.

Lo studio che ha presentato questa scoperta si intitola “YY Hya e il suo ambiente interstellareÈ pubblicato in Astrofisica e astronomia. L’autore principale è Stefan Kimeswenger del Dipartimento di Astrofisica e Particelle dell’Università di Innsbruck, Austria.

In un comunicato stampa, Kimeswenger… disseVerso la fine della loro vita, le stelle normali si gonfiano in giganti rosse. Poiché una parte molto grande delle stelle è in coppie binarie, ciò influisce sull’evoluzione alla fine della loro vita. Nei sistemi binari vicini, la parte esterna ingrandita della stella si fonde come un guscio comune attorno a entrambe le due stelle. Tuttavia, all’interno di questo involucro gassoso, i nuclei delle due stelle sono praticamente indisturbati e tracciano la loro evoluzione come singole stelle indipendenti”.

READ  Lancio di SpaceX Crew-2: ora di inizio, trasmissione in diretta e come guardare il volo

Le precedenti scoperte hanno aperto la strada a questo. Gli astronomi hanno trovato stelle binarie con la stessa disposizione ma senza un involucro completamente sviluppato. Il motivo per cui non hanno visto nessuno potrebbe essere dovuto alle dimensioni della busta.

(Kimeswenger et al., A&A, 2021)

sopra: Queste sono immagini H-alfa della nebulosa galattica intorno a YY Hya. A sinistra c’è il lobo nord-orientale della nebulosa e a destra il lobo sud-occidentale. Queste due parti della nebulosa si trovano ai bordi della parte principale della nebulosa.

L’involucro è vasto, largo più di 15 anni luce. A queste dimensioni, gli astronomi si aspettano che l’atmosfera venga distorta e distorta da altre stelle. Ma YY Hya è al di sopra del livello galattico e non è stato disturbato da altre nubi di gas.

“La nuvola principale ha un diametro di 15,6 anni luce, quasi un milione di volte maggiore della distanza della Terra dal Sole e molto più grande della distanza del Sole dalla sua stella vicina più vicina. Inoltre, erano anche presenti frammenti di grandi dimensioni fino a 39 anni luce di distanza l’uno dall’altro. Poiché l’oggetto si trova leggermente al di sopra della Via Lattea, la nebulosa è stata in grado di evolversi in gran parte senza essere influenzata da altre nubi nel gas circostante”, ha affermato Kimeswenger Egli ha detto.

Le dimensioni di queste buste comuni possono impedirne il rilevamento. Questo è più grande del campo visivo dei moderni telescopi.

“È troppo grande per il campo visivo dei moderni telescopi, e allo stesso tempo molto debole. Inoltre, la sua vita è piuttosto breve, almeno quando lo si osserva sulle scale temporali cosmiche. Sono solo poche centinaia di migliaia di anni. ” Kimeswenger Egli ha detto.

READ  Il problema con la valvola che perde costringe Boeing a sostituire l'unità di servizio Starliner

(Kimeswenger et al., A&A, 2021)

sopra: Queste sono immagini H-alfa della parte centrale della nebulosa con YY Hya punteggiato di rosa al centro. L’immagine a destra è stata rimossa dalle altre stelle. La punta del lobo sud-occidentale della nebulosa è mostrata a destra delle immagini.

Questa scoperta è iniziata con un gruppo di astronomi dilettanti francesi e tedeschi. Stavano esaminando immagini astronomiche storiche digitali degli anni ’80. Stavano cercando cose sconosciute quando hanno trovato un frammento di una nebulosa.

Hanno portato questa scoperta agli esperti del Dipartimento di Astrofisica e Particelle dell’Università di Innsbruck. Gli astronomi professionisti hanno combinato scoperte amatoriali con osservazioni degli ultimi 20 anni e con osservazioni di vari telescopi e telescopi spaziali, incluso lo Spitzer Space Telescope.

Con questi dati e la mano, gli astronomi dell’Università di Innsbruck hanno escluso l’esistenza di una nebulosa planetaria, la loro prima considerazione quando hanno visto i dati amatoriali.

Note successive con binocolo per bambini La vasta dimensione della nebulosa chiariva.

Gli astronomi negli Stati Uniti hanno continuato le osservazioni spettroscopiche, che forniscono dati chiave in scoperte come questa.

Anche le attuali immagini UV di GALEX, Catalina Real-time Transient Survey e TESS facevano parte del mix, insieme ad altre osservazioni da più fonti.

Risultati?

Il team ha costruito un modello con tutti questi dati che rivela una stretta coppia binaria di stelle. Hanno scoperto che la nana bianca ha una temperatura di circa 66.000 gradi Celsius (120.000 F) – che è calda per la nana bianca – e una nana K di circa 4.400 gradi Celsius (8000 F). Una nana K è circa una massa solare. Le stelle orbitano rapidamente l’una intorno all’altra in circa 8 ore e distano solo 2,2 raggi solari l’una dall’altra.

READ  Un cucciolo di leone delle caverne di 28.000 anni trovato in ottime condizioni

Poiché sono vicini a questo limite, la nana bianca riscalda il lato della nana K di fronte ad essa. Il riscaldamento provoca “…fenomeni estremi nello spettro della stella e variazioni di luminosità molto regolari” Secondo il comunicato stampa.

La coppia continua ad evolversi all’interno dell’involucro di gas espulso dalla nana bianca. La crosta stessa è gigantesca, circa una massa solare.

Questo lo rende più massiccio della nana bianca e della nana principale nella sequenza K. La nana bianca ha espulso il guscio gassoso circa 500.000 anni fa, Secondo lo studio.

Questo porta a un’altra interessante possibilità.

Il team di astronomi ipotizza, e non è stato ancora dimostrato, che questa stella binaria sia correlata alla nova, o “stella ospite”, vista dagli antichi astronomi cinesi e coreani nel 1086.

“È anche possibile che questo sistema sia correlato all’osservazione di NOVA fatta da astronomi coreani e cinesi nel 1086. In ogni caso, le posizioni delle osservazioni storiche corrispondono esattamente a quelle del nostro corpo qui descritte”, Kimeswinger Egli ha detto.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da universo oggi. Leggi il articolo originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *