Gli arrivi di migranti nell’Italia nord-orientale sono aumentati del 20% quest’anno

I funzionari della regione Friuli Venezia Giulia, nell’Italia nord-orientale, al confine con la Slovenia, hanno segnalato un aumento del 20% degli ingressi di immigrati dal 1 gennaio al 10 maggio, rispetto allo stesso periodo del 2020.

“In termini di immigrazione, le cifre sono ancora più alte lungo la rotta balcanica. Nella regione del Friuli Venicea Giulia, nel nordest dell’Italia, al confine con la Slovenia, si è registrato un aumento del 20% rispetto allo stesso periodo da gennaio a maggio 2020, “ha detto i nuovi immigrati, il consigliere regionale Pierborough.

Ha parlato a una riunione in videoconferenza del 12 maggio della Commissione per la sicurezza della Conferenza regionale.

“Questa è una delle porte d’accesso all’Italia e, come la Sicilia, dobbiamo organizzare aree isolate per 14 giorni per coloro che entrano nei nostri confini”, ha detto Roberti.

Non ci sono stati record per la Slovenia da febbraio

L’assessore, nel suo intervento, ha parlato in dettaglio di alcuni dettagli dell’immigrazione in questa parte del Paese.

“I richiedenti asilo del Friuli Venezuela nella regione Giulia non entreranno sicuramente nell’area Schengen per la prima volta perché hanno già attraversato altri Paesi Ue e ovviamente la Slovenia. Così, ha detto l’assessore,” Queste persone stanno arrivando nella nostra zona dai campi dove si trovano in Bosnia e non ci sono progressi in quanto non ci sono precedenti per alcun territorio che porti alla nostra regione. “

A suo avviso, “Un altro aspetto preoccupante è che da febbraio non sono stati ricevuti documenti ufficiali in Slovenia a seguito della sentenza del tribunale di Roma. Al contrario, in base ai termini degli accordi bilaterali, la polizia italiana francese deportò da 80 a 120 persone a giorno lungo il confine tra la Francia e il confine.

READ  Gli italiani sbattono la ricetta della carbonara al pomodoro sul New York Times

‘Mesi molto difficili davanti’

Parlando della Slovenia, Roberty ha detto: “Poiché ci sono poliziotti, i nostri vicini hanno introdotto norme per aiutare la polizia a proteggere il confine tra Slovenia e Croazia da altri paesi dell’UE. C’è anche interesse in Polonia, Estonia e Lituania, così come in parti di Germania e Austria. “

L’Italia ha invece affermato: “Non sembra che siamo coinvolti in questo piano. Riteniamo incomprensibile che le forze dell’ordine nel nostro Stato non possano cooperare con le loro controparti slovene per proteggere il confine con la Croazia, impedendo loro di entrare ciecamente nel nostro territorio.”

“Siamo all’inizio dell’estate, abbiamo i mesi più difficili e i flussi migratori continueranno fino all’autunno”, ha avvertito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *