Giro d’Italia: qualcuno può negare Egan Bernal nelle fasi finali?

Il pilota di Ineos Grenadiers Egan Bernal controlla cinque tappe per andare al Giro d’Italia

Egan Bernal è stato un vantaggio insormontabile al Giro d’Italia?

O siamo pronti per un’ultima settimana drammatica, mentre il campione del Tour de France 2019 affronta le sfide di piloti come il duo britannico Hugh Karthy e Simon Yates?

In ogni caso, Bernal ha la fortuna di difendere un’avanzata dopo l’altra In primo piano sui social mediaLink esterno Il colombiano è inseguito lungo parte della precedente tappa di arrampicata da due tifosi che girano motoseghe.

Gli organizzatori della gara RCS dicono che stanno esaminando l’incidente.

Tuttavia, con l’ultimo martedì della gara, BBC Sport sta dando uno sguardo allo stato di avanzamento delle ultime cinque fasi.

La Maglia Rosa è la sconfitta di Bernal

“Volevo fare qualcosa di speciale, volevo dimostrare che sono tornato”.

Dopo il pieno di infortuni del 2020, Egan Bernal ha accennato alla sua rinascita su strade sterrate nella tappa 11. Lo ha sostenuto sul famoso Monte Zoncolan nella tappa 14. Lo ha dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio mentre si è tolto freddamente la giacca antipioggia lunedì. La Maglia Rosa – la maglia rosa del leader – è stata mostrata al traguardo per una vittoria dominante nella tappa del Giro “Regina”.

Bernal è tornato e, sebbene la gara sia tutt’altro che finita, ci vuole qualcosa di speciale per privare il colombiano della sua seconda vittoria nel Grand Tour.

Nessuno può convivere con il leader di Inius Grenadiers, che ha bandito tutti i concorrenti per ottenere la vittoria alla stazione sciistica di Cortina d’Ampezzo nella 16a tappa, estendendo il suo vantaggio a due minuti e 24 secondi in classifica generale sull’italiano Damiano Caruso del Bahrain -Victorious, mentre il britannico Hugh Karthi, terzo posto oltre un minuto.

Nonostante le preoccupazioni per un persistente problema alla schiena – che ha gravemente influenzato la sua forma lo scorso anno – in vista della gara, il 24enne sembra andare sempre più forte, rivendicando una vittoria di seconda tappa in Italia dopo aver vinto anche la nona tappa. .

Una menzione speciale dovrebbe essere fatta qui a George Bennett di Jumbo-Visma, che è tornato dopo aver completato lo Zoncolan che consuma energia lungo la montagna per accompagnare Domestique Edoardo Affini fino alla fine.

Per non parlare del finale di Bennett a Cortina, inspiegabilmente, porta ancora la sua borsa del pranzo musicale che i motociclisti di solito ignorano pochi minuti dopo averli ricevuti circa a metà strada.

Che i meme dello shopping inizino …

George Bennett Mimi

Catastrofico nella disputa, ma Yates perde tempo

Allora chi può fermare Bernal da qui?

Il britannico Simon Yates, che ha vinto l’Alpine Tour ad aprile, sembrava comunque forte al secondo posto Ha perso più di due minuti e mezzo Lunedì è sceso al quinto posto assoluto, a quattro minuti e 20 secondi dal vantaggio.

Il primo concorrente Remco Evenepoel è esploso lunedì nella seconda settimana del suo primo Grand Tour in assoluto: il talentuoso 21enne è indietro di oltre 28 minuti nonostante Bernal sia dietro di soli 15 secondi nel suo primo giorno di riposo.

Il concorrente Deceuninck-Quick Step è stato coinvolto in un Un terribile incidente nel 2020 a El Lombardia, Questa è la sua prima gara dopo nove mesi di infortunio.

Tuttavia, sullo sfondo del terzo posto alla Vuelta a Espana lo scorso anno, che includeva una straordinaria vittoria sul popolare Angliru, Carthy di EF Education-Nippo potrebbe porre problemi a Ineos. Sembra forte adesso come da quella gara.

Hugh Karthy
Il britannico Hugh Karthy (a destra) ha sentito l’opportunità di spingere il leader Egan Bernal (C) lunedì

“Ci siamo svegliati e abbiamo visto la pioggia questa mattina, e Hu ha detto:” Oggi abbiamo la possibilità di vincere Jiro “, ha rivelato lunedì il compagno di squadra Tijay Van Garderen.

Nonostante un percorso accorciato che bloccava quei piani, il team Catastrophic aveva intenzione di lavorare sullo Stage 16 poiché imponevano la velocità, anche se un fantino nato nel Lancashire non era in grado di mantenere Bernal.

Ma l’attuale deficit è stato compensato prima – basta chiedere allo stesso Yates, che ha visto Chris Fromm ottenere una vittoria totale Dopo un fantastico viaggio da solista sul palco 19 nel 2018.

Cosa resta ai corridori?

Ci saranno opportunità per attaccare Bernal, se i suoi avversari potranno approfittarne.

Quando la gara riprenderà mercoledì, i corridori dovranno affrontare due gradi di Classe A durante la 17a tappa di mercoledì a Sega de Ala – l’ultima salita di 11 chilometri con una pendenza media del 9,5%.

Dopo la 18a tappa relativamente pianeggiante, la 19a tappa di venerdì offre la fine di un’altra cima dell’Alp de Mira con una pendenza media del 9,1%. Anche il penultimo giorno di gara di sabato offre una dura prova.

La 20a tappa vede i corridori salire due volte oltre i 2000 metri, con i primi 23 km di salita del San Bernardino Trail in media del 6,2% e il secondo sullo Splogen Trail, prima che una dura giornata si concluda con il 13% di pendenze di punta all’Alp Motta.

Decisiva potrebbe essere la prova individuale che domenica si è conclusa alla distanza di 29,5 chilometri per il Milan, come l’anno scorso quando lo era il britannico Tau Geojehan Hart. Ha rivendicato la vittoria totale Nella fase finale.

Premio in denaro del Giro d'Italia: vincitore della maglia rosa 230.000 sterline, maglia viola a pois 8.600 sterline, maglia del Re delle montagne 4.300 sterline, maglia del giovane fantino bianco 8.600 sterline, vittoria di tappa: 9.500 sterline, ogni giorno vestita di rosa 1730. Tutti gli altri indossano il jersey ogni giorno per £ 650

READ  La ciclista adolescente di Christchurch Henrietta Christie ottiene un contratto professionale in Europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *