Giro Ditalia: Egan Bernal ha vinto con il britannico Simon Yates al terzo posto

Yates, a destra, ha vinto otto tappe del Grand Tour dopo aver ottenuto una vittoria al Giro d’Italia quest’anno.

Egan Bernal ha vinto la gara del Giro Ditalia, mentre il britannico Simon Yates è arrivato terzo sul podio.

Bernal, 24 anni, aggiunge la vittoria nel Grand Tour di tre settimane alla sua vittoria al Tour de France 2019.

Il pilota del Team Bike Exchange Yates ha ottenuto il suo secondo miglior risultato in un Grand Tour dopo aver vinto la Vuelta a Espana nel 2018.

Bernal ha detto: “Quando sono arrivato e ho capito di aver vinto, non sono riuscito a descrivere come mi sentivo dentro”.

“Stavo solo concentrando e pensando che non posso sbagliare – non voglio perdere Jiro in un angolo”.

La squadra britannica Ineos ha vinto 12 Grand Tour dalla sua stagione inaugurale come Sky Procycling nel 2010, difendendo la vittoria di Tao Geoghegan Hart al Giro di Milano lo scorso ottobre.

Il leader della squadra Sir Dave Brailsford ha dichiarato: “Sono molto contento. Soprattutto per il modo in cui Egan è stato aggressivo all’inizio e con quella fase decisiva in Toscana in cui Jana ha superato i ciottoli”.

“Allora come ha usato la sua squadra – mantieni la calma e misura le risorse … Lo hanno fatto magnificamente”.

Come era prevedibile, Yates non è stato in grado di correggere un ritardo di tre minuti e 23 secondi nella prova dell’ultimo giorno di 30 km a Milano.

Le sue migliori possibilità sono arrivate il giorno prima durante un’estenuante tappa di 166 chilometri nelle Alpi, ma il 28enne ha perso tempo al posto di Bernal, che ha scavato in profondità nella montagna e lo ha aiutato a scalare la montagna a un ritmo estenuante stabilito da compagno di corsa colombiano Daniel Martinez.

Il secondo posto nella classifica generale italiana è stato conquistato da Damiano Caruso del Bahrain-Victorious, che ha presentato la sua corsa della vita per finire sul podio, con grande gioia dei tifosi italiani.

Il britannico Hugh Karthy di EF Education-Nebo è stato ottavo in classifica generale dopo una buona gara con Bernal e gli altri contendenti durante le tre settimane.

Filippo Jana di Ineos ha vinto la tappa finale della gara.

È stata una tappa drammatica sotto la gloriosa luce del sole, poiché l’attuale campionessa mondiale di cronometro, Jana, ha dovuto scambiare le bici per due chilometri per percorrere i due chilometri dopo essere stata presa a pugni.

Il 24enne ha comunque segnato il miglior tempo, ma avrebbe dovuto perdere contro Remy Cavagna di Deckonink-Kwik Step, prima che il francese giudicasse male un calcio d’angolo acuto vicino al Duomo di Milano alla fine della tappa e si voltasse al guinzaglio tra la folla.

L’italiano Ganna conclude quindi la gara con la vittoria dopo aver vinto la tappa di apertura a Torino.

Egan Bernal
Bernal ha ottenuto la sua prima vittoria in assoluto sul Grand Stage di Campo Felice nella nona tappa

Come ha vinto Bernal

È stato un anno davvero indimenticabile per Bernal, dopo aver sviluppato un problema alla schiena mentre si preparava per il Tour de France lo scorso anno e poi si è arreso nella tappa 15 quando i leader hanno scalato il Grand Colombier, portandolo ad abbandonare la gara.

In effetti, lui e la sua squadra erano ancora preoccupati che questo problema alla schiena si sarebbe ripetuto durante le fasi finali di questa gara, il che gli avrebbe impedito di salire con il ritmo richiesto per proteggere il suo vantaggio, quindi una vittoria arriva con grande sollievo.

Insieme alla sua seconda vittoria al Grand Tour, Bernal ha vinto due tappe – la sua prima in Grand Tour – dopo aver vinto il Tour de France interamente senza vincere una tappa.

Il suo debutto al Giro è arrivato nell’ultima salita su ghiaia della nona tappa, quando ha sconfitto i suoi avversari con uno stile impressionante.

Poi ha lasciato tutti indietro sulle Dolomiti dopo che due entusiasti fan che utilizzavano motoseghe sono quasi caduti dalla bicicletta mentre lui lottava per togliersi la giacca antipioggia e sfoggiare una maglietta rosa mentre tagliava il traguardo.

Premio in denaro del Giro d'Italia: vincitore della maglia rosa 230.000 sterline, maglia viola a pois 8.600 sterline, maglia del Re delle montagne 4.300 sterline, maglia del giovane fantino bianco 8.600 sterline, vittoria di tappa: 9.500 sterline, ogni giorno vestita di rosa 1730. Tutti gli altri indossano il camicia quotidiana, £ 650

Cosa è successo ai cavalieri britannici?

Yates aveva sperato di cancellare i ricordi della sua sconfitta alla fine del Giro 2018, poiché la spinta alla vittoria di Chris Fromm ha alienato il fantino nato a Bury.

Prima di questa gara, Yates – con il fratello gemello Adam of Ineos – ha mostrato la forma più forte di qualsiasi pilota britannico fino ad oggi in questa stagione.

Simon ha vinto anche la gara di riscaldamento del Tour of the Alps, iniziata a Torino come uno dei forti favoriti. E a differenza del 2018, questa volta sembrava misurare meglio i suoi sforzi, poiché è rimasto in contatto per tre settimane mentre diversi concorrenti hanno rotto la maglietta rosa e bruciato.

Ma, proprio quando Yates ha iniziato a sembrare che stesse girando il chiodo vincendo sulle Alpi venerdì allo Stage 19, Bernal e la sua famiglia locale Martinez hanno mantenuto un ritmo a cui il britannico non poteva rispondere, bruciando tutto il suo tempo. compagni di squadra. Via sull’ultima tappa di montagna fino all’Alpe Motta.

In una stagione implacabile, Yates tenterà ora di vincere tappe al Tour de France, che inizierà in Bretagna il 26 giugno.

Il britannico ha guidato in modo catastrofico ma mancava della costanza dei suoi rivali, perdendo gradualmente qualche minuto qua o là in ciascuna delle fasi principali della gara.

Il 26enne sarà incoraggiato dallo spettacolo, ma sa che ha bisogno di vincere tappe nella tenuta della sua vittoria scalando Angliru a Vuelta a Espana lo scorso anno – dove è arrivato terzo – per competere per la vittoria al Grand. Viaggio.

Una menzione particolare va fatta anche a James Knox del team Quick-Step, che ha fatto una buona partenza nella salita del belga Remco Evenepoel e del capitano portoghese Joao Almeida.

Un genere di ossa rotte e cuori spezzati

Questo giroscopio sarà ricordato per i suoi brutali incidenti e il maltempo.

Il secondo classificato Caruso, 33 anni, non ha mai vinto una gara del tour mondiale prima, avendo trascorso la sua carriera come domestico. Ma dopo che il capitano Mikel Landa della Spagna è caduto nella quinta tappa dopo essere entrato in collisione con Marshall e un altro passeggero, Caruso ha preso il suo posto.

Peloton è rimasto sbalordito rimanendo con i concorrenti della maglia rosa per il resto della gara – è persino riuscito a superare il ruggito dei fan italiani alla salita più lunga del Giro per vincere la tappa 20 sabato.

Landa ha subito sei fratture costali e un braccio oscillante rotto, così come Alessandro de Marchi di Israel Start-Up Nation. L’italiano si è anche rotto due ossa alla schiena quando ha rinunciato alla tappa 12 – pochi giorni dopo ha detto che la gara era “pericolosa” e “da circo pazzo”.

Nelle altre gare della corsa, Peter Sagan di Bora Hansgrohe ha vinto la maglia a punti “Cyclamino”, mentre Geoffrey Bouchard di AG2R-Citroen ha vinto il premio King of the Blue Mountains. Bernal ha preso la camicia bianca dei Giovani Cavalieri.

In un frenetico programma di ciclismo su strada dovuto alle Olimpiadi, il riscaldamento del Tour de France inizia domenica al Criterium du Dauphine, con il belga Brent van Moer di Lotto-Soudal che vince la prima tappa di 182 chilometri su Issoire.

Geriant Thomas di Eneos e Tao Geojejane Hart gareggiano nella gara di otto giorni.

Valutazione complessiva finale

1. Egan Bernal (Colonel / Ineos Grenadier) 86 ore 17 minuti 28 secondi

2. Damiano Caruso (ETA / Bahrain vittorioso) + 1 minuto e 29 secondi

3. Simon Yates (UK / Group Bike Exchange) +4: 15

4. Alexander Vlasov (Russia / Astana – Premier Tech) +6: 40

5. Daniel Martinez (Col / Ineos Grenadiers) +7: 24

6. Joao Almeida (Poor Deconnect – passaggio veloce) +7: 24

7. Roman Bardet (Fra / Team DSM) +8: 05

8. Hugh Karthy (GB / EF Education – Nippo) +8: 56

9. Tobias Voss (Noor / Jumbo – Visma) +11: 44

10. Daniel Martin (Earl / Emerging Israel) +18: 35

Informazioni sul banner BBC iPlayerInformazioni sul piè di pagina di BBC iPlayer

READ  Ronaldo torna in Portogallo mentre la Juventus lotta per mantenere l'élite europea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *