Giovanni Manfredi | Novantanove anni fa a Roma, e un mese prima a Washington, il fascismo è insorto

Credito: Tyler Words

Pensa agli orribili eventi di L’ammutinamento del 6 gennaio Ricorda come Benito Mussolini salì al potere come Primo Ministro italiano nel 1922. Come vedremo, ci sono molti parallelismi tra quanto accaduto in Italia 99 anni fa e a Washington il 6 gennaio, il che ci mostra quanto sia davvero fragile la democrazia.

Per tutto il 1921 e il 1922, Mussolini, Leader del partito fascistaHa promesso che sarebbe arrivato al potere. L’Italia nel 1922 era un paese che si stava ancora riprendendo dalla guerra, dalla crisi economica e da un intenso conflitto politico, con una classe medio-bassa danneggiata che si sentiva abbandonata dalla classe politica e stava per vedersi negato il diritto di voto.

In marcia a Napoli, Mussolini Fai pubblicità dalla piattaformaO ci viene dato il governo, o lo prenderemo marciando a Roma. La maggior parte dei politici moderati di destra e di centro, sostenuti da molti degli imprenditori italiani, erano disposti a concedere a Mussolini il beneficio del dubbio, nell’illusione che l’intero movimento alla fine si sarebbe ritirato di fronte ai fatti di giudizio.

Allo stesso modo, quando l’ex presidente Donald Trump ha annunciato la sua candidatura nel 2015, La leadership repubblicana principale inizialmente lo ha licenziato come un secchione. Poi, quando divenne il candidato ufficiale del Partito Repubblicano, l’opinione prevalente era che la realtà dell’ufficio lo avrebbe presto domato. Invece, la verità era, come si dice nel libro di Bob Woodward “The Fury”, che Trump aveva “rapito” il Partito Repubblicano. Il governo repubblicano è seguito con obbedienza a Trump perché le sue nozioni riflettevano al meglio le lamentele dei solitari o, più precisamente, di coloro che temevano di essere sopraffatti dalle comunità minoritarie. Gli elementi moderati e centristi del Partito Repubblicano, compresi i lobbisti economici, sono stati in sintonia con esso per garantire il loro futuro politico.

Quando Trump ha sentito nelle fasi finali della campagna 2020 che il risultato sarebbe stato vicino, o addirittura che avrebbe potuto perdere, ha convinto la base del Partito Repubblicano ei suoi leader, Tamburi che mentono e cospirazione Non ha senso che le elezioni siano state “truccate”. Ha permesso a Trump di fomentare il tentato colpo di stato del 6 gennaio, per ora La famigerata marcia su Ellipse. I commenti di Trump in quell’occasione hanno una strana somiglianza con il discorso di Mussolini a Napoli il 24 ottobre 1922.

Il potere politico era la chiave di entrambi i discorsi. Trump voleva tenerlo. Mussolini voleva vincerla. Il fatto che Trump abbia scelto di tornare alla Casa Bianca durante lo scoppio della rivolta in Campidoglio è parallelo alla decisione di Mussolini di tornare alla sua base a Milano piuttosto che condurre personalmente i suoi seguaci (le “camicie nere”) a Roma. Entrambi gli uomini hanno difeso le azioni illegali ma credevano di poter evitare le conseguenze rimanendo lontani dalla battaglia vera e propria.

I risultati della carriera di Mussolini furono tragici. Il re italiano, che era stato minacciato da circa 25.000 camicie nere di prendere d’assalto Roma, nominò Mussolini Primo Ministro. Il disprezzo di Mussolini per le norme democratiche porterà alla fine alla cancellazione delle elezioni, oltre che alla vergogna Le leggi razziali del 1938 e del 1939Tutti gli ebrei italiani sono privati ​​dei loro diritti. Se l’invasione del Campidoglio fosse riuscita negli Stati Uniti, qualcosa di simile sarebbe potuto accadere negli Stati Uniti: Trump era rimasto in carica, sostenuto da un partito repubblicano obbediente e ben finanziato composto da timorosi moderati ed estremisti estremisti.

Né Trump né Mussolini vedevano le elezioni come il fattore determinante del potere politico in una democrazia. Conversazione di Trump con il ministro degli esteri georgianoQuando viene chiesto di “trovare” 11.780 voti, riflette il disprezzo dell’ex presidente per lo strumento fondamentale della democrazia. Invece, Trump e Mussolini hanno visto le manifestazioni come la vera misura del loro potere politico, tanto che il fallimento di una manifestazione a Tulsa lo scorso giugno ha spinto Trump a Ripristina istantaneamente il suo responsabile delle operazioni della campagna.

Certo, anche gli atteggiamenti negli Stati Uniti di quest’anno e in Italia di 99 anni fa rappresentano profonde differenze, come dimostrano le loro varie scoperte: Trump fallì e fu subito rimosso “incitando alla ribellione”, mentre la ribellione di Mussolini ebbe successo. Nel 1945 Mussolini fu arrestato È stato immediatamente giustiziato (Senza processo).

Anche se mi sono laureato nel 1969 – un anno dopo Trump – al college, non lo conosco. Nonostante ciò, so che non era nell’elenco di Wharton Dean nel 1968 e che le lezioni che abbiamo condiviso sono con il professore di economia, Lawrence Klein (Vincitore del Premio Nobel per le scienze economiche nel 1980), Non ha avuto alcuna influenza su di lui, ammesso che riguardasse le sue decisioni successive Partner in tutto il PacificoE il olioE guerre doganali e Castrazione della controversia OMC Tutto passa attraverso di esso.

Per quanto posso ricordare, Trump non ha mai partecipato a nessuna delle attività civiche in cui la maggior parte degli studenti era coinvolta in quel momento: la guerra del Vietnam, l’assassinio di Martin Luther King Jr., i diritti di voto, la campagna elettorale del 1968 o persino il movimento. Per fermare l’amministrazione universitaria Taglia un numero di alberi in un quadrante.

Anche se può sembrare un peccato, non credo che l’università possa fare molto per prendere le distanze da Trump e dalla sua famiglia. Non ci sono edifici importanti o altri edifici che portano il suo nome che possono essere rinominati. Ben inoltre non può pubblicare legalmente la sua tesi di laurea (se ne ha una) o la sua trascrizione senza il suo consenso. Il mio unico consiglio – per quanto insoddisfacente possa essere – è di ignorarlo e lasciare che la sua memoria svanisca gradualmente, privandolo dell’attenzione che desidera così disperatamente.

Giovanni Manfredi Si è laureato nel 1969 e ora vive a Muscat, Oman. Ha servito come ambasciatore italiano per il disarmo presso le Nazioni Unite e la sua email è nannimanfredi@gmail.com.

READ  Dott è impaziente di lanciare l'e-scooter in Irlanda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *