Giornata mondiale della libertà di stampa | Ambasciate e Consolati USA in Italia

Domani, gli Stati Uniti si uniscono alla comunità internazionale per celebrare la Giornata mondiale della libertà di stampa. L’informazione e la conoscenza sono strumenti potenti e un giornale indipendente e indipendente è l’agenzia principale che mette in contatto il pubblico con le informazioni necessarie per difendere se stesso, prendere decisioni informate e ritenere responsabili i funzionari del governo. Gli Stati Uniti sostengono la libertà di stampa online e offline e la protezione dei giornalisti e del personale dei media in tutto il mondo.

La libertà di espressione e l’accesso a informazioni concrete e accurate fornite da media indipendenti sono le fondamenta di una società democratica prospera e sicura. Secondo la Dichiarazione universale dei diritti umani, la libertà di espressione include il diritto di “cercare, ricevere e fornire informazioni e idee con tutti i mezzi, indipendentemente dai confini”. Ma oggi le prospettive per i diritti dei giornalisti sono dolorose.

Questo è uno dei motivi per cui abbiamo annunciato il “divieto di Kashogi” per aiutare a prevenire comportamenti minacciosi contro i media – in risposta al brutale assassinio di Jamal Kashoki. Il Rapporto Paese 2020 del dipartimento sulle pratiche in materia di diritti umani, pubblicato a marzo, cita dozzine di casi di molestie, aggressioni e omicidi di personale dei media. Il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ) ha raddoppiato il numero di giornalisti uccisi per rappresaglia per il loro rapporto entro il 2020, con il Messico e l’Afghanistan che hanno assistito al maggior numero di omicidi. Secondo la CBJ, il numero di giornalisti incarcerati ha raggiunto il livello più alto nel 2020 e da quando l’organizzazione ha iniziato il monitoraggio, la Repubblica popolare cinese, la Turchia e l’Egitto hanno imprigionato più giornalisti lo scorso anno. In Russia, le autorità continuano a limitare i rapporti indipendenti, tra cui Radio Free Europe / Radio Liberty.

READ  Vodunit cattura una piccola isola italiana dopo dozzine di furti | Notizie dal mondo

Sfortunatamente, l’epidemia ha fornito una scusa ai governi infetti per intensificare la pressione sui media indipendenti. La libertà di espressione, in particolare da parte dei membri della stampa, è ancora più importante per allertare il pubblico su abusi e corruzione e per affrontare pericolose disinformazione e disinformazione in quel tipo di ambiente ostile. Chiediamo a tutti i governi di garantire la sicurezza dei media e di proteggere la capacità dei giornalisti di svolgere i propri compiti senza timore di violenze, minacce o detenzione ingiusta.

Nel nostro mondo sempre più digitale, la libertà di Internet è necessaria per la libertà di stampa e il libero flusso di informazioni. Siamo preoccupati per i crescenti sforzi dei governi per rubare informazioni e conoscenze pubbliche limitando l’accesso a Internet e censurando i contenuti, compreso l’uso diffuso delle restrizioni di rete – per circa 18 mesi – rendendo impossibile ai giornalisti condurre rapporti indipendenti. I governi non dovrebbero chiudere, bloccare, censurare, censurare o filtrare queste misure perché minano l’assemblea e l’associazione pacifiche e la libertà di espressione e interrompono l’accesso ai servizi essenziali e incidono negativamente sull’economia.

Gli Stati Uniti condannano l’uso di attacchi su Internet imposti dal governo parziale o totale, tra le altre tattiche, per impedire l’uso della libertà di espressione online e per limitare la capacità dei giornalisti indipendenti di servire il pubblico. Esortiamo i governi a indagare e ritenere responsabili di tutti i crimini contro i giornalisti e il personale dei media. Gli Stati Uniti si sono impegnati a collaborare con i media, il settore privato, le ONG e altri governi interessati per sostenere l’accesso alle informazioni e proteggere la libertà di espressione, nonché minacce, molestie, arresti e l’esercizio dei loro diritti.

READ  Italia e Irlanda del Nord: Martin O'Neill e Jerry Armstrong ricordano il nostro ultimo grande scalpo ad Amburgo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *