Giornale: Il Dipartimento di Giustizia di Trump ha confiscato i tabulati telefonici dei corrispondenti del Washington Post | Notizie dagli Stati Uniti

I tabulati telefonici di tre giornalisti del Washington Post sono stati segretamente ottenuti dai funzionari del Dipartimento di Giustizia di Donald Trump per un periodo di tre mesi nel 2017. menzionato.

Il giornale ha detto che i registri delle comunicazioni, che risalgono dal 15 aprile al 31 luglio di quell’anno, includono chi ha chiamato con chi e quando, e per quanto tempo è durata la chiamata, ma non ha trasmesso ciò che è stato detto nelle chiamate.

I documenti sono stati ottenuti per ordine del tribunale in un momento in cui i giornalisti stavano esaminando la questione Obiezioni dell’intelligence Notando che il futuro procuratore generale Jeff Sessions ha discusso della campagna di Trump con l’ambasciatore russo Sergey Kislyak nel 2016.

Il Washington Post Il Dipartimento di Giustizia ha recentemente affermato che i suoi due corrispondenti – Ellen Nakashima, Greg Miller e l’ex corrispondente di posta Adam Entous – erano stati informati dal Dipartimento di giustizia con un ordine del tribunale per ottenere “registrazioni di comunicazioni non protette”. Una richiesta di accesso alle loro e-mail è stata rifiutata.

“Siamo profondamente turbati dall’uso dell’autorità da parte del governo per accedere alle comunicazioni dei giornalisti”, ha detto in una nota Cameron Barr, editore esecutivo ad interim del giornale.

“Il ministero della Giustizia deve immediatamente spiegare le ragioni di questa ingerenza nelle attività dei giornalisti che svolgono le loro funzioni, attività tutelata dal Primo Emendamento”.

La rivelazione mostra quanto sia ansioso Amministrazione Trump Era dovuto a fughe di notizie sulle accuse di interferenza russa.

In una conferenza stampa nell’agosto 2017, un mese dopo la scadenza della citazione in giudizio, Le sessioni hanno tenuto una conferenza stampa Ha invitato gli emarginati del governo a frenare questa pratica.

La chiamata è arrivata dopo che Trump ha pubblicamente chiamato il procuratore generale per essere “debole” nel perseguire la fuga di notizie. Ha notato che il numero di indagini sulle perdite è triplicato dall’amministrazione Obama e ha dichiarato: “Questa cultura della fuga di notizie deve finire”.

Il ministero della Giustizia ha dichiarato in una dichiarazione: “Anche se questo è raro, il dipartimento segue le procedure in vigore nella sua politica direttiva per i media quando cerca procedure legali per ottenere registrazioni di telefonate e registrazioni di posta elettronica non relative al contenuto da membri dei media. nell’ambito di un’indagine penale sulla divulgazione di informazioni riservate. “

Ha aggiunto: “Gli obiettivi di queste indagini non sono i destinatari dei mezzi di informazione, ma piuttosto coloro che hanno accesso alle informazioni della difesa nazionale che le hanno fornite ai media e quindi non sono riuscite a proteggerle come richiesto dalla legge”.

READ  Un diplomatico filippino oscilla a causa delle incursioni della Cina | Notizie dal Mar Cinese Meridionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *