Giorgino in attesa di Pallone d’Oro, Chelsea e Italia

La stella del Chelsea Giorgino Pallone d’Oro dovrebbe preoccuparsi degli altri e promette di giocare fino a 40 anni, ma avverte l’Italia ‘niente più sorprese’.

Il centrocampista ha conquistato il trofeo dopo lo straordinario 2021, in cui ha vinto la Supercoppa Europea a UEFA EURO 2020 con Italia, Champions League e Chelsea.

“Vi permetto di parlare del Pallone d’Oro e cercare di godervi quel momento”, ha detto Giorgino in conferenza stampa.

“Ci sono ancora pochi mesi per prendere questa decisione. Mi concentrerò sul godermi il presente, poi vediamo cosa succede…”

È stato anche nominato Giocatore dell’Anno della UEFA Champions League.

“Sono stato un centrocampista creativo fino all’età di 13 anni e l’allenatore in Brasile mi ha commosso. Da quel momento in poi ho iniziato a vedere Andrea Birlo e Xavi, accettando tutto ciò che quel ruolo portava.

Alla domanda se Giorgino vorrebbe vedere il resto della sua vita al Chelsea, ha detto di aver considerato la domanda con un po’ di anticipo.

“Non ho privilegi, a dire il vero, non ci penso davvero. Ho 29 anni. Mi chiedi dove finire la mia vita. Voglio giocare fino a quando ne avrò 40! Se mi firmano un Contratto di 10 anni…”

L’Italia è imbattuta da 34 partite contro Bulgaria, Svizzera e Lituania e gioca tre gare di qualificazione ai Mondiali 2022.

“Quando inizia a farsi difficile, perché l’Italia non stupisce più. Siamo dove dovremmo essere, e ora tutti quelli che ci affronteranno lo faranno con un approccio diverso.

“Siamo contenti di quello che abbiamo ottenuto in estate, ma dobbiamo essere umili, perché nel momento in cui riduciamo la nostra sicurezza, solo allora accadranno cose brutte.

READ  Corona virus Italia: i contagi del governo di oggi 6 dicembre. Bollettino e dati in tempo reale

“Roberto Mancini ha cambiato il nostro stile di calcio per adattarlo ai giocatori che abbiamo, il che ha inviato un messaggio che i nostri giochi sono molto divertenti, non solo per quelli all’estero ma anche per gli altri italiani.

“Molte nazionali hanno qualità, ma l’unità che abbiamo come squadra ci distingue. Ha fatto la differenza e penso che andrà avanti”.

La prima partita dopo gli Europei è contro la Bulgaria giovedì sera, con Giorgino che non la prende troppo sul serio.

“Dobbiamo stare attenti alla Bulgaria perché anche loro hanno forza e non dobbiamo stupirci. Sono particolarmente pericolosi in contropiede”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *